Pomodoro: Fasi e Qualità

Fertirrigazione.it
Le fasi fenologiche nello sviluppo del pomodoro.
La coltivazione del pomodoro riguarda varietà a sviluppo sia indeterminato che determinato. Entrambe i tipi di pomodoro attraversano le stesse fasi fenologiche.
 

Varietà a sviluppo determinato e indeterminato.

Nel caso di sviluppo indeterminato il fusto centrale ed i laterali hanno crescita continua. Il numero di foglie tra le infiorescenze è più o meno permanente a partire da una specifica fioritura. Le varietà indeterminate sono coltivate per il mercato fresco e raccolte a mano dopo un certo periodo.

Il pomodoro a sviluppo indeterminato attraversa le stesse fasi fenologiche di quello a sviluppo determinato, con la differenza che nella coltura in serra il periodo di crescita e quindi di raccolta può essere molto più lungo che in pieno campo.

Nel caso di sviluppo determinato il fusto centrale ed i laterali interrompono la crescita dopo un certo numero di infiorescenze in dipendenza della cultivar.

Le varietà determinate, utilizzate per il prodotto da industria, sono raccolte a mano in 2 0 3 passaggi, a macchina in un  solo passaggio. L’uniformità di sviluppo e dei frutti (dimensioni, maturazione) è quindi importante, specialmente in caso di raccolta meccanica.

 

Fasi fenologiche.


Il pomodoro attraversa varie fasi di sviluppo durante il suo accrescimento:

– attecchimento delle giovani piantine;
- accrescimento vegetativo;
- fioritura;
- sviluppo dei frutti;
- maturazione.

Ogni fase comporta diverse necessità nutritive. 
Descriviamo ora gli stadi fenologici del pomodoro in pieno campo. Le informazioni sono puramente indicative, dipendendo dalla varietà, dalle condizioni ambientali e dalla gestione colturale.

Attecchimento: sviluppo di un apparato radicale solido e della parte aerea iniziale della pianta.

Sviluppo vegetativo: avviene nei primi 40-45 giorni, dopo i quali i frutti cominciano il loro continuo sviluppo. Questo periodo è seguito da altre quattro settimane di rapida crescita, mentre la pianta è in fioritura e comincia lo sviluppo dei frutti. Dopo 70 giorni lo sviluppo vegetativo si interrompe quasi completamente, senza ulteriore produzione di sostanza secca nelle foglie e negli steli.

Fioritura ed allegagione: legati alla varietà, alle condizioni ambientali ed al sistema di coltivazione, la fioritura e l’allegagione hanno inizio ca. 20-40 giorni dal trapianto e continuano durante il resto del ciclo di crescita. L’impollinazione avviene attraverso gli insetti pronubi, il vento e i trattamenti ormonali (auxine, a supporto dell’allegagione).

Sviluppo dei frutti: dopo la fioritura e l’allegazione i frutti cominciano a svilupparsi e crescere, facendo registrare in questo periodo il maggior accumulo di sostanza secca ad un ritmo relativamente stabile.

Maturità fisiologica e raccolta: in media la maturità dei frutti viene raggiunta dopo ca. 80 giorni dal trapianto e la raccolta continua con le sole interruzioni dovute a cause climatiche o per ragioni di mercato.


Le fasi fenologiche nello sviluppo del pomodoro.
La coltivazione del pomodoro riguarda varietà a sviluppo sia indeterminato che determinato.
Entrambe i tipi di pomodoro attraversano le stesse fasi fenologiche.

 

Una nutrizione bilanciata della coltura gioca un ruolo chiave verso gli standard qualitativi sia del pomodoro per il mercato fresco sia per quello da industria.

Parametri qualitativi per il pomodoro da mercato fresco. I seguenti parametri sono essenziali per tale categoria di prodotto:

– Colore deciso e brillante (senza spalle verdi o macchie non mature).
- Uniformità nelle dimensioni e nell’aspetto.

– Consistenza della buccia e della polpa (frutti più duri sono più resistenti agli urti ed hanno una maggiore conservabilità).
- Sapidità: un alto contenuto di zuccheri (principalmente fruttosio) e di acidi (prevalentemente acido citrico) conferisce il miglior gusto.
- Pulizia ed assenza di difetti visibili.
- Caratteristiche positive per la salute, come un alto contenuto di licopene (anti cancerogeno) e di vitamina C.

Parametri qualitativi per il pomodoro da concentrato. I seguenti parametri sono essenziali per tale categoria di prodotto:

– Elevato contenuto di sostanza secca, che significa meno acqua nel frutto con risparmio economico nel processo di lavorazione.
- Alto °Brix, alto contenuto di solidi solubili totali (TSS>99% degli zuccheri).
- Colore del succo, prima e dopo il processo di lavorazione.
- Alto contenuto di licopene.
- Viscosità (legata al contenuto di solidi insolubili, ca. il 50% dei solidi totali).
- Acidità (pH).
- Presenza/assenza di funghi (indice di Howard).

Parametri qualitativi per il pomodoro da pelati. I seguenti parametri sono essenziali per tale categoria di prodotto:

– Colore deciso.
- Assenza di difetti visibili, sia prima che dopo la lavorazione.
- Facilità nella pelatura.
- Calibro uniforme.
- Elevate qualità organolettiche del prodotto finito.

L’uniformità di maturazione nel pomodoro

Significa che tutti i frutti raggiungono la maturazione nello stesso momento. Una nutrizione bilanciata assicura una uniformita di maturazione e frutti omogenei e ben colorati. A tale scopo vengono utilizzate le varietà a sviluppo determinato.

 

La raccolta comincia quando il 90% dei frutti è maturo (di colore rosso). L’industria accetta anche frutti con colorazione non uniiforme. In alcuni casi vengono utilizzati prodotti maturanti che, applicati parecchie settimane prima della raccolta, massimizzano la percentuale di colorazione dei frutti.

Comunque gli attributi qualitativi per i frutti di pomodoro raggiungono il loro valore ottimale una settiaman prima della data di raccolta agronomica e rimangono costanti per quasi una settimana.

Per tale ragione il momento migliore per l’inizio della raccolta si basa sugli aspetti agronomici, più che su parametri fisico-chimici (pH, °brix, consistenza, colore, contenuto di coretenoidi), in conseguenza del fatto che la produzione attesa con la raccolta viene raggiunta dopo la qualità analitica.

Soprattutto per l’industria conserviera (sia di pelato intero che a pezzi) i frutti devono essere di dimensioni omogenee e di colorazione uniforme.

Sotto l’aspetto nutrizionale della coltura ciò significa somministrare sufficienti quantità di Potassio (K) poichè le quantità richieste per la produzione di bacche uniformemente mature sono considerevolmente superiori a quelle richieste per il massimo raccolto.

 

  • luigi

    SALVE , HO UN CAMPO DI POMODORI E DOVREI CERCARE DI MATURARE I POMODORI UN MANIERA PIU UNIFORME , POTETE CONSIGLIARMI UN PRODOTTO PER MATURARE , CIAO

Torna su