Quote Latte: inapplicabilità delle procedure. Pubblicato il Decreto del 10 agosto 2011 (Gazzetta Ufficiale serie generale n° 249 del 25 ottobre 2011)

E’ stato pubblicato il decreto ministeriale che proroga, per il periodo di commercializzazione 2011-2012, la inapplicabilità delle norme che regolano il livello della quota individiuale di produzione di latte.

___________________________________________________________________________________

DECRETO 10 agosto 2011.

Inapplicabilità della procedura di cui all’articolo 72, pa- ragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del 22 ottobre 2007, per il settore lattiero-caseario – Periodo di commercializzazione 2011/2012.

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

Visto il regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del 22 ottobre 2007 e successive modificazioni, recante organizzazione comune dei mercati agricoli e disposizio- ni per taluni prodotti agricoli e in particolare l’art. 72, pa- ragrafo 2, che, per la gestione delle quote nel settore del latte, lascia allo Stato Membro la facoltà di decidere se e a quali condizioni la quota inutilizzata è riversata in tutto o in parte nella riserva nazionale;

Vista la comunicazione della Commissione al Consi- glio COM (2009) del 22 luglio 2009, concernente la si- tuazione di crisi del mercato lattiero-caseario nell’Unione Europea e in particolare la necessità di adottare misure per alleviare la situazione ed evitare ulteriori cadute del prezzo di mercato del latte nonché sostenere il processo di ristrutturazione e facilitare un atterraggio morbido del settore in vista dell’estinzione del regime delle quote latte al 1° aprile 2015;

Visto l’art. 4, comma 3, della legge 29 dicembre 1990, n. 428, recante disposizioni per l’adempimento di obbli- ghi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee (legge comunitaria per il 1990);

Visto il decreto ministeriale 4 agosto 2010 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 221 del 21 settembre 2010), recante l’inapplicabilità della procedura di cui all’art. 72, paragrafo 2, del citato regola- mento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio che, al comma 2 dell’art. 1, prevede le modalità per disporre, in ragione della situazione del mercato del latte, la proroga della ci- tata inapplicabilità;

Considerato che, per favorire una graduale uscita dal regime delle quote latte e tenuto conto dell’incertezza de- gli sviluppi della situazione di mercato del settore lattie- ro-caseario, è opportuno disporre che i produttori possano mantenere il loro quantitativo di riferimento individuale, anche nel caso in cui non raggiungono il prescritto livello produttivo di almeno l’85% della propria quota indivi- duale di riferimento;

Ravvisata, pertanto, la necessità di prorogare le misure di cui all’art. 1, comma 1, del decreto ministeriale 4 ago- sto 2010 anche per la campagna 2011-2012;

Acquisita l’intesa della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano nella seduta del 27 luglio 2011;

Decreta:

Art. 1.

1. Le misure di cui all’art. 1 del decreto ministeriale 4 agosto 2010 citato in premessa sono prorogate per il periodo di commercializzazione 2011/2012. Il presente decreto è trasmesso alla Corte dei conti per la registrazione ed entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Re- pubblica italiana.

Roma, 10 agosto 2011

Il Ministro: ROMANO

Registrato alla Corte dei conti il 4 ottobre 2011

Ufficio di controllo atti Ministeri delle attività produttive, registro n. 8, foglio n. 147

Di Virgilio

 

www.cibusonline.net cibus@nuovaeditoriale.net

Torna su