Ismea, prezzi agricoli: più 1,5% a novembre, ma frena dinamica tendenziale

Quarto recupero mensile, a novembre, per i prezzi dei prodotti agricoli in Italia, con un più 1,5% rispetto a  ottobre. Ma la forbice con l’anno scorso si è chiusa ulteriormente, come evidenziato dalla dinamica tendenziale (il confronto è con lo stesso mese del 2010) scesa al +7,9%, dal 9,4% di ottobre.

E’ quanto emerge dalla consueta rilevazione Ismea effettuata attraverso l’indice dei prezzi agricoli alla produzione, salito a 131,7 (base 2010=100). Su base mensile – spiega l’Istituto – l’aumento riflette i rincari del 2% delle coltivazioni e dell’1,3% dei prodotti zootecnici, con questi ultimi favoriti nel dato tendenziale (+11,7% rispetto a novembre 2010) rispetto alle produzioni vegetali, che hanno comunque chiuso con un divario positivo del 4,3% su base annua.

Rispetto al mese di ottobre hanno recuperato, seppure solo lo 0,5%, i cereali, grazie al rimbalzo del mais, ma soprattutto ai rincari dei risoni, con i frumenti che hanno invece subito ancora deprezzamenti. Un contributo positivo è venuto anche dal comparto frutticolo (+13,3% su ottobre), con buoni sviluppi soprattutto per  mele e uva da tavola, mentre gli ortaggi hanno chiuso con un calo medio delle quotazioni all’origine del 3,8%.

Vini ancora in buona evidenza in tutti i centri di scambio nazionali, con i prezzi che hanno spuntato in media un 2,8% di aumento. Brusca frenata, invece, per gli oli di oliva (-10%), dopo l’avvio ufficiale della nuova campagna, con pressioni alla vendita legate allo smaltimento delle giacenze degli oli di vecchia produzione. Cedono invece solo lo 0,2% le colture industriali.

Nel comparto zootecnico, novembre ha chiuso con il segno positivo per tutte le produzioni, ad eccezione dei lattiero caseari (-0,3%), in un mercato che ha favorito principalmente gli avicoli (+4,7% l’aumento mensile) – nonostante l’andamento piatto dei polli – e il bestiame ovicaprino.

Su base annua spiccano soprattutto gli aumenti di suini (+26,9%) e avicoli (+18,4%). Per latte e derivati si registra in media un più 9,4% tendenziale, mentre i prezzi dei bovini vivi hanno chiuso in crescita dell’8,8% su novembre 2010.

Nel comparto vegetale sono i vini a segnare la migliore performance, con un aumento medio dei listini del 27,7% rispetto all’anno scorso. I livelli attuali delle quotazioni mostrano invece un divario negativo, su base annua, per oli di oliva (-3,8%) e ortaggi (-7,3%), mentre resta positivo il differenziale dei prezzi dei cereali (+2,7%)  e della frutta (+4,1%).

FONTE ISMEA Roma, 6 dicembre 2011

 

www.cibusonline.net cibus@nuovaeditoriale.net

Torna su