Grana: prezzi ancora in calo


Roma 18 marzo 2012 – La settimana appena trascorsa, la terza del mese di marzo, è stata caratterizzata da un decremento dei listini per entrambi i grana a denominazione.

Rispetto al medesimo periodo di riferimento del 2011 i prezzi medi sono scesi di oltre il 5% per il Grana Padano 4-12 mesi ed è stato superato il tetto del 11% per il Parmigiano Reggiano 12 mesi.

Quest’ultimo vede ancora in calo maggiormente le quotazioni della produzione 12 mesi, con aggiustamenti al ribasso a Parma anche per la produzione 2010.

Le contrazioni per il Grana Padano, pari a 5 centesimi, si sono palesate su tutti i maggiori centri di scambio coinvolgendo nei ribassi la sola produzione più fresca.

L’ottava in esame, inoltre, per ciò che concerne le tipologie di burro, ha evidenziato una ulteriore fase flessiva delle quotazioni.

Entrando nel dettaglio prodotti, il pastorizzato sui centri di scambio di Cremona e Milano ha lasciato al mercato 5 centesimi rispetto a sette giorni fa. Su quest’ultima piazza menzionata e a Mantova il burro classificazione CEE è retrocesso di ulteriori 2 centesimi, portando i listini di entrambe a 1,90 euro al chilo.

Si concretizzano anche per lo zangolato arretramenti sui centri di scambio emiliani e lombardi pari a 5 centesimi al chilo.

Totale stabilità per gli altri formaggi sui vari mercati monitorati.

PRODUZIONE PARMIGIANO REGGIANO

Sul fronte produttivo, i dati aggiornati al mese di Gennaio 2012 indicano un incremento della produzione, rispetto al medesimo periodo di riferimento del 2011 pari al +7,6%, con un numero di forme prodotte pari a 291.018 (Fonte Consorzio di Tutela Parmigiano Reggiano).

Delle province facenti parte del comprensorio quella di Reggio Emilia palesa la performance migliore con +10%, a seguire Mantova e Modena (rispettivamente +8,6% e +8,3%) infine Parma con +5,2% e Bologna +2,2%.

CONSEGNE LATTE CRUDO

Per ciò che concerne la materia prima l’Agea ha reso disponibili i dati relativi alle consegne di latte (non rettificate) aggiornate al mese di gennaio 2012. Nel solo mese di gennaio in Italia sono state consegnate 945.701 tonnellate di latte (+1,2% rispetto a gennaio 2011). I dati cumulati relativi alla campagna aprile-gennaio 2011/2012 indicano un totale di latte consegnato pari a 8.959.926 di tonnellate, facendo registrare il +2,2% rispetto al medesimo periodo della campagna precedente.

FONTE ISMEA

www.cibusonline.net cibus@nuovaeditoriale.net

Torna su