Risparmi: la favola è finita

Milano, 19 aprile  2012

Gli italiani non risparmiano e non consumano. Secondo il Bollettino economico della Banca d’Italia, la propensione a mettere da parte dei soldi è diminuita dello 0,7% nel 2011 e in pochi anni è passata dal 16 al 12%. Le spese delle famiglie, invece, sono calate dello 0,8% nel secondo semestre dell’anno scorso, con la contrazione maggiore registrata dai beni durevoli. D’altra parte, è difficile fare le “formiche” o le “cicale” quando il reddito disponibile si riduce (in tre anni ha segnato -5%).

Nella relazione di accompagnamento al Documento di economia e finanza, approvato dal Governo mercoledì 18 aprile, si prevede un ritorno alla crescita nel 2013. Sono stime, mentre è oggi un dato di fatto che il Belpaese si trovi in una recessione, aggravata da una profonda crisi occupazionale, come ha sottolineato il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, intervenuta in videoconferenza all’apertura del Salone del risparmio che si tiene in questi giorni a Milano.

Tratto da: Morningstar – Sara Silano è Caporedattore di Morningstar in Italia.

 

www.cibusonline.net cibus@nuovaeditoriale.net

Torna su