Prezzi al consumo: dinamiche contenute

I prezzi al dettaglio del comparto agro-alimentare relativi alla prima settimana di settembre (3 – 9 settembre) evidenziano, rispetto alla precedente (27 agosto – 2 settembre), dinamiche contenute per i principali settori. Variazioni rilevanti, superiori al 2%, si riscontrano, rispetto ai singoli prodotti, in positivo, per yogurt, pomodori rossi a grappolo, patate comuni, piselli in scatola, acqua minerale naturale e sale fino, e, in negativo, per fettina di bovino adulto, orata, tonno sott’olio, marmellata di albicocche e succhi di arancia.

Diversa la situazione riscontrata dall’analisi su base annua, da cui risultano tassi di variazione rilevanti generalizzati tra i vari settori del comparto, ad eccezione di Latte e derivati.

Rispetto alle aree geografiche, per la settimana in esame, limitatamente ai prodotti monitorati, si individua la prevalenza di prezzi medi più competitivi al Sud e isole mentre sono il Nord est ed il Centro a far registrare una presenza di prezzi superiori al livello medio nazionale.

Derivati dei cereali

Nella prima settimana di settembre (3 – 9 settembre 2012) i prezzi medi al dettaglio si caratterizzano, rispetto alla settimana precedente e limitatamente ai prodotti monitorati, per una dinamica contenuta, in negativo, per pane fresco e biscotti frollini, e in positivo per pasta di semola, fette biscottate e cereali prima colazione. Rispetto alla stessa settimana dello scorso anno si registra una crescita dei prezzi diffusa all’interno del settore.

Per pasta di semola il dettaglio per area geografica evidenzia una dinamica congiunturale dei prezzi particolarmente positiva al Nord ovest a fronte di una tendenza al ribasso nelle restanti aree. Dal confronto dei prezzi su base annua la crescita riscontrata su base nazionale trova conferma tra le diverse ripartizioni geografiche, ad eccezione del Centro, il cui prezzo tende al calo. Il Nord ovest si caratterizza per un livello di prezzo superiore al dato medio nazionale mentre è l’area del Centro a far registrare un livello di prezzo più competitivo.

I prezzi medi di pane fresco si caratterizzano, rispetto alla settimana precedente, per un lieve calo imputabile alle aree del Nord; stabile il prezzo al Centro ed in calo al Sud e isole. Dal confronto su base annua un aumento dei prezzi si riscontra al Nord est ed al Sud e isole mentre dinamiche negative interessano le aree del Nord ovest e del Centro.  Per tale prodotto un livello di prezzo fortemente superiore al dato medio nazionale si evidenzia al Nord est, mentre ben al di sotto della media nazionale appare il prezzo nelle ripartizione del Sud e Isole.

Con riguardo alle fette biscottate, la crescita dei prezzi registrata a livello nazionale sia congiunturale – ad eccezione del Sud e isole – sia tendenziale, è sintesi di un incremento generalizzato nel territorio nazionale. In termini di livelli di prezzo, listini superiori al dato medio nazionale si registrano al Nord ovest e al Centro mentre i più competitivi al Nord est e al Sud e isole.

Carne, salumi e uova

Prevale una tendenza al ribasso su base congiunturale dei prezzi medi al dettaglio nel settore di Carni, salumi e uova, ad eccezione di prosciutto crudo e uova confezionate i cui prezzi si mantengono stabili. Dal confronto su base annua si riscontra una crescita dei prezzi per uova confezionate, salame di Milano, petto di pollo e prosciutto crudo. Una dinamica negativa interessa braciole di suino e fettine di bovino adulto.

Latte e derivati

I prezzi medi al dettaglio delle principali voci del settore evidenziano, nella settimana in esame, una dinamica congiunturale tesa al ribasso per latte fresco intero, mozzarella vaccina e crescenza/stracchino e al rialzo per parmigiano reggiano e yogurt . Dal confronto su base annua risulta in calo il prezzo medio di mozzarella vaccina, parmigiano reggiano e crescenza/stracchino. Stabili i prezzi di latte fresco intero mentre un incremento si registra per quelli di yogurt.

Il latte fresco intero si caratterizza, rispetto alla precedente settimana, per una contrazione di prezzo limitata al Nord ovest; stabile il prezzo al Centro-Meridione mentre una lieve crescita si registra al Nord est.

Per il parmigiano reggiano la dinamica di prezzo riscontrata a livello nazionale sia rispetto alla precedente settimana, sia rispetto alla stessa settimana dello scorso anno, appare diffusa tra le diverse aree geografiche, ad eccezione del Nord est. A caratterizzarsi per prezzi più sostenuti sono le regioni del Nord ovest mentre è l’area del Sud e isole a far registrare il livello di prezzo medio più competitivo.

Ortofrutta

Nell’ambito del segmento del fresco nella settimana in esame si è registrato, rispetto alla settimana precedente, un incremento dei prezzi medi per pomodori rossi a grappolo, patate comuni e lattuga romana ed un calo per mele golden delicious e limoni. Riguardo la dinamica su base annua, risultano in forte crescita i prezzi di tutti i prodotti monitorati, ad eccezione di mele golden delicious. Nel trasformato si ha, rispetto alla precedente settimana, una crescita dei prezzi per piselli surgelati, piselli in scatola e passate di pomodoro ed un calo per marmellata di albicocca e succhi di arancia. Il confronto su base annua evidenzia incrementi consistenti per passate di pomodoro e piselli in scatola ed un calo per marmellata di albicocca e succhi di arancia. Le passate di pomodoro evidenziano, nel dettaglio geografico, diffusi tassi di crescita sia su base congiunturale, sia dal confronto su base annua.

Ittici

I prezzi medi del settore si caratterizzano, nella settimana in esame, per una dinamica negativa su base congiunturale diffusa tra i prodotti monitorati. Dal confronto su base annua si rileva un incremento dei prezzi per sogliola surgelata e tonno sotto’olio ed un calo per orata.

Altri prodotti alimentari

Tra gli Altri prodotti, nella settimana in esame i prezzi medi al dettaglio risultano, rispetto alla settimana precedente, in calo per olio extravergine di oliva, vini da tavola rossi e caffè e in crescita, per zucchero normale e, soprattutto, acqua minerale naturale e sale fino. Su base tendenziale, prezzi in netta crescita si registrano per acqua minerale naturale e sale fino. In aumento anche i listini di vini da tavola rossi e caffè, mentre calano i prezzi olio extravergine di oliva e zucchero normale.

L’olio extravergine di oliva registra, sia su base congiunturale, sia tendenziale, una contrazione dei prezzi diffusa nel territorio nazionale. Un livello di prezzo superiore alla media nazionale si ha al Centro mentre più competitivo il dato che si registra al Nord ovest.

Per i vini da tavola rossi nell’ambito del territorio nazionale i prezzi medi appaiono, rispetto alla scorsa settimana, in calo al Nord ovest e stabili sulle restanti ripartizioni geografiche. Dal confronto con la stessa settimana del 2011 si evidenziano incrementi sull’intero territorio nazionale. I prezzi medi al dettaglio di tale prodotto risultano più contenuti al Nord est.

L’acqua minerale naturale registra, dal confronto con la settimana precedente, una crescita dei prezzi medi particolarmente rilevante al Nord ovest; in crescita i listini anche al Nord est ed al Centro. La dinamica tendenziale si caratterizza per incrementi limitati al Nord ovest ed al Sud e isole. Il prezzo più competitivo si ha al Centro mentre quello più sostenuto si registra al Nord ovest.

(Fonte Ismea)

Torna su