Caseari: anche la terza settimana di marzo con scarse novità

– redazione  ismea –

28 marzo 2013 –

La terza settimana di marzo si presenta con scarse novità per i formaggi a pasta dura; Grana Padano e Parmigiano Reggiano infatti confermano i prezzi delle precedenti rilevazioni su tutti i centri di scambio. Solo a Parma per le quotazioni di Parmigiano Reggiano si è registrato un adeguamento al rialzo nella quotazione minima della produzione 12 mesi, avvicinandolo così ai valori delle altre piazze.
Gli ultimi dati produttivi aggiornati dal Consorzio di Tutela del Parmigiano Reggiano indicano, per il mese di febbraio un numero di forme pari a 270.275 , registrando il 2,41% in meno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato cumulato gennaio-febbraio del corrente anno rispetto ai primi due mesi del 2012, evidenzia ancora un dato in flessione con una produzione totale di 555.162 numero di forme (-2,3%).
Tornando alla dinamiche di mercato, anche per le materie grasse nel corso dell’ultima ottava non si sono mostrate variazioni nelle contrattazioni sulle principali borse merci, con richieste stabili e listini ancorati sui medesimi valori di sette giorni fa. Solo su Milano la crema di latte  a fronte di un aumento delle richieste recupera ulteriori 2 centesimi, toccando il valore di 1,74 euro al chilo.

Torna su