Credito, ancora in calo nelle campagne

 

credito_agrario_cibus

-7% nel secondo trimestre 2013.

 

Roma, 6 novembre 2013 – Meno credito, nel secondo trimestre 2013, nelle campagne italiane. I finanziamenti bancari complessivamente erogati al settore primario sono scesi, tra aprile e giugno di quest’anno, a 660,5 milioni di euro, facendo segnare una contrazione del 7,1% rispetto allo stesso periodo del 2012.
Lo rende noto l’Ismea, sulla base dei dati Sgfa, nella consueta analisi trimestrale sulla dinamica del credito agrario.

Nel dettaglio territoriale emergono variazioni di diversa intensità e talvolta divergenti. Più accentuata la flessione delle erogazioni al settore primario nelle regioni del Nord Ovest e nelle Isole, rispettivamente del 29 e del 24 per cento su base annua, a fronte di riduzioni del 12% al Centro Italia e del 7% nel Nord Est. In controtendenza le regioni del Sud, dove il credito è invece aumentato di circa il 40% su base annua anche per fattori stagionali. L’area continua tuttavia a rappresentare una quota limitata del credito agrario valutato su base nazionale, pari al 18%, contro il 61% del Nord.

In relazione alla durata, l’analisi Ismea rivela nel secondo quarto dell’anno una diminuzione dei finanziamenti di medio-lungo termine, che rappresentano comunque l’80% del totale, a fronte di un aumento dei prestiti a breve. Rispetto al secondo trimestre 2012 si riduce, in particolare, del 7% il credito di medio termine e del 17,6% quello di lungo periodo, mentre crescono del 29,2% le erogazioni con durata inferiore ai 18 mesi.

Da rilevare, infine, che le somme concesse per finalità correnti sono cresciute di quasi 32 punti percentuali su base annua. Contestualmente sono aumentate, seppure in misura più modesta, i finanziamenti per interventi di ristrutturazione (+12,8% rispetto al secondo trimestre del 2012), mentre hanno accusato un meno 17% i prestiti concessi per investimenti.

Secondo l’Ismea, la flessione osservata a livello nazionale sia della domanda interna che degli investimenti fissi lordi complessivi non ha risparmiato il settore primario. A fronte della minore propensione a investire, si registra in agricoltura una crescita dei fabbisogni di liquidità per la gestione ordinaria e per interventi di ristrutturazione dei debiti.

(Ismea)

Torna su