Inarrestabile salita del Parmigiano 12 mesi.

caldaie PRRE_cibus

Mercati tranquilli ma sale ancora il latte SPOT.

 

di Virgilio – Parma, 27 Novembre 2013 –

Mercati sostanzialmente tranquilli tranne una ripresa, per la seconda settimana consecutiva del latte spot sulla piazza di Verona.  Altri 50 centesimi che portano il valore massimo a 54,64 €/100 litri e 53,61 come valore minimo. Sembra invece inarrestabile l’ascesa del Parmigiano Reggiano, 12 mesi d’invecchiamento, che a Parma guadagna ulteriori 5 centesimi portando la quotazione più elevata a 9,35 €/kg . Ferme invece le quotazioni delle stagionature 24 mesi.

Grana Padano e burro rimangono fermi alle quotazioni della precedente settimana.

 AMBROSI GIUSEPPE_gde_CIBUS

– Latte – i chiaroscuri del settore.

Il settore lattiero caseario nazionale ha forti potenzialità difficilmente esprimibili in questo periodo di crisi. La conferma viene dal presidente di Assolatte, Giuseppe Ambrosi, il quale nel fotografare il 2013 che sta chiudendo evidenzia come la competitività del comparto sia mortificata da diversi fattori: il costo del denaro, del lavoro e dell’energia, dal peso del fisco e dei prezzi delle materie prime. Insomma, costi di produzione troppo elevati e un quadro burocratico e normativo tra i più difficili e costosi del mondo.

Un allarme quello lanciato dal presidente della associazione confindustriale, che dovrebbe essere preso in considerazione anche alla luce dei fatti riconducibili alle “Quote Latte” e ai recenti sviluppi che vedrebbe messo in discussione tutti i conteggi produttivi e le conseguenti “Multe” derivate.  La difficile situazione  che il presidente Ambrosi evidenzia, deriva “da anni di crescita modesta rispetto alle reali potenzialità, il 2013 si chiuderà con un calo generalizzato della produzione e dei consumi”. Le vendite nel corso del 2013 sono calate sensibilmente: Latte fresco: – 4%, latte UHT -3% e latte fermentato -5%. I formaggi DOP cedono spazi a formaggi alternativi come sta accadendo al Parmigiano Reggiano e al Grana Padano mentre quelli che ancora reggono lo devono a una forte “pressione promozionale”. Unica eccezione la mozzarella che nella variante “da cucina”  ha visto crescere i consumi a confermare della rinnovata tendenza d’acquisto verso le materie prime e gli ingredienti per le preparazioni casalinghe. Sul fronte export, una volta roccaforte del settore caseario, Ambrosi sottolinea come all’aumento dei volumi si siano ridotti i prezzi medi. Nel 2012 è stata superata la soglia delle 300.000 tonnellate di prodotti esportati con una crescita del 7% alla quale si è accompagnata una riduzione dei prezzi medi. “Una tendenza confermata anche nel 2013, conclude Giuseppe Ambrosi, Fino ad agosto abbiamo registrato vendite all’estero per un totale di 213.000 tonnellate con un aumento del 6,1% a fronte di un calo dei prezzi medi del 4,4%”. “Il made in Italy piace ma non a ogni costo”.

 BURRO CEE MI BURRO PR BURRO RE BURRO ZANGOLATO MI GP 9M MI LATTE SPOT VR TUTTO PRRE 12M PR PRRE 24M PR PRRE 24M RE

 

 

 

 

Torna su