Vacanze e prelievi. Siamo alle solite.

 

POS_cibusSiamo alle solite. Anche il Governo Renzi è cascato nella tentazione di passare per le vie brevi e tassare i soliti ignoti e idioti con ogni mezzo.

di Lamberto Colla —

Parma, 6 Luglio  2014 –

Il periodo di vacanza, per coloro che potranno permettersela, si accorcia ma i carburanti aumenteranno non appena si spegneranno le luci delle fabbriche e la massa di lavoratori inizierà a sciamare. Chi verso la meta desiderata da una vita di sacrifici, chi per fare ritorno al proprio bel paisiello del Sud, chi invece andrà a ritemprarsi in qualche  sperduto, e a buon mercato, villaggio alpino. Tutti partiranno negli stessi giorni e saranno accomunati dal medesimo destino: aumento della spesa in carburanti e maggior consumo dei medesimi per le solite inesauribili “code” per lavori in corso mai terminati e anticipati da segnaletica stradale schizofrenica e randomizzata.

“Ma chi se ne frega, sto andando in vacanza, e non voglio pensare più a niente” è il pensiero comune di questa “colonia estiva” disposta a spendere 5 euro in più al giorno  pur di godersela un po’. 

E come tutte le prede troppo rilassate diventano oggetto delle attenzioni anche dei predatori più anziani.

Così, appena prima, durante e subito dopo le vacanze giù con le batoste sotto ogni forma anche la più celata e vigliacca come l’aumento dei carburanti o la ripresa dell’anatocismo bancario piuttosto che l’obbligo di acquisto dei POS e per finire con il Canone Rai esteso ai PC e ai sistemi di videosorveglianza.

Tutta roba già vista, sentita e bevuta come l’olio di ricino da bambino in tutti i governi di cui ho memoria. Ma quello che non avrei voluto vedere dal Governo Renziano è proprio questo. Invece NO, anche lui si è lasciato tentare dalla voglia irrefrenabile di “Vincere Facile” e passare dal bancomat a prelevare con codici taroccati. 

Ma basta non se ne può più!

Basta con la solita scusa della necessità di tracciare il contante per combattere l’evasione fiscale. In questo modo si opprime ancor più la possibilità di operare ai più piccoli. Ben venga il POS se a questo non fossero connessi altri costi improduttivi che si tramutano in ricavi per gli istituti di credito. Quelle stesse banche che non erogano credito alle medesime imprese dalle quali spillano continuamente risorse. Ci mancava solo   la vigliaccata di reintrodurre l’anatocismo bancario (calcolo di interessi sugli interessi) introdotto spregiudicatamente in un DL non d’oggetto bancario ma d’agricoltura (91 del 24 giugno 2014 articolo 31) per completare il film già visto. 

Gli 80 euro offerti con la mano destra sono stati già sottratti, con gli interessi, dalla mano sinistra. 

Già perché ormai da qualche giorno si è cominciato a parlare di prossimo aumento di carburanti, cosa che comunque sta già avvenendo da alcune settimane, con il rischio sempre più certo che la benzina raggiunga quota 2 euro entro agosto, di ritocco delle accise sui tabacchi e sulle sigarette elettroniche (sarà presentato in consiglio dei ministri il 10 luglio), della necessità di una nuova manovra finanziaria di 10 miliardi, è la stima di Mediobanca, dovuta alla ulteriore riduzione del PIL e per favorire la concessione da parte della UE di maggiore flessibilità utile a mettere in moto il pacchetto delle riforme.

Insomma prima si paga poi forse le promesse saranno mantenute. E la UE dei burocrati continua a pretendere senza concedere. Lo si è visto con l’operazione d’accoglienza umanitaria “Mare Nostrum” (costa 9 milioni di euro al mese); oltre alle solite frasi “L’Italia non è sola” nulla si è ancora fatto per sostenere l’Italia in questa operazione, al contrario, la Germania ha confermato che se profughi provenienti dall’Italia cercheranno asilo da loro verranno rispediti indietro.

Ci aspetta un’altra estate torrida ad alto rischio “aflatassine”. 

 

 

 

Torna su