Nella palude UE

 

sabbie mobili_pericolo

E‘ iniziato il “percorso vita” di Matteo Renzi nel campo d’addestramento UE. Saranno 6 mesi di passione.   

di Lamberto Colla —

Parma, 13 Luglio  2014 –

Dopo le adulazioni della Merkel saranno ben poche le lusinghe che raccoglierà il nostro premier durante la sua presidenza di turno al Consiglio Europeo. Gli attacchi meno pericolosi gli giungeranno dall’Italia mentre dovrà prestare attenzione alle ben più insidiose trappole disseminate lungo il cammino in terra europea. Tra sei mesi vedremo se il “selfie” dell’europa sarà ringiovanito dalla cura italiana o se invece sarà ancora quello descritto da Renzi nel suo discorso di insediamento:  «con estrema preoccupazione devo dire che se l’Europa oggi si facesse un selfie emergerebbe il volto della stanchezza, in alcuni casi della rassegnazione: mostrerebbe il volto della noia».

Ma attenzione a giudicare annoiati e perditempo i “tecno-lobbisti” seduti nell’emiciclo di Bruxelles e Strasburgo. No, loro  l’agenda l’hanno bene in mente e la seguiranno con riservata dedizione. Una agenda scritta dalle lobby delle multinazionali del Nord Europa e della Finanza a vantaggio dei soliti pochi Governi che le accolgono e difendono a suon di regolamenti comunitari. 

L’Europa nasce per mettere in comunione popoli e risorse e si ritrova oggi a non accettare i popoli e a depredare le risorse altrui.

I pilastri di questo impero sono stati nuovamente consolidati con la riconferma di Martin Schulz alla presidenza del Parlamento (è la prima volta che un presidente viene riconfermato) e con la nomina di  Jean Claude Juncker alla presidenza della Commissione UE.

 Un tandem merkelcentrico di campioni di serietà, rigore e imparzialità ma anche di lungimiranza e apertura politica. Due campioni di tolleranza e cooperazione. Il primo, il presidente riconfermato Martin Schulz è riuscito nella difficile impresa di mettere d’accordo Berlusconi che lo etichettò “Kapo’” con l’acerrimo nemico Grillo che invece, a sua volta, venne bollato come “Stalin” dal rigoroso Shulz.

E che dire del giovane rampante Jean Claude Jucker, per diciotto anni alla guida del Lussemburgo, che ha accolto invece degli emigrati, la nostra FIAT a completamento di un percorso di internazionalizzazione del piccolo Paese nordico il quale, come ha ricordato il Financial Times nei giorni scorsi, e riportato da Italia Oggi il 9 luglio,  Juncker sarebbe “L’architetto del più grande paradiso fiscale d’Europa, Jean-Claude Juncker dovrebbe ora trasformarsi in alfiere della lotta all’evasione”. Non c’è andato giù leggero il quotidiano di finanza britannico il quale aggiunge che   “Nei 18 anni in cui è stato capo del governo,  il Lussemburgo è diventato il più grande paradiso fiscale d’Europa. I detrattori affermano che ha attratto miliardi di dollari e di euro da privati e imprese che puntavano a evadere il fisco dei rispettivi paesi. E dal 1980  il sistema finanziario del paese è cresciuto praticamente da zero a 3.000 miliardi di euro”.

Il presidente della Commissione avrà quindi  maggiore interesse  nel risolvere la questione con la Gran Bretagna e il premier Cameron (si era opposto con forza alla sua nomina) piuttosto che assecondare il nostro Renzi nel processo di rinnovamento della politica europea. Meglio, per lui recuperare un alleato utile alle manovre finanziarie piuttosto che sostenere un Paese che, se dovesse riprendersi, potrebbe portare scompiglio negli equilibri di potere in seno all’Europa. Una Italia forte sarebbe una spina nel fianco all’Europa del nord.

Se solo per un attimo la Francia lasciasse perdere la sua autoreferenzialità potrebbe trovare nell’Italia il miglior alleato per recuperare i valori e le economie dei Paesi del mediterraneo di cui fa parte. Un’alleanza   di peso enorme che potrebbe dare una svolta a questa europa che non può reggersi solo sul rigore, spesso più formale che sostanziale.

Non avrà vita facile il nostro buon “boy scout”. Se supererà indenne le paludi UE qualche speranza di sostegno alla ripresa Italiana e per immaginare un’Europa  come era nella idea dei costitutori si potranno ancora coltivare. 

 

 

 

Torna su