Vinoterapia, un bagno di lunga vita

 

Uva_foglie_CIBUS

Antiossidante, diuretico, tonificante per  il corpo e per lo spirito. Il vino si versa non solo nel bicchiere ma anche nella vasca da bagno.

Torgiano,  16 luglio 2014 – 

 

  Nata negli anni ’90 in Francia, la vinoterapia ha in Italia sempre più seguaci che la scelgono come trattamento estetico contro l’invecchiamento cutaneo e come “terapia” di coppia. Vuoi per il luogo ricco di atmosfera dove si riceve il trattamento, vuoi per l’effetto rilassante che hanno acini e vinaccioli sul corpo, il vino è diventato un vero e proprio cosmetico di coppia al punto che le cantine che offrono trattamenti di vinoterapia sono diventate una meta top nell’estate 2014. Il trattamento estetico a base di uva e suoi derivati che, oltre a quella antietà, ha anche funzioni depurative, rilassanti e dimagranti, è una moda che non tramonta e che anzi rinnova le sue potenzialità cosmetiche apprezzate da un vasto pubblico. A Torgiano, sulle colline umbre tra vigneti e olivi secolari, le Cantine Lungarotti hanno una Spa che dal nome, Bella Uve, all’elenco dei trattamenti declina il vino in tutte le sue potenzialità di bellezza. In un edificio del Settecento, nel resort Le Tre Vaselle del gruppo Lungarotti, è possibile inebriarsi con Bacco: la Spa propone dai bagni nel Sangiovese alle cure per la pelle con acini e vinaccioli, massaggi di…vini alla testa e ai piedi e un particolarissimo Hammam di vinum, uno scrub purificante con sale grosso, olio d’oliva Cantico (Lungarotti) e foglie di vite rossa in preparazione al percorso emozionale dell’Hammam dove la coppia può ritrovare armonia e benessere. “Siamo tra i primi centri benessere in Italia dedicati alla vinoterapia – dice Chiara Lungarotti, amministratore unico del Gruppo Lungarotti che comprende 250 ettari vitati tra la Tenuta di Torgiano e quella di Montefalco, 2 cantine, 25 etichette e 2,4 milioni di bottiglie prodotte -. In questi anni abbiamo messo a punto un metodo all’avanguardia in Italia, forti anche della nostra tradizione enologica incentrata sulla qualità e dall’essere nel cuore di una delle zone DOC più rinomate del Paese”. Alla base dei trattamenti che vanno dai 60 euro a persona per il massaggio ai vinaccioli ai 240 per il percorso completo di vinoterapia, c’è l’uva, prevalentemente nera, usata direttamente in grappoli e acini, oppure trasformata in mosto e vino, o ancora essiccata e polverizzata. “Abbiamo adottato questi trattamenti – conclude Chiara Lungarotti – per offrire ai nostri clienti il vino in tutte le sue espressioni migliori aprendo in Umbria una strada che è stata poi seguita da molti altri”. Una strada percorsa ad oggi da centinaia di persone che hanno scelto il Rubesco e il Sagrantino Lungarotti (per il palato e per la pelle) come elisir di lunga vita.

 

Torna su