Bene il vino italiano all’estero

 

Vigneti_vernasca2_gde_cibus

Ismea, battuta d’arresto del commercio mondiale di vino nel 2014, mentre l’Italia guadagna quote di mercato. Crollo dell’import dalla Cina -20%.

 Parma,  22 luglio 2014

L’Italia guadagna quote di mercato nonostante la battuta d’arresto subito dal commercio mondiale del vino nel primo trimestre del 2014.

A segnalarlo è l’ISMEA sulla base dei dati Gta (Global trade Atlas) secondo cui i volumi scambiati sono scesi a 22,5 milioni di ettolitri, contro i 22,8 dello stesso periodo del 2013 (-1%), nonostante il ribasso generalizzato dei listini all’origine. Il valore degli scambi internazionali si è invece attestato a 5,3 miliardi di euro, in flessione del 3% sul 2013.

Tale dinamica negativa – prosegue Ismea – è esclusivamente imputabile al vino sfuso, che ha subito una contrazione delle quantità del 7%. Risultano invece stabili a 12 milioni di ettolitri i confezionati, e in crescita gli spumanti (+15% in volume, +8% in termini monetari).

Tra i cinque grandi esportatori di vino: Francia, Italia, Spagna, Cile e Australia, solo il Paese iberico ha aumentato sensibilmente le spedizioni oltre frontiera (+18%), grazie al recupero produttivo registrato nell’ultima campagna e a listini giù anche del 30%. Per gli altri Paesi le elaborazioni Ismea indicano riduzioni quantitative comprese tra il -24% del Cile e il meno 0,2% dell’Italia. Guardando tuttavia i dati in valore l’Italia è l’unica, tra i grandi player, ad avere ottenuto un segno più, con un incremento di oltre il 3% degli introiti maturati oltre frontiera.


Sul versante dell’import, tra i principali mercati di sbocco, si evidenziano andamenti differenziati, con l’aumento dei flussi in entrata in Regno Unito (+11%), Canada (+0,3%) e Giappone (+7,7%) e una riduzione in Usa (-4,2%) e Germania (-6,7%). Da segnalare il crollo della domanda in Cina (-20%), sesto Paese nella graduatoria dei maggiori acquirenti di vino.

(Fonti Ismea 21 luglio 2014)

 

Torna su