Seconda parte de i Luoghi del “Culatello di Zibello DOP”.

 

Reggia di Colorno - il cortile interno

Reggia di Colorno – il cortile interno

Prosegue il viaggio nella storia, tra le rocche e i castelli della Bassa parmense, dei luoghi che sono stati la culla del “Culatello di Zibello”.

di Sara Bondani – Parma 14 novembre 2014 —

 Attraverso la Strada del Culatello si può percorrere lungo il Po un viaggio nel gusto e nella cultura dei Comuni della Bassa. Visitati i paesi che ospitano il circuito del “November Porc  non si può non passare per Fontanellato, dove la maestosa mole della Rocca, eretta nel ‘400 esige una visita. 

Sottoposta a numerosi restauri, nel corso dei secoli è stata trasformata da fortezza difensiva a residenza dei nobili Conti Sanvitale che l’hanno poi abitata per circa sei secoli. Nel 1948 l’ultimo Conte cedette la Rocca con i suoi arredi al Comune, che la adibì a museo. 

Rocca di Fontanellato

Rocca di Fontanellato

Proseguendo per Soragna meritano una visita la superba Rocca Meli Lupi, la Sinagoga e il Museo del Parmigiano-Reggiano. Per proseguire poi a Busseto, patria di Giuseppe Verdi, in realtà nato nella vicina Roncole, dove si trova la Casa Natale. Qui si possono visitare il Teatro e la Villa Pallavicino.

Soragna – E’ con l’arrivo dei Longobardi che nel 712 d.C. il nome “Soragna” comparve per la prima volta in un documento ufficiale. Sul finire dell’XI sec. due famiglie si stabilirono a Soragna: i Pallavicino ed i Lupi, questi ultimi di origine cremonese. Il territorio venne diviso in due: ai Pallavicino restò l’odierna Castellina, ai marchesi Lupi l’attuale Soragna. Una convivenza tutt’altro che pacifica, tanto che già nel 1200 i Lupi fortificarono il proprio castello per difendersi dai potenti vicini. Dopo alterne vicende che portarono i Lupi a perdere più volte il possesso delle proprie terre, passarono parecchi anni prima che potessero entrare a Soragna.

Il marchese Giampaolo Meli ottenne nel 1530 dall’Imperatore Carlo V il diritto di aggiungere al proprio cognome quello dell’estinto casato dei Lupi.

Di particolare importanza per la storia del paese è la nomina di Giampaolo Meli a principe del Sacro Romano Impero, nel 1709 da parte dell’imperatore Giuseppe I. Soragna divenne così uno stato autonomo, con diritto di battere moneta in qualsiasi metallo.

Rocca di Soragna - Residenza del Principe Diofebo Meli Lupi

Rocca di Soragna – Residenza del Principe Diofebo Meli Lupi

Anche oggi la Rocca è abitata da un Meli Lupi, i principe Diofebo VI, che apre le magnifiche sale del castello a visitatori, convegni ed importanti avvenimento culturali. 

La Rocca è uno straordinario esempio di fortezza medievale trasformata in sontuosa residenza nel corso dei secoli, con sale riccamente affrescate e decorate a stucco, con uno splendido insieme di arredi, dipinti e suppellettili. Teatro di un crudele delitto, la Rocca è legata alla leggenda di Donna Cenerina, la sfortunata dama vissuta nel XVI secolo, vittima innocente di un complotto ordito per motivi economici. La leggenda narra che il fantasma della dama vaghi senza pace nelle Sale della Rocca. (potresti fare il link se vuoi all’articolo che mi hai mandato)

 

Roncole Verdi di Busseto. Casa di Giuseppe Verdi

Roncole Verdi di Busseto. Casa di Giuseppe Verdi

Busseto – Legata in maniera indissolubile al grande Maestro Giuseppe Verdi, il cui bronzo svetta nella piazza principale, Busseto ha un nome di origine antichissima, “Buxetum” da “buxus” e quindi bosco dei bossi. Verso la metà del sec. XIII, con il marchese Uberto il Grande, Busseto entra nei domini dei Pallavicino per rimanervi ininterrottamente fino al 1587, quando il marchesato diventa territorio Farnesiano. Seguì quindi le sorti del Ducato di Parma e Piacenza fino al 1859 e alla proclamazione del Regno d’Italia. Nella seconda metà del XIX secolo Busseto fu impegnata in opere edilizie e urbanistiche che determinarono il volto attuale del suo centro storico. 

Terra natale di numerosi nomi distinti nelle lettere, nelle scienze, nel diritto e nell’arte tra cui lo storico Ireneo Affò, il medico Buonafede Vitali, il compositore Tarquinio Merula, i pittori Pietro Balestra, Alberto Pasini e Gioacchino Levi, per arrivare alle grandi figure di Giuseppe Verdi e del nostro contemporaneo Giovannino Guareschi.

In questa zona, non poteva mancare un interessante itinerario verdiano che, partendo dalla casa natale del Maestro, a Roncole, giunge poi fino alla villa di Sant’Agata di Villanova sull’Arda. In piazza Verdi, oltre al bronzo del Maestro, si trova la Rocca duecentesca un tempo dimora dei Pallavicino e ora sede del municipio, il Teatro Verdi, datato tra il 1856 e il 1868 e Casa Barezzi, dove il compositore visse con la moglie Margherita Barezzi. La casa racchiude al suo interno numerosi cimeli – testimonianze della formazione e della futura carriera di Verdi – lettere autografe, documenti iconografici, ritratti originari del Maestro e dei suoi esecutori durante il secolo scorso.

Subito fuori dalle antiche mura della città, un’altra significativa tappa culturale è rappresentata da Villa Pallavicino. La bella costruzione rinascimentale oggi ospita il Museo Nazionale Giuseppe Verdi e ne celebra il genio. I suoi ampi saloni ripropongono ventisette opere con la riproduzione delle scenografie originali di Casa Ricordi e dei quadri dell’epoca, i tessuti pregiati dell’800, le musiche immortali, in un allestimento di luci teatrali che accompagnano il visitatore in un percorso dalle intense atmosfere romantiche.

San Secondo - La Rocca

San Secondo – La Rocca

San Secondo – La storia di San Secondo è legato in maniera indissolubile al nome di un grandissimo Casato – quello dei Rossi – che nel corso del Medioevo e del Rinascimento ha saputo esprimersi ai massimi vertici politici e militari. Nella prima metà del XV secolo, Pier Maria II detto il Magnifico, getta le basi di quello che avrebbe dovuto essere un moderno Stato rinascimentale, avendo disseminato di castelli e roccheforti le vallate dei fiumi Taro e Parma, dagli Appennini sino al Po, con le fortezze ancora oggi esistenti – da Torrechiara a Corniglio, da San Secondo a Roccabianca. ( Fonte – http://www.paliodellecontrade.com/storia.html

Curiosità – San Secondo

La storia del fantasma di San Secondo  http://www.luoghimisteriosi.it/emilia_secondo.html

Colorno - La Reggia Ducale vista dal parco

Colorno – La Reggia Ducale vista dal parco

Colorno  Il nome di Colorno deriva dalla posizione originaria del paese alla confluenza del Lorno nel torrente Parma: “Caput Lurni”, a capo del Lorno. 

Dal 1303 al 1612 Colorno fu feudo dei Correggio, dei Terzi e dei Sanseverino. Poi Colorno passò ai Farnese, duchi di Parma, che verso la fine del ‘600 vi posero la loro residenza estiva e apportarono radicali trasformazioni al Palazzo Ducale ed al Giardino costruendo importanti edifici, tra cui l’Aranciaia – ricovero invernale degli alberi di aranci e limoni che durante l’estate ornavano lo splendido giardino della Reggia e che non avrebbero potuto sopportare i rigidi freddi – oggi sede del Museo dei paesaggi di terra e di fiume.

Nel 1748 il Ducato di Parma passò ai Borbone, iniziando così un nuovo periodo felice per Colorno, sia dal punto di vista urbanistico, che artistico e culturale, tanto da meritare il titolo di “Versailles dei Duchi di Parma”. 

Nel 1802, con l’annessione alla Francia, Parma divenne un dipartimento dell’Impero napoleonico. Con Maria Luigia d’Austria, già moglie di Napoleone, nel 1816 Parma ridivenne capitale del Ducato e Colorno residenza estiva ducale.

__________________________

  

Per maggiori informazioni sulla manifestazione “November Porc”.

Per scoprire altri luoghi della nostra meravigliosa Italia: Italian Tourism Expo

 

 

Torna su