Latte a libero mercato. Dopo 32 anni finisce il regime delle quote latte. 

Latte versato in caldaia

Latte versato in caldaia

Una liberazione o una liberalizzazione?

Il tanto bistrattato e mal gestito regime comunitario di regolamentazione, comunemente e tristemente noto come regime  “quote latte”, rischia di  venire presto rimpianto.

di Virgilio – Parma, 1 aprile 2015 –

Il mercato libero è una giungla e se non si è cresciuti e addestrati per affrontarlo può fare veramente male.

La nostra filiera latte è tutto tranne che organizzata. Tra gli stessi allevatori rimasti a sventolare il tricolore sui bidoni del latte non c’è intesa e i risultati si sono visti e si continueranno a vedere, ovviamente nella negatività.

La mala gestio del regime delle quote latte nel lungo periodo di applicazione (1983) altro non ha fatto che avvantaggiare gli avversari mentre noi, invece di spendere bene il tempo riorganizzando le filiere produttive, si è investito in litigiosità. Contenziosi per multe latte da pagare, sanatorie a gogo e ricorsi in decine di tribunali sono il frutto delle strategie di settore. Intanto, gli altri, hanno diligentemente osservato le norme e negli ultimi anni si sono persino permessi il lusso di aumentare le produzioni al fine di presentarsi al 1 aprile 2015 con una maggiore forza contrattuale.

L’Irlanda, ad esempio, nell’ultimo anno ha incrementato i volumi di latte del 20 per cento, Francia e Germania del 12-13 per cento mentre l’Italia dell‘1,5% a fronte di una produzione del 40-45% inferiore alle necessità d’auto consumo.

Con la liberalizzazione il mercato europeo è diventato ancor più appetibile e, proprio recentemente, Fonterra, la più grande cooperativa lattiera del mondo, dalla Nuova Zelanda è venuta a costruire il nido nei Paesi bassi

Mentre tutti fanno strategie noi invece a litigare e urlare he il nostro latte è buono come se fosse l’unico elemento necessario alla vendita.

Ma non basta, la forbice tra prezzo all’allevamento e prezzo al consumo, in questi 32 anni, anziché diminuire si è fortemente ampliata. Se in passato era sufficiente moltiplicare per due il prezzo alla stalla per ottenere il prezzo al consumo oggi è necessario moltiplicare per quattro.

Basti pensare che nell’ultimo anno il prezzo del latte è passato da 41 centesimi al litro (gennaio 2014) a 37 centesimi al litro mentre il prezzo al consumo è passato da 1,37 a 1,49€/litro per il latte fresco intero.

Il mercato così liberalizzato farà ulteriore selezione e nel frattempo ci porteremo dietro i vecchi contenziosi delle quote latte con una massa di multe da fare rabbrividire e quello che non macina il mercato lo macineranno le multe. La UE non ce la perdona più e diversi richiami a saldare i debiti (1,4 miliardi circa) sono arrivati anche recentemente per il pregresso riferito al periodo 1995-2009.

Una volta che salteranno le protezioni per il latte poco tempo e salteranno anche le protezioni della qualità dei nostri prodotti DOP di eccellenza Parmigiano Reggiano e Grana Padano in primi senza escludere il Pecorino Romano e via di seguito tutti gli altri.

Ancora pochi mesi e la fragilità del nostro sistema lattiero caseario si manifesterà con violenza a meno di un miracolo o che si faccia finalmente squadra coinvolgendo tutti, nessuno escluso, industriali compresi ovviamente.

Sarà invece più facile trovare da leggere nostalgiche poesie sui bei tempi delle vituperate quote latte.

Torna su