La bandiera gialla sventola anche sul Consorzio Agrario di Cremona.

Consorzio Agrario di Cremona - vista aerea

Consorzio Agrario di Cremona – vista aerea

A sorpresa la Coldiretti sfila dalle mani della Libera Associazione di Cremona la guida del Consorzio Agrario. Decisiva è stata l’assemblea parziale di Casalmaggiore. Paolo Voltini è il nuovo Presidente.

 di Virgilio Parma, 26 aprile 2015 –

La potente organizzazione Libera Associazione Agricoltori Cremonesi, aderente a Confagricoltura,  è stata battuta sul filo di lana dalla Federazione Provinciale Coldiretti al cui candidato è andata la carica di presidente della importante struttura economica.

Paolo Voltini, quindi, è il nuovo presidente del Consorzio Agrario di Cremona e  il prossimo giovedi 30 aprile i delegati eleggeranno il nuovo consiglio di amministrazione.

Difficile, sino a qualche mese fa, pensare che, uno degli ultimi baluardi di Confagricoltura, potesse passare sotto il controllo di Coldiretti ma, a quanto pare, i rappresentanti di Confagricoltura hanno preferito confrontarsi sulle beghe interne piuttosto che con Coldiretti per il controllo del “gioiellino di famiglia”, il Consorzio Agrario. 

Decisiva è stata l’ultima assemblea parziale dove la Coldiretti non ha lasciato a casa alcun voto a sua disposizione e forte del fatto che il neo eletto presidente, Paolo Voltini, oltre a essere il presidente provinciale della Coldiretti è anche il numero uno del Consorzio Casalasco del Pomodoro titolare tra l’altro del marchio “POMI’”, è riuscita a far valere la superiorità numerica.

Fortissima sul territorio nazionale la Coldiretti con la conquista del Consorzio Agrario di Cremona, ultima roccaforte Confagricoltura nel panorama dei Consorzi Agrari (rimane Bolzano), ha dimostrato come la squadra unita vinca anche sui terreni più difficili e Cremona era probabilmente il più difficile in assoluto.

Se dal versante numerico la proiezione avrebbe dovuto favorire la “Libera”, il loro dissidio interno ha prevaricato l’obiettivo collettivo, forse anche per un difetto di presunzione numerica.

Fatto sta che, nonostante le sollecitazioni del presidente confederale Mario Guidi, i soci della “Libera” hanno preferito la questione privata alla questione collettiva.

Monolitica come sempre la Coldiretti, guidata con fermezza e durezza da Roma dal “filosofo” Vincenzo Gesmundo, sta procedendo a passo svelto verso la creazione della nuova “federconsorzi” questa volta sotto l’unica guida Coldiretti.

Criticato da certa stampa (Il Fatto e l’Espresso ad esempio) per i suoi stipendi milionari, Vincenzo Gesmundo sta dimostrando di meritare tutto quanto il proprio stipendio soprattutto se riuscirà nel suo intento di portare a casa il residuo tesoretto della vecchia Federconsorzi pari a circa 800 milioni di euro.

Intanto Bandiera Gialla sventola anche a Cremona.

Torna su