Mercati internazionali ancora incerti

Frumento

Frumento

Non si sono ancora palesati netti segnali di tendenza. Indiscrezioni indicano per giugno

l’abbattimento dei dazi Russi.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 30 aprile 2015 –

Prosegue la fase di incertezza dei mercati. Nonostante una leggera tendenza verso il basso, i prezzi delle materie prime ancora non hanno preso un netto indirizzo. I ben informati prevedono un abbattimento dei dazi russi nel prossimo mese di giugno e questo potrebbe rappresentare l’ultimo ostacolo ai tanto attesi ribassi. D’altronde, i raccolti in corso sono di buona qualità e  le previsioni di semina sono ottimistiche tant’è che anche l’indice dei noli è ancorato intorno ai 600 punti. Alcuni ipotizzano un rallentamento della forza d’acquisto cinesi, causa le consistenti scorte accumulate,  portando quindi a rafforzarsi l’ipotesi di ulteriori riduzioni di prezzi..

Indicatori internazionali (29/4/2015)-

l’Indice dei noli è risalito a 601 punti e il petrolio ha ripreso un po’ di quota e varia tra  56 e 57$ dollari al barile. Sul fronte l’indice di cambio  €/$ si sta portando verso la parità 1,099.

Mercato interno –

Stabile il mercato interno dove si assiste a scambi molti limitati e consumi ancora deboli.

Hanno preso quota invece la farina di Girasole e la farina di Soia, legate ai fattori congiunturali esteri. La farina di soia quotava  a 370€/ton. (martedi 28/4) per il periodo Luglio 2015 – Dicembre 2016 partenza da Ravenna (18 mesi). Un prezzo che ha riscosso tiepidi apprezzamenti da parte degli operatori che molto probabilmente sono in attesa della rottura della soglia 370.

Cosa questa che però potrebbe essere pregiudicata da interventi dei Fondi di investimento  o dal rialzo dell’euro che si sta manifestando nonostante l’europa sia in piena crisi “Greca”. 

Cereali sempre calmi, cruscami anch’essi stabili ma con ipotesi di riduzione di prezzo nella prossima decade. Al contrario alcuni derivati dei cereali sono in netta ripresa, come i distiller di mais e grano, e le farinette di mais che ormai hanno quotazioni prossime al mais stesso.

Ancora una certa variabilità è stata riscontrata sui contratti di mais relativi alla nuova campagna: da 165€ partenza Lombardia ottobre-marzo a 180€ arrivo ottobre giugno.  Il valore di riferimento attuale per la merce sui porti è di 175 euro da ottobre a marzo. Valori di riferimento poiché gli acquirenti restano in attesa di prezzi più convenienti pur nella certezza che la prossima campagna partirà con prezzi superiori.

In Francia hanno stimato un meno 5% di seminativo a Mais, mentre un -8% per l’Italia.

MP_28apr2015


Mario Boggini
– esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – mail@europroitalia.com) –
Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli
– L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

EUROPRO srl – intermediazione granaglie e cereali – Milano

________________________________________________

Andalini Pasta dal 1936

Andalini_logo_ritaglio

Torna su