E’ sempre colpa dei giornalisti

legge-bavaglio_tre_scimietteFuga di notizie dai tribunali, è colpa dei giornalisti, intercettazioni telefoniche riportate sui giornali, è colpa dei giornalisti, Insomma i giornalisti sono “crocetta” e delizia dei giudici e dei politici

di Lamberto Colla – Parma, 02 agosto 2015 –
Come un tormentone, ciclicamente, torna la necessità di mettere il bavaglio ai giornalisti.
Anche se, dobbiamo confessarlo, l’editoria nazionale non si sia mai particolarmente distinta per inchieste giornalistiche tali da fare tremare i palazzi di corte. Il più delle volte ci si è limitati a qualche scoop su locazioni concesse a buon mercato a qualche politico piuttosto di un orologio donato in cambio di favori con il sospetto, comunque, che la notizia fosse stata diffusa per scopi ben specifici di avvantaggiare l’una o l’altra parte politica colpendo nella vita privata un suo esponente di vertice.

Della “velina” invece vi è larga diffusione. E, come bombette a orologeria, ecco che vengono alla luce piccoli e grandi misfatti, di natura professionale e molto spesso di natura privata che nulla c’entrano con l’accusa, ma utili da fare orientare l’opinione pubblica verso giudizi di colpevolezza ancor prima che il processo, quello vero, abbia addirittura inizio.
Insomma, sembra quasi che il giornalista sia, in questi casi, il mero staffettista, e qui sta la vera colpa della categoria, dell’informazione o della “bufala” di turno a servizio occulto di qualcuno.

Alcuni giornalisti, vuoi per protagonismo, vuoi per eccesso di zelo e con la speranza, magari, di diventare il nuovo Indro Montanelli, raccolgono con superficialità la “velina”, la confezionane egregiamente e la sbattono in prima pagina con buona pace dell’etica professionale e della dignità personale.
Questa categoria di professionisti dell’informazione sono i preziosissimi “utili idioti”, molto spesso ignari di essere al servizio di potenti corporazioni, che lanciano il primo sasso nello stagno della disinformazione, della informazione guidata verso una verità distorta o comunque di parte.
Per quanto becera, servizievole e fedele al proprio padrone possa essere un giornalista non riesco assolutamente a credere che non abbia a cuore il proprio lavoro e soprattutto la propria dignità.

Ed il bubbone Crocetta / Borsellino, guarda caso venuto a galla alla vigilia della cerimonia di commemorazione del 23esimo anniversario dall’attentato di via D’Amelio che portò la morte al Giudice Paolo Borsellino e ai suoi 5 agenti di scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Cosina e Claudio Traina, rischia di essere l’esempio perfetto del malcostume e delle strane relazioni che connettono, politica, uffici giudiziari e distributori d’informazione.

Già perché nessuno, nemmeno il più masochistico autolesionista avrebbe pubblicato una notizia come quella relativa alla intercettazione telefonica nella quale il Professor Matteo Tutino avrebbe recitato, al governatore della Sicilia Crocetta, la fantomatica frase, poi pubblicata da l’Espresso, «Laura Borsellino va fatta fuori. Come il padre» senza averne minimamente verificato l’esistenza e la autorevolezza della fonte.

Tutto e il contrario di tutto è accaduto poi nell’arco di poche ore e la farsa siciliana è andata in onda.

Andiamo con ordine.
L’Espresso esce con lo scoop e lo stordimento è universale. Talmente accecante è la notizia che lo stesso Rosario Crocetta non ha reazioni immediate, non alza barricate a difesa di un’altra verità, non smentisce anzi, completamente impallato, mi verrebbe da dire, si “auto-sospende” dall’incarico di Governatore della Sicilia passando il testimone proprio a chi sostituì l’Assessore alla Sanità, Lucia Borsellino appunto, che si dimise per contrasto con il governatore stesso.

Di fatto una ammissione di colpevolezza seppure limitata al fatto che, a seguito di quello che avrebbe dovuto ascoltare, non avesse replicato ma se ne fosse stato zitto (come molti comuni mortali avrebbero fatto in una sorta di compatimento per quanto udito) o quantomeno una “silente” ammissione della esistenza della telefonata, dei contenuti della stessa e riportati dai due giornalisti, Piero Messina e Maurizio Zoppi, oggi indagati.

Un respiro di sollievo il Crocetta deve averlo tirato quando il Capo della Procura di Palermo, Francesco Lo Voi, dichiara che quelle intercettazioni non esistono. Una affermazione che per Crocetta, ha il medesimo effetto dei sali per sincopatici e, lancia in resta, va al contrattacco dichiarando che chiederà all’Espresso ben 10 milioni di euro a titolo di risarcimento danni.

Quindi, nell’arco di poche ore, si è passati dall’auto-sospensione alla richiesta di risarcimento milionario del danno.

A questo punto cresce il sospetto che chi racconta balle non siano i giornalisti in questione bensì altri, e tra i sospettati non può essere escluso lo stesso Capo della Procura palermitana, forse indotto a a farlo per salvaguardare indagini tutelate da riservatezza.

Intanto, giusto per non sbagliare, sono i giornalisti a essere indagati.
E che non mi si venga a dire che l’indagine è una forma di tutela per loro.

Per la cronaca, Messina è indagato per calunnia e pubblicazione di notizie false, Zoppi soltanto per questo secondo reato.
La perentoria negazione di Lo Voi, in merito alla esistenza delle intercettazioni, è difficilmente contestabile e contrastabile soprattutto perché sarà difficile, e comunque sconveniente per l’attività di inchiesta giornalistica, dichiarare la generalità della “talpa” e che questa infine abbia il coraggio e la convenienza dii confermare il suo coinvolgimento e sia nelle condizioni di fornire le prove.

La farsa siciliana è andata in onda e nella terra di Pirandello e Sciascia non poteva che essere così.

In conclusione, allo stato attuale, la colpa è dei giornalisti e intanto la “mafia” gongola.

Torna su