Mercati internazionali In attesa dei dati USDA, listini in aumento

Frumento

Frumento

Sensibile crescita dei listini al Chicago Board in attesa dei dati USDA. 

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 12 agosto 2015 –

Lunedi sera il Chicago Board ha chiuso con forti aumenti su tutte le referenze prese in esame. le motivazioni potrebbero celarsi nell’attesa dei dati  USDA attesi per oggi oppure per una miscela di notizie che aleggiano tra gli operatori connesse alle questioni meteo e ai consumi della Cina. Nonostante i problemi legati alla crisi finanziaria particolarmente manifesta negli ultimi giorni, i consumi cinesi sono rimasti in linea, mentre addirittura sono incrementati i consumi del seme di soya attingendo anche in mercati diversi da quello statunitense.

Prezzi Chicago Board 11/8/2015

SEMI agosto 1046,60 (+35,6) sett 1008,20 (+32,6) nov 994,40 (+31,2) FARINA agosto 362,50 (+3,9) sett 353,60 (+9,3) dic 343,40 (+10,7) OLIO agosto 30,41 (+0,38) sett 30,49 (+0,36) dic 30,83 (+0,37) CORN settembre 390,20 (+17,4) dic 401,00 (+17,2) GRANO settembre 524,40 (+15) dic 529,40 (+13,6)

Indicatori internazionali 11/8/2015-

l’Indice dei noli è salito 1197, il petrolio è nuovamente sceso sceso e il prezzo ruota al di sotto dei 45,00 dollari al barile e il cambio €/$ si aggira intorno a 1,1042.

MP_11ago_2015
regna ancora l’incertezza e il caos.Particolarmente sensibile è il mais dove aleggia la criticità dettata dalla siccità dove le Aflatossine potrebbero farla da padrone come fu nel 2003. Molti operatori al momento sembra non abbiano interesse a vendere riportando a nuovo le vecchie scorte.Sul mercato interno

Nella giornata di lunedi diversi lotti di mais arrivo da Ottobre a Gennaio sono stati trattati a 186€ e 184€ da Ottobre-2015 a Giugno.

Per quanto riguarda la farina di soia è da segnalare che ad oggi il 2016 è stato trattato a 376 euro partenza porto sui dodici mesi.

Dopo la pubblicazione dei dati USDA si potrà verificare se si è trattato di una fiammata o se invece i prezzi attuali stanno segnando una tendenza nuova.

Il mercato delle Bionergie corre ai ripari con acquisti di merce sul pronto e su settembre e ottobre nella certezza che nella prossima campagna il mais non sarà sul mercato a prezzi di saldo.  E’ per tale motivo che diversi operatori stanno già rivalutando le crusche come fonte alternativa di amido. 

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) –  Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.

Officina Commerciale Commodities srl  – Milano

logo andalini

Torna su