Lavoro è fatica… non per tutti

Torno_Subito“Un dipendente pubblico che dice che va a lavorare e poi non ci va, deve essere licenziato”.

Il ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, è stata molto chiara esprimendo il pensiero che la stragrande maggioranza dei cittadini, lavoratori, inoccupati e disoccupati vorrebbero accadesse. Ma  dal sensazionalismo delle indagini alla punizione per colpa provata non vi è un passaggio diretto e lineare.

di Lamberto Colla – Parma, 8 novembre 2015 –

Staremo a vedere se i dipendenti comunali  di Sanremo, colti con le mani nel sacco, sapranno cantare e soprattutto se ci sarà un seguito  coerente con il risultato atteso.

Le immagini acquisite dalla Guardia di Finanza erano eloquenti e il numero di persone coinvolte così elevato che risulta difficile credere che nessuno dei vertici sanremese non sapesse nulla.

Sanremo235 arresti e 196 indagati. Possiamo sorridere per il dipendente / custode che andava a timbrare in mutande ma non vorrei che fosse l’unico a pagare esposto alla gogna mediatica colpevole, almeno questo è certo, di avere messo in scena comportamenti di cattivo gusto.  Abitazione e luogo di lavoro, separati da una sola porta interna,  erano diventati per il custode un ambiente unico e c’é da scommetterci, quando era in casa si sentiva ancora custode e al lavoro ancora in casa sua. 

Alla fine il vigile urbano custode dell’anagrafe comunale, a causa della notorietà dovuta alle immagini che lo riprendevano in mutande, passerà alla storia come l’emblema del fancazzismo della città dei fiori anche allorquando dovesse venire assolto.   

Tutti gli altri circa 200 invece, bene o male, riusciranno a restare  all’ombra dell’anonimato sino a fine processo quando, la statistica viene a loro favore, la stragrande maggioranza di loro verrà assolta lasciando nella memoria dei cittadini tre elementi a ricordo dell’episodio: un lavoro enorme di pedinamento e registrazione dei fatti da parte della Guardia di Finanza, un dipendente in mutande che timbra il cartellino e la magistratura che assolve quasi o addirittura tutti gli indagati.

La giustizia farà il suo percorso e, c’è da augurarselo, punirà i disonesti e scagionerà coloro che non hanno commesso alcun reato ma con la diffusione e l’enfatizzazione delle immagini della Guardia di Finanza è già passato il messaggio di colpevolezza per tutti.

Una domanda sorge spontanea. Dov’erano il Sindaco, gli Assessori competenti (Personale e Bilancio ad esempio) e i Dirigenti Comunali responsabili del controllo e vigilanza? Non si erano accorti che  tra malattie, permessi e, a giudicare dalle  immagini della GdF, probabili assenze ingiustificate, mancava all’appello quotidiano un buon numero di operatori?

Ebbene questi dove erano? Anche loro assenti ingiustificati sottratti al flagello digitale solo per fatto che non avevano l’obbligo di timbrare il cartellino? Oppure se c’erano dormivano?

Forse varrebbe la pena coinvolgere e ascoltare anche costoro, cosa che sicuramente la magistratura farà ma ai quali è stato risparmiato il “processo mediatico” che, a differenza del vero processo,  normalmente si conclude con la colpevolezza e raramente con il reintegro della dignità offesa.

Un paese veramente civile non avrebbe dato in pasto all’opinione pubblica una notizia montata in modo sensazionalistico che, come racconta la storia giudiziaria, si conclude con un quasi nulla di fatto.

Infatti, dal monitoraggio della Funzione Pubblica, dati relativi al 2013, emerge come su quasi 7 mila procedimenti, quelli conclusi con licenziamento, siano solo 220 e tra questi solamente un centinaio per assenteismo.

Troppo alto il gap tra il numero di procedimenti e il risultato finale. O le accuse erano quasi totalmente ingiustificate  o la giustizia non ha fatto il suo lavoro.

In tutti i modi una sono sconfitta per lo Stato e per i suoi cittadini che vorrebbero continuare a credere sia nelle forze dell’ordine e sia nella giustizia.

Ma questi numeri lasciano molto perplessi e comunque, vero o falso che sia, la sensazione  diffusa è che l’assenteismo nel pubblico impiego sia elevatissimo e che sia vissuta dagli attori come una sorta di benefit.

Purtroppo la piaga dell’assenteismo nel pubblico impiego non è una favola.

L’analisi dell’intervento di riforma applicato dal Ministro Brunetta ne è una tragica conferma che, al di là della colorazione politica, non può essere tralasciato dai Governi.

«Dopo il primo anno di applicazione della legge Brunetta la riduzione media è stata del 38 per cento», hanno scritto Maria Laura Parisi e Alessandra Del Boca su Lavoce.info. La cura Brunetta, antica ormai di circa otto anni, aveva dato il suo benefico effetto e consisteva nel rendere dura la vita ai “furbetti” del pubblico impiego, colpendoli al “cuore del portafoglio” e nella possibilità di utilizzare a proprio piacimento il tempo sottratto al lavoro stipendiato.

Sul primo fronte aveva stabilito la perdita di ogni componente accessoria del salario (in media, il 20 per cento della retribuzione) per i primi dieci giorni di assenza continuativa per malattia (norma ancora in vigore).

Sul secondo, aveva ampliato le fasce di reperibilità, cioè i periodi di tempo in cui il lavoratore deve restare chiuso in casa per consentire le visite fiscali (da 4 a 11 ore) e poi ridotte a 7 allargando un po le maglie del controllo.

Fatto sta che appena è stata allentata la presa il malcostume ha ripreso nuovamente gli spazi lasciati vacanti e il caso di Sanremo è l’ultimo eclatante accorso in termini di tempo .

Gli episodi di cronaca non mancano. Dal Nord al Sud l’assenteismo estremo è equamente distribuito sul territorio.

A Boscoreale, nell’area vesuviana, un sistema di telecamere sull’ingresso del comune ha permesso di smascherare 125  assenteisti cronici su 170. Allo Iacp di Messina sono finiti sotto processo 81 furbetti del badge su 96 impiegati.

Nella sede di Rovigo della Regione Veneto 170 ore di filmati sono servite a incastrare 98 lavoratori su 115, mentre a La Spezia le Fiamme gialle hanno scoperto sei addetti alla commissione tributaria provinciale che se la filavano a casa ogni mattina, direttore dell’ufficio compreso.

Da risultare quasi incredibile il caso della  dipendente del policlinico del Sant’Orsola di Bologna la quale era riuscita a inventarsi due gravidanze riuscendo a percepire lo stipendio per nove anni avendo lavorato solo 6 giorni.  In questo caso la condanna fu di due anni senza nemmeno il beneficio della condizionale.

Un Paese spaccato in due…

da un lato assistiamo alla dignità massacrata dal lungo periodo di inattività, che troppo spesso porta al suicidio, mentre dall’altra alla assenza di dignità dei “senzavergogna” i quali, oltre a sottrarre efficienza e lavoro onesto, vivono la presunzione che la “frode” sia un loro diritto acquisito.

  Sanremo1

Torna su