…quando le vacche sono già scappate…

Agricoltori francesi  - protesta  - frame del video

Agricoltori francesi – protesta – frame del video

Liberati dalle catene delle quote latte, a poco più di 6 mesi il settore va in crisi e ha inizio la protesta. Ma chi protesta e contro chi protesta?  Quale politica viene messa in campo per riportare valore a un settore importante e strategico come è quello zootecnico?

di Virgilio, 10 novembre 2015

“Dall’inizio della crisi: hanno chiuso più di 3 stalle al giorno; si sono persi 32.000 posti di lavoro; le montagne sono state abbandonate; c’è meno “verità” e sicurezza sulle tavole delle nostre famiglie e nei prodotti che diamo ai nostri bambini!

Consumatori italiani, aiutate COLDIRETTI a salvare le nostre stalle, i nostri territori, il patrimonio di genuinità, sicurezza e trasparenza del VERO MADE IN ITALY.

Costringiamo insieme le multinazionali e le industrie del settore lattiero caseario a dichiarare l’ORIGINE dei prodotti che mangiamo e a pagare il GIUSTO PREZZO agli allevatori!”

Così scriveva la Coldiretti il giorno in cui dava fiato alle trombe e aizzava il popolo giallo verde contro le industrie.

Chiede ai consumatori di salvare il latte italiano oggi che le vacche sono già scappate. A poco più di sei mesi dalla tanto desiderata soppressione delle “odiate” quote latte. Oggi, dopo avere portato il settore in mezzo all’oceano tra i flutti della globalizzazione scopre che le industrie fanno il loro mestiere e acquistano al miglior prezzo nel mondo e vendono per fare profitto. Così, presa in contropiede, adesso la Coldiretti pretenderebbe di fare assumere il ruolo di sindacato degli allevatori ai consumatori stessi?

Ma come è possibile solo pensarla una cosa del genere.

Protestò per caso la Coldiretti quando il Governo decise di fare pagare il conto della prima miliardaria sanatoria delle quote latte ai cittadini italiani?

No, non fece nulla perché interessava dare soddisfazione ai propri assistiti, in quell’epoca era un sindacato di categoria. Poi, pian piano, ma sempre più insistentemente negli ultimi anni, ha virato verso una posizione sempre più generalista, quasi più un sindacato dei consumatori, così presente a portare in evidenza all’opinione pubblica le magane degli altri, i prodotti “Italian Sounding” sparsi qua e là per il mondo o a fare da spalla a uno a all’altro governo, ma di politica agricola, per carità, meglio non parlarne.

Più facile tacere e poi sottolineare le storture degli altri piuttosto che fare con il rischio di sbagliare e magari venire sottoposti a processi mediatici controproducenti all’immagine di leadership tanto agognata a suon di battaglie numeriche nelle varie camere di commercio sparse in ogni italica provincia.

Una politica autoreferenziale che ha dato buoni frutti solo alla potente organizzazione ma ben pochi al sistema agricolo.

Ed oggi, fosse solo per orgoglio e dignità, non dovrebbe invocare l’aiuto del popolo a favore dei suoi associati ma fare autocritica e sfogare la sua potenza mediatica e economica a favore del settore ripristinando gli antichi e sempre validi valori che furono di Paolo Bonomi.   Basterebbe una rilettura in chiave moderna degli ideali di Bonomi e di Don Luigi Sturzo per riproporre una nuova politica agricola.

Invece di organizzare sfilate di manichini in livrea gialla, candidi e puliti, tanto da non credere che siano “veri, puri e  duri contadini”,   dovrebbe organizzare tavoli di negoziato europei e di filiera, dovrebbe proporre idee politiche con valori rinnovati e combattere perché vengano accolte.

No, invece le manifestazioni delle nostre organizzazioni agricole sembrano delle passerelle, delle rassegne d’armi, inquadrati e coperti come militari che sfilano davanti ai generali e al governo.

Il tempo per redimersi non scade!

Meglio tardi che mai, direbbe il sommo maestro Alberto Manzi.

_____________________________________

Appendice: a seguire un video di una manifestazione di agricoltori francesi. Forse una posizione mediana esiste tra gli eccessi della protesta italiana e di quella francese.

video https://youtu.be/gN55b2JQNN0

Pubblicato il 28 nov 2014

Gli agricoltori contestano il piano del governo teso a sminuire la produzione e la distribuzione locale.

L’occasione è stata quella della visita del presidente della Repubblica francese, François Hollande, in Moselle, dipartimento francese della regione della Lorraine.

Torna su