Cereali, all’insegna della stabilità.

Cereali_Mano_raccogliePoche le variazioni rilevate nel settore cerealicolo. La settimana che si è appena conclusa ha visto pressoché invariati i listini in attesa della pubblicazione dei dati USDA. le variazioni sono quasi esclusivamente determinate da fattori valutari a seguito del rafforzamento del dollaro sull’euro.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 11 novembre 2015 –

Anche per questa settimana sono ben poche le novità che interessano il settore dei cereali. Le uniche variazioni son state prevalentemente determinate dall’indice di cambio che segnala l rafforzamento del dollaro a scapito dell’euro.

All’attesa sulle decisioni che prenderà la Federal  Reserve previste per Dicembre, si sono aggiunti i dati sul calo della disoccupazione U.S.A che insieme ad altri fattori hanno dato nuova vitalità al Dollaro. Le stime dell’USDA, di cui è prevista la pubblicazione in queste ore, dovrebbero meglio fotografare la consistenza planetaria soprattutto relativamente alle produzioni russe e ucraine dove si prevede un calo delle rese, per cause meteoriche (in particolare per l’Ucraina), e gli effetti del Nino sulle coltivazioni dell’Oceania e infine la consistenza aggiornata dei volumi disponibili cinesi.

Da segnalare la sensibile ripresa delle quotazioni sul Matif.

Per ora le reazioni del Chicago Board di Venerdì scorso al rafforzamento del Dollaro, sono state molto blande.

SEMI nov 861,20 (+3,4) gen 867,20 (+3,2)

FARINA dic 295,70 (-0,20) gen 294,80 (-0,40)

OLIO dic 28,04 (+0,21) gen 28,32 (+0,21)

CORN dic 373,00 (-1,4) mar 381,60 (-1)

GRANO dic 523,20 (-3) mar 525,40 (-1,4)

Per quanto riguarda il mercato nazionale, sia il frumento tenero, sia il duro sembra abbiano raggiunto un livello di equilibrio.

FAO_food_price_index_Boggini

Stando alla analisi delle quotazioni delle materie prime base, un indice studiato dalla FAO a partire dal 1961, tra prezzi Nominali e Reali, in forza dei ridotti valori registrati, si può attendibilmente prevedere che i momenti di flessione, se si dovessero palesare, non dovrebbero essere consistenti. Tant’è che da settimane i valori della farina e il seme girano su livelli di resistenza di 295 per la farina, e 880 per il seme, 375 per il mais, e 515 per il grano.

In generale gli scambi al consumo rimangono sempre limitati tranne le richieste per il mais di qualità  che stanno spingendo al rialzo i prezzi su tutte le piazze.

Nel settore bionergie continua la caccia al mais in granella, ormai quasi introvabile, e ai sottoprodotti alternativi per arricchire i trinciati.

Indicatori internazionali

MP_9nov15l’Indice dei noli retrocede ancora a 631 punti, il petrolio torna a scendere 44,75 dopo avere toccato anche soglia dei decimali che seguono i 43  dollari al barile e il cambio continua a scendere toccando 1,07560.


Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) –  – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Torna su