Calenda, eventi internazionali di promozione totale sono sperpero di denaro pubblico

Foodex_Giappone#promozione e #export Il Vice ministro allo sviluppo economico, Carlo Calenda, con delega al commercio estero invita, con decisione e fermezza, alla collaborazione tra le 3 principali fiere dell’agroalimentare Tuttofood, Cibus e Vinitaly  nella promozione all’estero altrimenti…

Roma, 18 novembre 2015. “Gli eventi internazionali di promozione del nostro agroalimentare, che si traducono in nulla di più che in wine and food tasting rappresentano un totale sperpero di denaro pubblico”. Lo ha detto oggi, nel corso della IV conferenza annuale dell’Alleanza Cooperative Italiane – settore Agroalimentare, il vice ministro allo Sviluppo Economico con delega al commercio estero, Carlo Calenda. “La promozione internazionale – ha proseguito Calenda – non si fa così e neanche con le piccole fiere, quella roba non ha niente a che vedere con la promozione ed è il simbolo di ciò che non ha funzionato sino a ora. È una sorta di tour operator personale per gli assessori regionali. Promozione significa far arrivare il prodotto sullo scaffale della grande distribuzione, partecipare agli eventi fieristici nel mondo e organizzare piani media. Noi abbiamo 3 fiere dell’agroalimentare – ha aggiunto – che possono competere per la nostra internazionalizzazione, e sono Tuttofood, Cibus, Vinitaly: queste 3 fiere o lavorano insieme all’estero altrimenti non avranno un euro dal governo italiano; è stato così l’anno scorso e così sarà nei prossimi anni”.

Per Calenda, in merito al Ttip: “Siamo nel pieno di una battaglia molto importante, ed è quella che stiamo conducendo sugli accordi di libero scambio con gli Stati Uniti che per l’agricoltura è fondamentale. Perché noi abbiamo bisogno di quel mercato avendo chiaro che l’Europa non cambierà il suo criterio di valutazione del rischio sanitario. Il principio di precauzione – ha concluso – non verrà modificato in alcun modo ed è la condizione del mandato negoziale”.

Torna su