Un macigno sulla fiducia appena riconquistata

tasse-6Colpo di scena, siamo ancora in stato di crisi.

Dalla fiducia alle stelle, come non si registrava dal 2007, al tonfo dell’export che su base annua cala del 4,5%. Nell’arco di trenta giorni tutto è cambiato?

di Lamberto Colla – Parma, 29 novembre 2015 –

Dalle stelle alle stalle o meglio dalla realtà virtuale alla cruda realtà. La positività dei dati fatti segnare dall’Italia hanno concesso giusto il tempo di approvare la manovra finanziaria del Governo, messo alle strette dalla faccenda romana di mafia capitale  oltre che dal contenzioso , tutto interno al PD,  innescata dall’ex Sindaco Marino.

Una manovra edulcorata dunque, quasi propagandistica, e sostenuta dall’enfatizzazione, quasi imbarazzante, dei lievi segnali di ripresa economica.

Ma da lì a cantare vittoria di acqua sotto i ponti ce ne deve passare.

“L’ITALIA CI CREDE”, gridava Renzi soltanto lo scorso 28 ottobre dopo la pubblicazione dei dati sulla fiducia dei consumatori e delle imprese resi noti dall’Istat

«Se avete le notizie di oggi dall’Italia – spiegava Renzi parlando a Cuba -, stiamo registrando per la prima volta dopo molti anni un cambiamento di clima profondo». Per il premier dunque «siamo tornati ai livelli pre-crisi. L’Italia ci crede».  

Addirittura, uno dei tre carnefici istituzionali (Troika), il FMI (Fondo Monetario Internazionale), ai primi giorni di novembre venne in soccorso della politica economica renziana .

“Fmi alza stime pil Italia: +1,3% nel 2016.

Il Fondo monetario internazionale ritocca al rialzo le stime per l’Italia che sperimenta una «crescita più forte del previsto», scriveva “Il Messaggero”. Il pil crescerà quest’anno dello 0,8% (0,1 punti percentuali in più rispetto alle stime precedenti), per poi accelerare a +1,3% nel 2016 (+0,1 punti percentuali) dopo una contrazione dello 0,4% nel 2014. addirittura si arrivò a affermare che «L’Italia può fare di più e in termini di crescita è di sicuro possibile che possa fare come o meglio della Germania», come auspicato dal premier Matteo Renzi, afferma Thomas Helbling del dipartimento economico del Fmi.

A leggere i giornali sembrava di vivere il secondo miracolo italiano dopo quello degli anni ’60 del secolo scorso.

Roba da non credere. Eppure erano ben poche le voci fuori dal coro. E’ difficile pensare a una ripresa economica con dati, per quanto positivi fossero, pur sempre inconsistenti in termini assoluti (si parla dello 0,1%, dell‘1,3% ottimistico). Incrementi pressoché inutili a contrastare 8 anni di crisi che hanno schiacciato e alienato migliaia di imprese manifatturiere, la spina dorsale della nostra economia, ma lasciato intatto l’apparato burocratico – amministrativo statale.

Noi, da subito, ci eravamo esposti a sostenere, sin dai primi momenti in cui i toni trionfalistici correvano in ogni dove, dalla carta stampata al soldo del regime, ai social media che cinguettavano come pappagalli i più ottimistici titoli, l’inconsistenza della ripresa.

La ripresa per i fondelli” titolavamo il 13 settembre scorso. Non un atto di opposizione, per partito preso, a Renzi ma solo il tentativo di attenuare  il processo di affrancamento di una realtà distorta. Una  cura palliativa, prevalentemente determinata da fattori esterni all’Italia, spacciata per effetto di un programma e di una azione governativa.

Con gli ultimi dati diffusi sull’export, molto probabilmente, qualche correttivo verrà introdotto e il clima del terrore verrà in sostegno a giustificare delle operazioni straordinarie.

L’emergenza terrorismo, cade perciò a fagiolo. E’ da scommettere che sarà la causa principale per l’aggiustamento della manovra finanziaria e causa prima della ripresa economica mancata. Niente ripresa, niente risorse. Ma da qualche parte, per fare “mal funzionare” questo apparato borbonico, occorrerà pur tirarle fuori da qualche parte.

Certamente, l’effetto terrorismo,  influirà sui dati economici, non sarà determinante ma pur sempre una giustificazione assai appetibile per introdurre le solite manovre di “emergenza”, quelle che rastrellano nel breve periodo rimandando nuovamente quelle operazioni controproducenti al consenso politico.

Così sarà più facile tornare a ripristinare l’aumento dell’Iva, momentaneamente traslato di un anno, piuttosto che intervenire seriamente sulla “Spending Review”, sui privilegi dei parlamentari e  dell’esercito dei consiglieri regionali nonché dei consiglieri di amministrazione di centinaia e centinaia di Enti Inutili e così via.

No, su costoro non si riesce a intervenire perché sono i gangli nevralgici sui quali si impernia la raccolta del consenso elettorale, i portatori certi d’acqua al mulino del partito.

I dati diffusi in questi giorni indicano che le vendite dei prodotti italiani fuori dai confini dell’Unione sono in fortissimo calo. Secondo l’Istat negli ultimi tre mesi la dinamica è stata “ampiamente negativa”: -5,8% per effetto del rallentamento dei Paesi emergenti e in particolare della Cina.

Ma se non tira l’export come potrà esserci ripresa se dal mercato interno non si muove nulla?

Un nuovo allarme lo lancia lo stesso Presidente di Confindustria, come riportato dal Sole 24 ore del 25 novembre, il quale conferma la difficoltà ad agganciare la ripresa e che occorre fare le riforme. “Perché mancano i consumi interni”, rimarca Squinzi e comunque “dato che quel poco di ripresa che abbiamo è dovuto anche a fattori esterni come cambio, prezzo del petrolio e quantitative easing, quello di cui abbiamo bisogno per agganciare una ripresa forte – spiega Squinzi – sono le riforme interne, bisogna assolutamente mettere mano con determinazione alle riforme interne, non solo annunciarle ma anche realizzarle compiutamente”.

La crisi del lavoro e dei consumi non possono che peggiorare se gli ordinativi industriali diminuiranno e sarà ancor peggio se dovesse tornare la voglia irrefrenabile di alzare l’aliquota iva.

Il canto delle sirene. Quei 3,5 punti in più che furono promessi alla Commissione Europea e che Renzi, grazie a fattori esterni positivi, è riuscito a spostare nel tempo potrebbero ben presto tornare di moda. Una spada di “Damocle”, sempre pendente sulle nostre teste.

Se così sarà, i consumi subiranno una nuova  frenata, il lavoro diminuirà e conseguentemente la disoccupazione tornerà a crescere. Un cane che si morde la coda, una spirale dalla quale sarà sempre più difficile uscire.

Caro Matteo Renzi, se tieni veramente all’Italia entra a piè pari sulle riforme e sulla spesa dello Stato, sugli Enti inutili e sui privilegi diffusi.

Riporta la Politica a dialogare con la società e che dalla società, dalle piccole o grandi aspettative di ciascuno prenda spunto per adeguare le azioni a breve e a lungo periodo.

Giusto, per carità, trasmettere ottimismo ma altrettanto giusto avviare un processo di equità.

Non si pretende la perfezione ma almeno segnali concreti che una nuova stagione, quella renziana della concretezza e non dell’annuncio, si è affacciata finalmente sulla bell’Italia.

Forza e coraggio, sei giovane e puoi azzardare!

Matteo_renzi_Mo_cibus

Torna su