De Nigris premiato in Parlamento

De Nigris, protagonista nel mondo degli aceti,  premiato in Parlamento con l’Italian Talent Award. La consegna del premio da parte del Presidente del Senato Pietro Grasso il quale ha sottolineato l’impegno imprenditoriale della famiglia De Nigris sia in Emilia Romagna sia in Campania.

Modena, dicembre 2015.

Alla Camera dei Deputati si è recentemente tenuta la cerimonia di consegna del premio “Italian Talent Award”: Armando de Nigris, presidente dell’omonimo Gruppo industriale, noto nel mondo per la produzione di aceto balsamico e condimenti, è stato premiato quale ambasciatore del Food “made in Italy”.

A consegnare l’ambito riconoscimento è stato il DeNigris_Grasso_Presidente il quale ha voluto ringraziare l’impegno imprenditoriale di questa famiglia che, con i fratelli Armando, Raffaele e Luca, opera in Italia dal 1889, con stabilimenti in Emilia Romagna e Campania. E proprio in questa Regione con l’apertura del nuovo sito produttivo a Caivano in provincia di Napoli, che la sana imprenditoria del nostro paese ha offerto a molti giovani la possibilità, attraverso l’Academy de Nigris, di inserirsi nel mondo del lavoro in piena “Terra dei Fuochi”. Riconoscimento attribuito ancora ad Armando de Nigris per aver creato il Balsamico Village in provincia di Modena, dove su un’area di 700.000mq sorge un vero e proprio distretto produttivo nel mondo dell’Aceto Balsamico con i soli colori e brand della de Nigris.

La giuria di Italian Talent Award era presieduta dal direttore del Giorno, on. Giancarlo Mazzucca, e composta, tra gli altri, dal direttore del Messaggero, Virman Cusenza, dal direttore del Tempo, Gian Marco Chiocci, dal direttore di TgCom24, Paolo Liguori, dal direttore del TG2 RAI Marcello Masi, da Luciano Ferraro del Corriere della Sera, Stefania Giacomini, direttore GoodinItaly Web Tv, Annalisa Monfreda direttore Donna Moderna, Tiziana Panella – LA7, Sarah Varetto direttore Sky TG24, Alessia Cipolla dello studio Archipass. La giuria ha riconosciuto “nello star system italiano le vere eccellenze del “made in Italy” nel mondo. Riconoscimenti sono stati conferiti anche ad Oscar Farinetti, Bona Frescobaldi, Giancarlo Moretti Polegato, Pasquale Natuzzi. Premiati fra i giornalisti Antonella Clerici e Lidia Bastianich, oltre che il Comando generale dei Nas nella persona del generale Claudio Vincelli.

La manifestazione si è svolta con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati.

La storia che ha portato a questo importante riconoscimento parte da lontano, e precisamente dalla fine dell’800, quando gli antenati dell’attuale presidente diedero vita a quella che rappresenta oggi una realtà di punta nel settore dell’aceto balsamico, conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo grazie all’elevata qualità dei suoi prodotti, all’ampiezza dell’offerta e alla capacità di assecondare, e spesso anticipare, le tendenze del mercato globale.

“L’azienda – dichiara Armando de Nigris – controlla direttamente più del 90% delle materie prime necessarie alle produzioni, avvalendosi di serbatoi con capacità totale di 60 milioni di litri per lo stoccaggio e di 20 linee di imbottigliamento automatico e 3 linee per i prodotti speciali, distribuite nei 3 siti produttivi di Afragola (NA), Carpi (MO) – patria dell’Aceto Balsamico – dove dal 1994 si trova la sede degli Acetifici Italiani Modena, e San Donnino (RE). In Campania, alla sede storica di Afragola si è poi affiancato recentemente un nuovo sito nell’area di Caivano, che su una superficie di 10.000 metri quadrati dispone delle più avanzate tecnologie in campo enologico”.

“Essere ambasciatori nel mondo della cultura e della qualità italiana che nasce dalla ricerca del bello e del buono, sia nel core business aceto balsamico e derivati, che nella gamma più ampia di prodotti alimentari rappresentativi del made in Italy, – conclude il presidente – è la visione globale di de Nigris, che rappresenta il primo gruppo italiano per volumi esportati nella categoria aceti coprendo ben il 27% dell’intero export italiano di questo prodotto nel mondo. Complessivamente, la nostra azienda commercializza oltre confine l’85% della propria produzione ed è presente in 52 paesi, nei 5 Continenti, e in particolare negli USA. Dalla passione artigianale di fine ‘800 siamo passati alla leadership internazionale di oggi, all’inizio del terzo millennio”.

(Centro Stampa Modena, 3 dicembre 2015)

Torna su