Crisi zootecnica. L’indagine Ismea sulla redditività degli allevamenti.

Bovini_abbeveratoiaIsmea. Indagine sulla redditività degli allevamenti da ingrasso dei bovini in Italia.  In quasi tutte le aziende del campione i prezzi di vendita non riescono a coprire i costi.

Roma, 11 gennaio 2016 –

Ancora costi spesso superiori ai prezzi di vendita, con gli aiuti che svolgono un ruolo importante nel sostegno del reddito degli allevatori. È lo scenario che emerge da un’indagine Ismea – CRPA sugli allevamenti da ingrasso dei bovini in Italia, condotta nell’ambito dell’Osservatorio economico della zootecnia da carne finanziato dal Ministero delle politiche Agricole Alimentari e Forestali e istituito presso l’Ismea.

L’indagine analizza i risultati della rilevazione dei costi e dei ricavi di un campione di 30 aziende specializzate nel segmento del vitellone da ingrasso (razza Piemontese, Garonnese, Charolais, Limousine e incroci) e distribuite in Veneto e Piemonte.

Il costo medio sostenuto dagli allevamenti che hanno partecipato all’indagine – calcolato in riferimento all’esercizio 2014 – è compreso tra il minimo di 253,62 €/100 kg di peso vivo prodotto nel caso del campione di aziende localizzate in Veneto ed il massimo di 263,37 €/100 kg del campione di allevamenti di vitelloni Garonnesi.

Per quanto riguarda il dettaglio delle singole voci di costo, quella relativa all’alimentazione del bestiame appare meno legata alla dimensione dell’allevamento, ma piuttosto dipendente dal livello di efficienza alimentare, espresso dal rapporto tra accrescimento giornaliero e unità foraggiere somministrate. Accanto agli indici che esprimono la produttività raggiunta dall’allevamento in fase di accrescimento, i prezzi di mangimi e concentrati risultano variabili altrettanto rilevanti nel determinare il livello dei costi alimentari.

In quasi tutte le aziende del campione, sottolinea l’Ismea, i prezzi di vendita del bestiame non riescono a coprire tutti i costi.

Per tutti i gruppi, il premio specifico non è stato sufficiente ai fini di un totale recupero del costo dei vitelloni. Solo includendo l’intero ammontare dei pagamenti diretti, comprensivo del pagamento unico disaccoppiato, risulta un utile netto positivo nella misura pari rispettivamente all’1 e al 5% dei costo medio per quanto riguarda le due classi di dimensione in cui sono stati suddivisi gli allevamenti del Nord Est. Negli allevamenti di capi Blonde d’Aquitaine i ricavi della vendita dei capi e le erogazioni PAC hanno consentito invece la copertura di tutti i costi, con margini di profitto ancora negativo per le aziende di più piccole (97%) rispetto a quelle di dimensione più elevata (103%).

(fonte ismea )

Torna su