Bonifica emilia centrale, verso il commissariamento?

HPIM0965.JPGAlla fine è accaduto quello che molti invocavano: l’annullamento del risultato elettorale degli organi della Bonifica. Verso il commissariamento o la proroga del vecchi consiglio sino a nuove elezioni, del Consorzio della Bonifica dell’Emilia Centrale.

di Virgilio – Reggio Emilia 13 gennaio 2016 –

Già ancor prima dell’apertura dei seggi c’era chi invocava il commissariamento, come ad esempio il consigliere Foti (FDI) per “Assenza delle elementari regole di trasparenza prima delle elezioni dei cda, la Regioni nomini un commissario per rinviare il voto” o il piacentino Masimo Polledri (Lega Nord) che a seguito dell’esclusione della lista “Equità per tutti” così commentava il 7 di dicembre scorso  “Forse non si voleva avere controllo o rendere conto da vicino di scelte ed impegni – ipotizza Polledri – ed allora bene farebbe al regione a nominare un Commissario per rinviare le elezioni e consentire di riaprire le iscrizioni.”

Il caso alla fine si è sollevato a Reggio Emilia dove la lista di Ugo Franceschini, sostenuta da Coldiretti e LAPAM,  si era imposta per soli 191 voti sulla concorrente della candidata Roberta Rivi (sostenuta da Cia e Confagricoltura). Uno scarto troppo piccolo a fronte delle 351 schede risultate irregolari.

Sul da farsi decideranno il presidente della Regione Bonaccini e l’assessore all’agricoltura Caselli dovranno decidere se nominare un commissario o se prorogare il vecchio consiglio fino alle nuove elezioni. 

Ed ora il M5S ha presentato, alla presidente dell’Assemblea Legislativa Simonetta Saliera,  una richiesta di Commissione speciale di inchiesta sulle elezioni che si sono svolte a dicembre. “Questo annullamento non ci sorprende di certo visto che abbiamo da tempo ormai denunciato l’andamento quantomeno imbarazzante delle elezioni dei Consorzi di bonifica – spiegano Andrea Bertani e Gianluca Sassi, i consiglieri regionali del M5S che hanno richiesto l’istituzione della Commissione speciale di inchiesta – Ci sono state delle criticità e irregolarità diffuse che hanno riguardato tutte le fasi di questa elezione: dalla presentazione delle liste alla loro ammissione al voto, passando per la comunicazione sostanzialmente nulla agli aventi diritto e alle modalità del voto stesso. Crediamo che ci sia materiale sufficiente per spingere l’Assemblea a fare luce su queste diffuse irregolarità, visto che l’andamento del voto nel Consorzio dell’Emilia Centrale è comune a quello degli altri sette consorzi dell’Emilia-Romagna. La Regione non può continuare a chiudere gli occhi”.

Torna su