“Ricchi di boschi poveri” ma tanta creatività

Lucchi a destra e Brambilla (direttore di Gazzetta di Parma)

Lucchi a destra e Brambilla (direttore di Gazzetta di Parma)

La montagna non può salvarsi da sola. Le molteplici iniziative della amministrazione comunale di Berceto per il rilancio turistico e il mantenimento del patrimonio locale. Il salto di qualità, da luogo di villeggiatura a località turistica.

di Lamberto Colla Parma 14 gennaio 2016 –

Come ormai consuetudine, l’eclettico Sindaco di Berceto, Luigi Lucchi, riesce a incassare il plauso anche di Michele Brambilla, da pochi mesi alla guida della Gazzetta di Parma, in occasione della presentazione della miriade di progetti messi in campo dall’amministrazione bercetese per rilanciare la località sul piano turistico e non solo come luogo di villeggiatura “quando a Parma ci sono 40 gradi” ha sottolineato il Sindaco.

“Oggi ho visto lo spirito giusto, la voglia di costruire un futuro per la gente che vive qui” è la chiosa del direttore del quotidiano locale commentando l’impegnativo piano di lavoro proposto dal sindaco peraltro sostenuto da  molti e qualificanti interventi.

Effettivamente di carne al fuoco Lucchi ne ha gettata. Dalla volontà di creare degli organismi consortili per la gestione del territorio  e per la gestione dell’energia, ovviamente da rinnovabili, dal progetto di spostamento e riqualificazione delle aree di servizio di Tugo est e Ovest più a ridosso del casello autostradale di Berceto trasformandole, come lo sono spesso quelle francesi, in punti di promozione dei prodotti tipici locali, dal promuovere innovativi servizi di assistenza alla comunità degli anziani al recupero delle case cantoniere e delle 50 abitazioni abbandonate a rischio di crollo, dal progetto di creare un albergo diffuso al consolidamento di un progetto di valorizzazione turistica del comune che è porta strategica del Parco Nazionale Tosco Emiliano con l’obiettivo di fare rientrare anche Berceto nel riconoscimento UNESCO di Riserva di Biosfera e la contestuale valorizzazione della Via Francigena.

“Bisogna avere progetti ambiziosi” sottolinea Luigi Lucchi che conclude chiedendo il contributo e la partecipazione di tutti per portare a termine le idee proposte “perché la montagna non può salvarsi da sola”.

E’ stata la volta quindi di  Giovanni Gelmini a intervenire illustrando in dettaglio il “progetto fragilità” destinato alla comunità anziana, basti pensare che  Berceto ha un tasso del 20% di ultrasettantacinquenni, mentre Fausto Giovannelli – presidente del Parco Nazionale Tosco Emiliano – ha sottolineato l’importanza di Berceto e delle sue infrastrutture nel progetto di valorizzazione del Parco e del contributo che potrà derivare dalla combinazione dei riconoscimenti Unesco.

L’intervento di Giulio Gravaghi – commissione ANCI nazionale e Consulente di numerosi Comuni nel processo di riforma del servizio distribuzione gas – entra nel merito del progetto di riforma delle Reti di distribuzione del gas, del valore complessivo di 25 miliardi, che se andrà in porto “scipperà le reti del gas ai comuni” con grave danno economico per gli stessi.

Infine Rossi, UIL Emilia, si compiace con il progetto di Lucchi, invitando però il Sindaco a creare massa critica attraverso alleanze con i comuni limitrofi per meglio rafforzare le richieste da indirizzare alla Regione Emilia Romagna.

Lucchi_Luigi

Torna su