L’eredità di Expo. Tracciato il futuro dell’agroalimentare emiliano romagnolo

Stefano Bonaccini#agricoltura #expo #economia Un futuro di innovazione e internazionalizzazione per l’agroalimentare emiliano romagnolo. Dell’eredità di expo se ne è discusso a Bologna lunedi scorso, su sollecitazione della Regione, per  fare il punto sull’esperienza milanese chiamando a raccolta testimonianze di eccellenza nel campo delle imprese e delle organizzazioni no-profit. Imperativo sarà fare sistema e cooperare.

di Redazione, Parma 26 gennaio 2016 – 

E’ stato da tutti riconosciuto che la Regione Emilia Romagna sia stata una delle più attive durante i sei mesi dell’Expo Universale di Milano conclusasi lo scorso 30 ottobre.

Un’attività impegnativa che non poteva esaurirsi con l’EXPO milanese ma che deve protrarsi e consolidarsi nel tempo capitalizzando l’investimento del semestre milanese. A Milano l’Emilia-Romagna e il suo sistema agroalimentare sono stati tra i protagonisti.

Un primo momento di riflessione sul lavoro svolto e sui programmi futuri è stato appunto il maxi convegno dal titolo “L’eredità di EXPO per l’agricoltura dell’Emilia Romagna”  organizzato lo scorso lunedi 25 gennaio.

Il convegno bolognese, che ha chiamato a raccolta il mondo dell’agricoltura e dell’agroalimentare emiliano-romagnolo, è servito per fare il punto su progetti e strategie. Con un obiettivo: valorizzare al meglio l’esperienza dell’Esposizione milanese, per sostenere la propensione all’export e all’innovazione del sistema produttivo emiliano-romagnolo.

“Teniamo questo convegno – ha sottolineato Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia Romagna, introducendo i lavori – a un anno esatto dalla partenza della legislatura. Era infatti il 26 gennaio 2015 quando nominammo gli assessori, e la prima cosa che ci suggerirono era di non investire in Expo2015 e invece ci abbiamo creduto e è risultato un successo in quantità e in qualità”.

L’agricoltura ha un ruolo importante nel sistema economico emiliano romagnolo e è intenzione dell’amministrazione regionale continuare a investire per un futuro di innovazione e internazionalizzazione. “A partire dall’agroalimentare, che è la seconda voce del nostro export. A fine 2016 – promette Bonaccini – saranno già emessi bandi per circa 1 miliardo di euro (dei complessivi 2,5 miliardi di fondi europei a disposizione da qui al 2020), perché vogliamo agire con velocità, per superare definitivamente la crisi e creare posti di lavoro, a partire dall’agricoltura, un settore il cui valore aggiunto nel 2015 è cresciuto del 3%”.

L’impegno dell’Emilia Romagna è stato sottolineato anche dal ministro delle Politiche agricole e forestali Maurizio Martina in un intervento video. Tra i temi su cui il Governo è impegnato – ha spiegato il Martina– l’internazionalizzazione, forte di un export che nel 2015  ha superato i 36 miliardi di euro, il ricambio generazionale in agricoltura e la questione organizzativa con  la nascita del Ministero  dell’ agroalimentare. “Credo che la collaborazione tra Regione Emilia-Romagna e Governo sia cruciale – ha detto Martina – e ci sono le condizioni per attuarla”. 

Nel mondo il made in Emilia-Romagna è sinonimo di qualità dei prodotti, attenzione all’ambiente, sicurezza alimentare, distintività. Con unaRealtori1iliera  agroalimentare che da sola vale circa il 20% del totale nazionale, l’Emilia-Romagna è prima in Europa per prodotti Dop e Igp (42 con il recente ingresso del Pampapato ferrarese). Le prime quattro indicazioni geografiche emiliano-romagnole (Parmigiano Reggiano Dop, Prosciutto di Parma Dop, Aceto balsamico Igp e Mortadella Bologna Igp) rappresentano oltre il 40% del valore complessivo nazionale. Elevata  la propensione all’export con un valore di  5,5 miliardi di euro.

L’impegno della Regione
Caselli“A fronte di una domanda interna sostanzialmente stabile, la nostra prospettiva è sui mercati esteri e qui il potenziale è enorme – ha detto l’assessore regionale all’agricoltura Simona Caselli nella sua relazione introduttiva –  a fronte di un buon andamento dell’export complessivo, sono però ancora tante le aziende che non vanno all’estero. Al mondo produttivo chiediamo di condividere una strategia comune, perché se ci muoviamo come sistema, all’interno di una prospettiva nazionale, saremo più forti.” Caselli ha sottolineato l’impegno della Regione, sia intensificando l’attività di “diplomazia agroalimentare” e le relazioni istituzionali; che spingendo forte sull’innovazione,  un settore per il quale  sono a disposizione, da qui al 2020, 50 milioni di euro  grazie al Psr. Destinatari i Goi, ovvero i Gruppi operativi per l’innovazione, inedite alleanza tra mondo della ricerca e aziende agricole. Oltre12,6 milioni di euro sono già stati stanziati e  il termine per presentare le domande scade il 31 marzo. 

Tra i settori su cui Caselli ha rivendicato l’impegno della Regione  il sostegno all’identità del territorio e dei suoi prodotti e dunque “il presidio della reputazione che è ciò che ci precede quando affrontiamo un nuovo Paese”.

Costi-PalmaPer quanto riguarda il sostegno più diretto all’export, oltre alle risorse del Psr per la promozione sui mercati europei e le nuove strategie di commercializzazione, anche con un approccio di filiera, ci sono per il 2016  17 milioni di euro destinati all’internazionalizzazione, anche del settore agroalimentare. Come ha spiegato l’assessore regionale alle attività produttive Palma Costi verranno finanziati  bandi di promozione dell’export, sia sui mercati europei che extraeuropei, anche per piccole e medie imprese non esportatrici oltre che consorzi export e partecipazioni fieristiche. “C’è un bacino di 20 mila imprese che solo occasionalmente esportano”, ha spiegato Costi ed è lì che deve concentrarsi l’azione della Regione.

Il supporto  della Regione passa anche attraverso la fornitura di servizi, quale quelli di Ervet  (scouting, analisi Paese, ricerca finanziamenti e progettazione interventi) e del servizio Fitosanitario per il superamento di quelle barriere non economiche che rappresentano uno dei principali ostacoli per la penetrazione dei prodotti agroalimentari sui mercati extraeuropei.

De-Castro-PaoloDall’Europa è in arrivo il “Pacchetto promozione” che metterà a disposizione 200 milioni di euro all’anno.  Lo ha ricordato l’europarlamentare Paolo de Castro, che ha sottolineato la necessità di un maggior impegno come  sistema Paese sul fronte degli accordi internazionali, a partire dalla tutela delle indicazioni geografiche nel TTP, il trattato di libero scambio tra Stati Uniti ed Unione Europea.

Tra le attività di sostegno all’export, su cui si è soffermato il presidente di Unioncamere Maurizio Torreggiani, il Torregianiprogramma Deliziando in collaborazione con la Regione. Usa, Canada, Cina, Hong Kong, oltre all’Europa le aree verso cui si concentrerà nel 2016 l’attività di incoming, formazione e  promozione, oltre alle missioni e alla partecipazione a fiere internazionali di settore a New York e a Parigi. Nel 2015 l’attività di Deliziando ha coinvolto 128  aziende, 46 buyer esteri e si è tradotta in 534  incontri b2b.

Dall’esperienza di Expo si è consacrata la consapevolezza che l’Emilia Romagna, in quanto sistema, è un modello efficace e esportabile. E se di successo si può parlare, relativamente alla partecipazione alla rassegna milanese, questo lo si deve al fatto che si è lavorato uniti, amministrazioni e imprese tutti focalizzati su obiettivi comuni e condivisi.

relatori_tavola_rotonda

Ecco quindi che il convegno è stata anche l’occasione per promuovere un confronto diretto con il mondo delle imprese e del no profit chiamate a testimoniare le loro esperienze sui mercati esteri e a proporre idee.

A aprire le relazioni della tavola rotonda  è Maurizio Gardini (Conserve Italia) il quale ribadisce come Expo sia stato un efficace strumento di amplificazione dei risultati della rinnovata politica aziendale di Marca che ha registrato crescite a due cifre “abbiamo fatto il bilancio migliore della nostra storia”. Gardini avverte che oltre a fare squadra, per l’internazionalizzazione, le imprese devono essere attrezzate anche finanziariamente. “All’estero non ci stanno certamente aspettando a braccia aperte” conclude Gardini “dobbiamo meglio comunicare i nostri prodotti. E’ frustrante per i nostri produttori avere i migliori disciplinari produttivi al mondo e che questo non sia riconosciuto all’estero.”

Luigi Scordamiglia (presidente Inalca e vice presidente Assocarni) conferma come Expo sia stata una opportunità unica per il nostro Paese consacrando il modello italiano come modello di riferimento mondiale.

Siamo ricercati, ribadisce il presidente Inalca società presente in 70 paesi, per l’efficienza e sostenibilità delle nostre filiere, ma occorre presentarsi uniti perché, per quanto grandi non lo si è mai a sufficienza quando si parla di internazionalizzazione. Come fare? Occorre fare sistema e il suggerimento è che, anche in forza del nuovo ruolo (presidente della conferenza delle regioni) assegnato al Presidente della Regione Bonaccini, occorre che “questa regione assuma il ruolo fondamentale di coordinamento” per la capacità che ha avuto  nello stimolare l’internazionalizzazione.

Sara Roversi. Future Food Intitute progetto non-profit nato all’interno di youcangroup, network internazionale di attori del mondo del food capaci di generare un impatto positivo, a livello economico, culturale e sociale, investendo sull’innovazione, la condivisione di best practices globali ed il mentoring di startupper e giovani imprenditori del settore.Al centro di tutto? C’è lo “spirito imprenditoriale”, un concetto da favorire attraverso l’educazione dei giovani a tutti i livelli, per far crescere una generazione responsabile ed appassionata.

Nel girovagare per il mondo in cerca di “contaminazione” Sara Roversi racconta di essersi resa  conto che in Emilia Romagna c’è molta innovazione e, dopo avere intercettato un appassionato e talentuoso agronomo pugliese nella Silicon Valley, l’avrebbe convinto a partecipare alla nuova impresa: La “Future Farm” impresa agricola di 60 ettari in quel di Lugo.

Gianpiero Calzolari (Granarolo) “Expo è stato un esempio di come si presidiano gli argomenti e si imposta il futuro”. In quanto cooperativa per Granarolo expo è stata una ottima occasione per valorizzare il bene dei soci e “raccontare al mondo che siamo una realtà credibile”. Per Calzolari il tema forte è l’aggregazione perché essere interessanti è importante ma occorre essere competitivi per affrontare l’internazionalizzazione. Una affermazione che proviene dal vertice di una azienda che ha già rapporti in 52 paesi e che sta iniziando a presidiare direttamente il Paese produttore di latte per eccellenza, la Nuova Zelanda.

Stanislao Fabbrino (Romagna Coop Food)  porta l’interessante esperienza di una rete di imprese creata appositamente per l’esportazione. Insieme le sei realtà imprenditoriali (Cevico, Coin, Deco, Fruttagel, Molino Spadoni, Borgo Buono/Terre Emerse) realizzano un fatturato aggregato di 850 milioni, occupano 2.500 dipendenti in 13 stabilimenti. L’export, secondo Fabbrino, va progettato e le sei aziende aderenti alla rete di imprese, hanno preliminarmente fatto un attenta analisi dei prodotti da esportare, perché “non tutto si può esportare all’estero”. Ma per un approccio all’internazionalizzazione occorrono risorse e qui, è il suggerimento di Stanislao Fabbrino, la Regione può giocare un ruolo importante.

Giovanni Beccari (Cefa). CEFA è Organizzazione Non Governativa che da oltre 40 anni opera in africa per vincere la fame  e nel 2000 – ha raccontato Giovanni Beccari – sabbiamo raccolto una richesta di aiuto della Tanzania per affrontare il problema della malnutrizione.” La risposta è stato un progetto di produzione del latte, coinvolgendo il territorio emiliano romagnolo e la Granarolo. Un successo che è stato premiato con il riconoscimento di “miglior modello di sviluppo sostenibile per le comunità rurali.” Ed ora l’organizzazione non governativa ha lanciato una nuova iniziativa in Mozambico che vede confermata la collaborazione di Granarolo con l’obiettivo di rafforzare la filiera lattiera nel distretto di Breira avvalendosi del sostegno della Regione Emilia Romagna. “Continuiamo a nutrire il Pianeta” è la chiosa di Giovanni Beccari.

Claudio Guidetti (Mulino Alimentare) Per l’amministratore di Mulino Alimentare, società specializzata nel confezionamento e commercializzazione del Parmigiano Reggiano e  non solo, il radicamento sul territorio è un valore imprescindibile al punto tale che hanno avviato un processo di parternariato in esclusiva con una importante realtà casearia reggiana. Obiettivo quindi accorciare la filiera con beneficio sia per il consumatore finale sia per parte produttiva.  Un percorso che ha trovato uno sbocco immediato con la più importante catena distributiva canadese con la quale è stato avviato un processo di sensibilizzazione e divulgazione culturale del prodotto sfociato nella conquista del World Guinnes di taglio delle forme di Parmigiano Reggiano in  simultanea (1.300 forme). “In mezz’ora – commenta Guidetti – abbiamo realizzato il sold out di tutto il parmigiano disponibile”.  Alla Regione quindi cosa chiedere, è la domanda retorica del presidente di Mulino Alimentare, “un sostegno per fare sistema” perché certi processi  di internazionalizzazione possano avere una  più rapida ed efficace realizzazione.

Lucio Cavazzoni (Alce Nero) Ricollegandosi alla necessita di operare prioritariamente sulla cultura dei paesi oggetto di esportazione espresso da Guidetti, Lucio Cavazzoni Lucio Cavazzoni sottolinea come l’allargamento del mercato del biologico sia il tipico esempio di una affermazione prima della cultura poi del prodotto. “il Biologico – sottolinea Cavazzoni – sta crescendo a due cifre anche nei paesi dove i consumi alimentari decrescono”. Ma bisogna pensare avanti e collegare l’alimentazione alla salute. “infatti, continua Cavazzoni, se la vita media si è allungata sino a 83 anni, la salute invece – intesa come una reiterata ospedalizzazione – si è ridotta a 64 anni”. Quindi la prossima frontiera sarà CIBO per la SALUTE ma anche una nuova modalità di cooperazione. “Oggi la sfida è fare cooperazione tra  diversi, capaci di lavorare sullo stesso piano, quindi il tema non è solo esportiamo ma come lo facciamo.“. 

“Quella di Expo  è stata una sfida vinta – ha detto il segretario generale di Padiglione Italia Fabrizio Grillo chiudendo i lavori – ora bisogna insistere puntando su ricerca, tecnologia, educazione e valorizzazione delle  tradizioni alimentari del nostro Paese”.

Righetti_DeCastro_Grillo2

___________________________________

Il Programma:

9,15 accredito dei partecipanti

9,30 Apertura dei lavori – Stefano Bonaccini, Presidente Regione Emilia Romagna

9,45 Relazione introduttiva – Simona Caselli, Assessore Agricoltra Regione Emilia Romagna

10,00 Opportunità e strumenti per l’internazionalizzazione:

Paolo de Castro, Europarlamentare

Maurizio Torregiani, presidente Unioncamere Emilia Romagna

11,00 L’azione regionale per le imprese – Palma Costi, Assessore attività produttive Regione Emilia Romagna

11,15 testimonianze video di protagonisti dell’EXPO

11,30 Tavola Rotonda con imprese emiliano romagnole: Esperienze in corso e prospettive per il futuro

Giovanni Beccari, Cefa

Gianpiero Calzolari, Granarolo

Lucio Cavazzoni, Alce Nero

Maurizio Gardini, Conserve Italia

Claudio Guidetti, Mulino Alimentare

Stanislao G. Fabbrino, Romagna Coop Food

Sara Roversi, Future Food Intitute

Luigi Scordamiglia, Inalca

Moderatore: Roberto Righetti, direttore Ervet

Conclusioni

Fabrizio Grillo, Segretario Generale di Padiglione Italia

Torna su