Mulino Alimentare di Parma testimone di eccellenza internazionale

Guidetti_Claudio_Mulino Alimentare#food #eventi #imprese Anche una società di Parma invitata dalla Regione a raccontare la sua esperienza di internazionalizzazione.

 

Di redazione Parma 26 gennaio 2016 – Un riconoscimento di pregio quello riservato a Mulino Alimentare di Parma, società dedita al confezionamento e commercializzazione di Parmigiano Reggiano, invitata dalla Regione a relazionare sulla sua esperienza di internazionalizzazione. Un percorso avviato da diversi anni  che, sotto la guida attenta del CEO Claudio Guidetti, l’ha portata a consolidare oltre confine ben il 70% del fatturato.

L’occasione è stata il maxi convegno, organizzato dalla Regione Emilia Romagna lo scorso lunedi, incentrato sul tema “L’eredita di Expo per l’agricoltura dell’Emilia Romagna” e come poter capitalizzare gli investimenti e le esperienze della sei mesi milanese.

Un evento dove sono stati chiamati a raccolta alcune imprese e associazioni no-profit che si sono distinte nel processo di esportazione di prodotti e competenze.

Nel mondo il made in Emilia-Romagna è sinonimo di qualità dei prodotti, attenzione all’ambiente, sicurezza alimentare, distintività. Con una filiera  agroalimentare che da sola vale circa il 20% del totale nazionale, l’Emilia-Romagna è prima in Europa per prodotti Dop e Igp (42 ).

Righetti-Caselli-DeCastro-GrilloUn ruolo importante per fare conoscere il re dei formaggi in Canada e nord-america l’ha avuto, senza ombra di dubbio, anche il Mulino Alimentare grazie a un programma di marketing promozionale che ha raggiunto l’apice con la conquista, nel 2014, del Guinness World Record di taglio contemporaneo di ben 1.300 forme di Parmigiano grazie alla collaborazione instaurata con l’assoluto leader della distribuzione canadese.

“Per esportare non è sufficiente conoscere la lingua, ha sottolineato Claudio Guidetti, ma occorre conoscere pienamente la mentalità del luogo ed è perciò che il lavoro ha preso corpo incontrando preliminarmente una grande catena distributiva confrontandoci con loro cercando quelle occasioni di incontro che consentissero un reciproco beneficio.” Mulino Alimentare era approdato in Canada dopo una consolidata esperienza nel vecchio continente riversando perciò oltre oceano già un buon fardello di competenze internazionali. “Il nostro obiettivo, ha proseguito Guidetti, è di accorciare la filiera eliminando tutte quelle fasi di intermediazione che non hanno più ragion d’essere ma al contempo intensificando dei processi di parternariato esclusivo con i caseifici del territorio con i quali condividere i vantaggi economici acquisiti. Forse però non tutti sanno che, per relazionarsi con le GDO, occorre possedere particolari certificazioni difficilmente riscontrabili nei caseifici e che queste devono essere mantenute e rinnovate attraverso un approccio sistematico alla qualità. E’ un attimo essere esclusi dal circuito a causa di una semplice ma indispensabile formalità”.

Bonaccini-ridAl Presidente della Regione Stefano Bonaccini  il compito di fare gli onori di casa e introdurre gli elementi che tracceranno le prossime politiche agroalimentari mentre l’Assessore all’Agricoltura Simona Caselli e la collega alle Attività Produttive Palma Costi l’onere di entrare nel dettaglio delle politiche di sviluppo dell’agroalimentare per rafforzare il “Modello” operativo così ben collaudato e con riconosciuto successo durante l’Expo2015.

Al convegno hanno dato il loro contributo anche il presidente Unioncamere dell’Emilia Romagna Maurizio Torregiani, l’europarlamentare Paolo De Castro anticipando la tavola rotonda, moderata dal direttore di Ervet Roberto Righetti,  che ha visto alternarsi sul palco alcune rappresentanze delle eccellenze emiliano romagnole:

Giovanni Beccari, Cefa

Gianpiero Calzolari, Granarolo

Lucio Cavazzoni, Alce Nero

Maurizio Gardini, Conserve Italia

Claudio Guidetti, Mulino Alimentare

Stanislao G. Fabbrino, Romagna Coop Food

Sara Roversi, Future Food Intitute

Luigi Scordamiglia, Inalca

Al segretario generale del Padiglione Italia, Fabrizio Grillo, il compito di trarre le conclusioni del convegno

Pubblico_rid_RER

Torna su