Il Glifosato non sarà messo al bando, per ora.

campo_argineLimitato l’uso solo per attività professionali. Rinnovata l’autorizzazione per altri 7 anni invece degli attuali 15.

di Lamberto Colla – Parma, 22 aprile 2016 – 

Il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto.

Come spesso accade sulle questioni delicate e dove una parte è particolarmente “forte” l’UE riesce a non decidere compiutamente. E’ stato così per gli OGM e ora così è per l’utilizzo del Glifosato, da più parti e in diversi continenti ritenuto pericolosissimo.

Sulla materia però L’UE è in buona compagnia, infatti, se per l’EFSA (l’agenzia europea per la sicurezza alimentare) il prodotto è da considerarsi “non cancerogeno”, per l’organismo internazionale IARC (International Agency for Research on Cancer) è considerato come “probabile cancerogeno per l’uomo”.

Il Parlamento Europeo, con 374 voti favorevoli, 225 contrari e 102 astenuti, ha approvato solo parzialmente la richiesta di fermare l’autorizzazione all’uso dell’erbicida, approvata lo scorso 22 marzo in Commissione Ambiente. L’europarlamento ha richiesto alla Commissione Europea di limitare a 7 anni, invece degli attuali 15, il rinnovo dell’autorizzazione, raccomandando agli Stati membri di limitare o vietare la vendita del glifosato per usi non professionali. La Commissione Europea dovrebbe anche rivalutare l’approvazione in attesa della presentazione all’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) di un fascicolo sulla classificazione armonizzata del glifosato.

Sulla base dell’incertezza scientifica per l’Adoc (associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori) “è importante che venga al più presto accertata la reale pericolosità dell’erbicida e del suo potenziale cancerogeno verso l’essere umano. Certo è che a seguito di questa risoluzione, molto criticata, ad uscirne sconfitti non sono solo gli ambientalisti e gli agricoltori biolgoici, che chiedevano a gran voce di vietare il rinnovo dell’autorizzazione all’uso e alla vendita degli erbicidi a base di glifosato, ma anche i consumatori europei, il cui diritto alla salute e all’informazione sulla pericolosità immessi nell’ambiente sono stati ancora una volta non rispettati a livello europeo.”.

Tutto sommato ben venga questa prima presa di posizione del Parlamento Europeo e chissà che prima o poi un risultato certo e utile per i cittadini e la loro salute si possa raggiungere.

Torna su