Cereali e dintorni. Qualche segnale di resistenza ai rialzi.

cerealirid206_cibus

Segnali di resistenza ai rialzi speculativi stanno dando un po’ di fiato alle filiere zootecniche sempre alle prese con una perdurante crisi di prezzi e di liquidità.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 01 giugno 2016 –

Il mercato è ancora nelle mani dei fondi-rialzisti seppure abbiano incontrato qualche resistenza, ma  comunque qualche presa di profitto è stata portata a casa. Due notizie che potrebbero portare a ribassi di mercato provengono dalla Cina, l’una riguardante il mais, l’altra riguardante il seme di soya. Notizie passate quasi inosservate forse a seguito dei recenti annunci di vendite interne, poi rimandate, che hanno abbattuto la credibilità delle informazioni provenienti da quell’area.

E’ però ipotizzabile che l’impennata dei prezzi possa avere creato qualche problema anche per quell’immenso mercato asiatico.

Difficile fare previsioni. Quel che è certo è che questi timidi  segni di resistenza danno un po’ di fiato sia ai venditori per le loro esposizioni finanziarie-assicurative, sia ai compratori, ma in modo particolare agli utilizzatori delle tante filiere in crisi.

In un tale contesto è facile immaginare che, i più prudenti, cerchino di non rimanere “corti” di mais e di proteici, anche in forza della concentrazione delle speculazioni imposte dai  incentrate proprio sul trimestre giugno-agosto.

Non è escluso che in molti facciano affidamento sull’effetto raccolto grano, orzo e cereali minori, ma le due locomotive Mais e Soya sono lanciate e al loro traino stanno andando gli altri cereali.

Per il settore bioenergetico prosegue, ormai da molto tempo, corsa ai sottoprodotti per sopperire alla mancanza di mais tossinato sia in granella che in farina. In aggiunta i cruscami mantengono quotazioni elevate in ragione del fatto che l’industria molitoria non produce a pieno regime.

Indicatori internazionali 01 giugno 2016
l’Indice dei noli è sceso a 612 punti, il petrolio stabile a 49,00 $ e l’indice di cambio  è  sceso a 1,11320

_____________________________________________________________________


Mario Boggini
– esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

logo andalini

Torna su