Chiuso per elezioni

chiuso_per_elezioni“Eppur non si muove”. Dalle “trivelle” alla “Brexit” per passare dalle amministrative italiane e infine alle elezioni della Gran Bretagna e al referendum costituzionale d’autunno e poi verranno presto le elezioni in Germania e in Francia (forse anche in Italia), ogni scusa è buona per non prendere le decisioni importanti e fare decollare quest’Italia e quest’Europa.

di Lamberto Colla Parma, 3 luglio 2016.

la Gran Bretagna ha deciso che non vuole stare con questa Europa e oltre 17 milioni di felici sudditi di sua Maestà la Regina Elisabetta hanno optato per il Leave ovvero abbandonare la barca che sta affondando.

Come ogni scelta popolare va rispettata e al di là delle considerazioni se fosse stato “giusto” procedere con una consultazione popolare su questioni così impegnative e che coinvolgono, direttamente o indirettamente, altri Paesi membri, il messaggio è stato chiaro e lo sarebbe stato ancor più se, a pochi giorni dalla consultazione, un fanatico non avesse ucciso la deputata laburista  Jo Cox impegnata per promuovere il Remain.

Tralasciamo anche il fatto che il giorno seguente fosse stata avviata una petizione per rifare il referendum, che in poche ore raccolse quasi 2 milioni di adesioni, ma il risultato è lì sotto gli occhi di tutti e in molti, in Italia e negli altri Paesi dell’Unione, vorrebbero correre a una consultazione analoga e… allora ne vedremmo delle belle!

Fatto sta che lo schiaffo all’Europa germanocentrica, tutta imperniata sulle misure d’austerity guidata da ragionieri e non da statisti, controllata dalla Troika e minacciata dalla finanza internazionale è stato dato e ora si deve aprire il tavolo delle trattative per negoziare l’uscita di una nazione che, di fatto, non era mai entrata e ospita nella city della capitale il 40% delle transazioni finanziarie mondiali.

E così è stato convocato d’urgenza un summit tra i 28-1 Paesi membri per decidere le modalità e i tempi anticipato da un mini vertice tra i rappresentanti delle nazioni (Gran Bretagna esclusa ovviamente) che nel dopoguerra, decisero che sarebbe stato opportuno trovare delle intese comuni per scongiurare nuovi conflitti mondiali. Hollande e Renzi non usarono mezze parole all’indomani del referendum, il Regno Unito avrebbe dovuto distaccarsi dall’UE il più presto possibile.

E infatti, dal vertice trilaterale, venne la conferma del contrario. La Merkel, ancora una volta, è riuscita fare valere la sua posizione e gli interessi della Germania, che con il l’Isola ha fortissimi interessi commerciali, e il risultato finale è che vince la linea tedesca e occorre “aspettare la richiesta ufficiale del dell’Inghilterra di attivazione dell’articolo 50 del trattato di Lisbona  che riguarda appunto il recesso unilaterale di un membro dell’Unione Europea.

Ma tale richiesta non potrà essere formulata dal dimissionario Camerun che cesserà il suo mandato solo a ottobre.

Ancora una volta la burocrazia ha avuto il sopravvento e viene sfruttata per prendere tempo, per fare stemperare gli animi e chissà forse per rinegoziare ulteriori vantaggi britannici pur di non perdere un pezzo di quest’aborto di Stato federale che avrebbe dovuto essere l’Unione Europea.

Una risposta ancora una volta attendista. Tutto rimandato a ottobre,  come la consultazione referendaria promossa da Matteo Renzi sulla modifica costituzionale sul risultato della quale si gioca la permanenza a Palazzo Chigi.

E così, da una campagna elettorale all’altra, nulla si decide e L’Italia va a rotoli e l’Europa si disintegra.

   

.

  

  

Torna su