Cereali e dintorni. Forse terminata la fase ascendente

MAIS_PANNOCCHIA_gde_cibusAncora troppo presto per sostenere con sicurezza la fine della crescita dei proteici. A fare scalpore nelle ultime trattative le flessioni fortemente negative di grano e orzo e di cruscami.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 07 luglio 2016 –

Alla fine è accaduto. Nella serata di ieri (5 luglio ndr) il mercato ha avuto l’atteso calo, spinto dalle piogge nel Mid West ma anche dalla necessità da prese di profitto. Troppo presto per sostenere con certezza che la fase ascendente sia terminata anche in forza dei timori provenienti dalle stime di potenti ondate di caldo che dovrebbero fare la loro comparsa a metà luglio.

Comunque, diversi analisti, stanno ipotizzando di sensibili prese di profitto che potrebbero avvenire a cavallo del mese di Settembre.

In controtendenza ai cali registrati è il grano che era ai minimi storici. Due notizie hanno spinto il frumento: l’informazione circa le prossime aste indette dall’Egitto, che ha tolto lo zero assoluto all’inquinamento da altro cereale, e i fondi che cominciano a avere necessità di ricoprirsi.

Quindi un po‘ di respiro è arrivato sia alla soia (seme e farina) che a proteici come colza e girasole.   Il percorso verso la “convenienza” è ancora lungo ma uno spiraglio si è aperto.

A fare scalpore nelle ultime trattative è il collasso della crusca che a Milano è arrivata a 95 euro alla tonnellata, e il calo del grano e dell’orzo. Le ragioni sono da intercettare sia nelle produzioni abbondanti ma anche dalla bassa propensione all’acquisto a seguito della crisi dei consumi.

Per il settore bioenergetico, potrebbe risultare il momento di approfittare del calo dei cruscami di grano sul pronto, almeno sino a quando non si capovolgerà la tendenza.  La scarsità di  mais bioenergetico spinge le vendite di farina tossinata a 190 euro arrivo e 186 euro partenza nord, comunque tutte vendite sul pronto o al massimo su luglio. Il maggior problema è la quantità, non certo la richiesta di prodotti.

Indicatori internazionali 05 luglio 2016
l’Indice dei noli è risalito a 692 punti, il petrolio scende a 46,70 $ e l’indice di cambio  a 1,10529

 

logo andalini

Torna su