Cereali e dintorni. Mercati nervosi e i fondi vanno all’incasso

Mais-IMG_1888Il mercato delle materie prime rimane sempre molto volatile e “nervoso” e condizionato dai bollettini meteo. Martedi ha accusato il colpo dello spostamento in avanti del temuto fronte di caldo troppo secco e i fondi ne hanno approfittato per alleggerire le loro posizioni

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 20 luglio 2016 –

Ceraeli-MP-20lug16

La novità prevalente, riscontrata sul mercato domestico, risiede nel mercato dei cruscami che si è violentemente ripreso.  Per il mais invece si è assistito solo a una timida ripresa peraltro subito svanita. Il grano nonostante la frenata  quello molitorio e zootecnico, più che altro per la resistenza dei produttori a vendere, rimane in zona fortemente critica e sta mettendo in difficoltà circa 300.000 imprese agricole. Per l’orzo la situazione non cambia e la criticità dei prezzi è determinata  sia dalla qualità (pesi specifici) sia dalla spinta delle rimanenze provenienti dall’estero. Senza storia il triticale che è offerto a 140 euro partenza Milano.

Intanto i prezzi esteri sulla nuova campagna per il mais comunitario (rumeno, ungherese, bulgaro, serbo) per settembre quotava nella giornata di martedi a euro 159, l’ottobre quotava euro157, il novembre euro 157, e il dicembre euro 159 cui aggiungere il  nolo navale da 18 a 20 euro tonnellate per navi da 30.000 tonnellate. Quotazioni queste che dovranno scontrarsi con la massa di grano foraggero che verrà ben presto esitata  sul mercato. Sempre nella giornata di martedi è stato offerto del mais, sul periodo ottobre 2016 – giugno 2017 a 180 euro arrivo Brescia su camion ribaltabili

Riguardo alle bioenergie, la novità è rappresentata dall’impennata dei cruscami e dai primi tentativi di trinciatura sui precoci.  Nel frattempo si stanno rendendo più evidenti le ricadute negative dei dettami della G.U. del 18/04/16 che hanno escluso l’uso di diversi prodotti che derivavano da varie industrie agro alimentari.

Indicatori internazionali 20 luglio 2016
l’Indice dei noli è risalito a 746 punti, il petrolio ruota intorno a 45,60 $ e l’indice di cambio  a 1,10137

 

 

logo andalini

Torna su