Caccia. Parere favorevole in commissione a modifiche del calendario venatorio 2016/17

FagianoSì da Pd e Sel, no da Ln e Fdi-An, astenuto M5s. Caselli: le modifiche si sono rese necessarie “per recepire accordi locali specifici sottoscritti in alcuni ambiti provinciali”

Parere favorevole in commissione Politiche economiche, presieduta da Luciana Serri, ad alcune modifiche introdotte al Calendario venatorio regionale per la stagione 2016/2017. Hanno approvato il provvedimento i gruppi Pd e Sel, hanno espresso voto contrario i gruppi Ln e Fdi-An, mentre si è astenuto il gruppo M5s.

Le modifiche al Calendario venatorio regionale, ha evidenziato l’assessore alla Caccia, Simona Caselli, si sono rese necessarie “per recepire accordi locali specifici sottoscritti in alcuni ambiti provinciali dai rappresentanti delle associazioni venatorie, di quelle agricole e di quelle ambientali nonché per adeguare il provvedimento ad alcune novità legislative nazionali”.

Massimiliano Pompignoli (Ln) ha espresso perplessità su talune modifiche, invitando la Regione, “alla luce della sentenza odierna del Tar che ha rigettato l’ennesimo ricorso sull’uso dei telefonini da parte dei cacciatori, a eliminare dalla normativa regionale ogni riferimento in merito all’utilizzo del cellulare, come chiedono reiteratamente le associazioni venatorie, per evitare qualsiasi possibilità di ricorso”.

Per Manuela Rontini (Pd) “il recepimento degli accordi locali specifici, come quello sottoscritto dai soggetti interessati in provincia di Ravenna, testimonia il rispetto della Regione per le peculiarità dei territori, come garantito in sede di approvazione del Calendario venatorio regionale 2016/2017”. In merito all’uso dei telefonini da parte dei cacciatori, ha sollecitato i tecnici regionali “a emanare con rapidità una circolare di buon senso”.

Tommaso Foti (Fdi-An) ha invitato la Regione a “inserire nella circolare il divieto dell’uso del cellulare unicamente nel momento della pratica venatoria e come richiamo per la selvaggina”.

Per Gian Luigi Molinari e Barbara Lori (Pd), “solo l’abuso del cellulare, esplicitando nella circolare regionale unicamente i casi di utilizzo distorto, deve essere vietato e sanzionato”.

(Bologna 27 luglio 2016 – Luca Govoni)

Torna su