La salute vien mangiando…mele

melegdLe mele sono un prezioso “fil rouge nutrizionale” che ci accompagna tutto l’anno, ma è in autunno che si ha la loro maturazione naturale con varietà, sapori e colori per tutti i gusti

Bologna, 19 settembre 2016 – L’estate sta finendo e si ritorna in città, chi al lavoro, chi a scuola e comunque tutti agli impegni quotidiani, con la necessità di prepararsi ad affrontare adeguatamente i primi cambiamenti climatici che preludono all’inverno. Certo le vacanze sono state motivo di relax e divertimento per molti, ma per alcuni possono essere state un’occasione imprevista di stress e di fatica e per altri ancora causa di un eccessivo appesantimento fisico.

Rivolgendosi saggiamente alla natura per trovare un “aiuto” quanto mai efficace che ci rimetta in sesto su tutti questi fronti, ancora una volta la frutta ci è amica e ci offre quel supporto essenziale per stare in salute e vivere al meglio una parte dell’anno impegnativa.

Stimolare gli italiani a consumare più frutta e verdura è la mission di FRUIT24, il progetto triennale messo a punto da Apo Conerpo, la maggiore organizzazione europea di produttori ortofrutticoli, e cofinanziato da UE e MIPAAF per promuovere il consumo di tutti i prodotti ortofrutticoli freschi di produzione comunitaria. L’obiettivo è suggerire al consumatore – con notizie, informazioni e attività specifiche di coinvolgimento – un utilizzo consapevole di questi prodotti, sensibilizzandolo sull’importanza e la gradevolezza di una loro assunzione costante nell’alimentazione quotidiana in funzione di un benessere naturale che si traduce in salute. In particolare, il progetto vuole fornire il suggerimento concreto su quale frutta e/o verdura consumare, come e perché, in una sorta di menù giornaliero, diverso in funzione delle stagioni e in funzione di determinati target, come lo studente e lo sportivo, per le diverse fasce orarie della giornata, evidenziandone anche la convenienza.

E parlando di frutta autunno-invernale il pensiero corre istintivamente alle mele che, a dire la verità, ci accompagnano ormai tutto l’anno come un prezioso “fil rouge nutrizionale” al quale si può sempre ricorrere, ma che hanno nel periodo autunnale la loro maturazione naturale e la conseguente “esplosione” in termini di varietà, sapori, colori e anche consumi.

Le mele vantano un’allure biblico, mitologico e favolistico, ma soprattutto sono regine di un mondo agricolo italiano – sia del passato che attuale – che ne ha esaltato le proprietà e i benefici, ponendole al centro di famosi detti popolari e di definizioni avvalorate “sul campo” senza mai smentite di sorta.

Pur in presenza di aree territoriali maggiormente vocate di altre per via del clima che le caratterizza, in generale la coltivazione di mele è strettamente legata alla grande tradizione produttiva del nostro Paese, tanto che le mele sono da molto tempo il frutto più diffuso in Italia e anche il più amato dagli italiani, complice peraltro la loro grande versatilità in cucina.

Sinonimo di salute e benessere, farmaco naturale e rimedio per tanti problemi, le mele sono costituite per circa l’85% del loro peso da acqua e questo le rende ideali per idratare l’organismo a tutte le età e soprattutto per gli sportivi: 100 grammi di prodotto apportano circa 40 calorie, 10 grammi di zucchero e grandi quantità di sali minerali quali potassio (utile in estate per reidratarsi a causa dell’eccessiva sudorazione), sodio, bromo, calcio, magnesio (Fonte CREA – Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione).

Le mele contengono circa il 2% di fibre, sotto forma di pectine, e sono un alleato prezioso del nostro intestino come prebiotico, per controllare il colesterolo “cattivo” nel sangue (LDL) e per ridurre il rischio cardiovascolare.

Le mele sono anche un concentrato di molte vitamine quali A, E, C ed alcune del gruppo B, come la vitamina B1 che combatte nervosismo, inappetenza e stanchezza e la vitamina B2 che facilita la digestione, protegge le mucose della bocca e dell’intestino e rinforza capelli ed unghie.

Nelle mele sono inoltre presenti aromi quali il geraniolo, nonché l’acido citrico e l’acido malico (noto anche come l’acido di mela, presente soprattutto nella buccia), quest’ultimi con funzioni antinfiammatorie per l’apparato gastroenterico. La ricchezza di antiossidanti e di polifenoli presente nelle mele sembra contribuire alla prevenzione di alcuni tumori, mentre in particolare i flavonoidi rallentano l’invecchiamento cellulare, quindi la formazione delle rughe.

Per il colore, sapore, usi e tempi di maturazione si distinguono diverse varietà di mele, tra le quali – solo per citare le più note – vi sono le Golden Delicious (le più diffuse in Italia e nel mondo), Annurca, Fuji, Granny Smith, Imperatore, Jonagold, Morgenduft, Pink Lady, Renetta, Royal Gala, Stark Red Delicious, Stayman, Ozark Gold, Rome Beauty.

Vi sono poi molte varietà locali rare e di nicchia, o “frutti dimenticati”, che hanno una coltivazione limitata ad un ambito territoriale circoscritto del nostro Paese, e la cui produzione viene sovente riportata all’attenzione dei consumatori dalle organizzazioni agricole e ambientaliste particolarmente attive sul fronte della biodiversità.

Le mele sono destinate prevalentemente al consumo casalingo, sia per quello immediato allo stato crudo, che come ingrediente di macedonie, ma anche in cucina per la preparazione di centrifugati e succhi, oppure cotte al forno o utilizzate per antipasti, primi e secondi piatti, per insalate di frutta e soprattutto per diversi dolci (in primis torta di mele e strudel).

Inoltre si prestano anche ad essere utilizzate per preparare in casa maschere di bellezza naturali. Numerosi sono infine gli utilizzi industriali per la preparazione di dolci, succhi, liquori (il sidro), dell’aceto di mele e di creme, oltre ad essere utilizzate anche disidratate ed essiccate – in questo caso rappresentano uno snack gustoso e salutare – senza dimenticare la loro importanza quali componenti della cosmesi.

Ecco due ricette che vedono protagonista la mela

mele

Insalata di Mele, Cavolo rosso e Parmigiano

un piatto unico gustoso e completo per i suoi ingredienti

Ingredienti (per 6 persone)

1 cavolo cappuccio rosso

3 mele Golden

50 g di Parmigiano Reggiano a piccole scaglie

50 g di gherigli di noci spezzettati

1 limone, il succo

olio extravergine di oliva

2 cucchiai di senape

sale e pepe

cerfoglio o prezzemolo tritato

6 fette di pane integrale

Preparazione

Pulite e affettate finemente il cavolo, eliminando foglie esterne e torsolo, e ponetelo in un’insalatiera. Sbucciate le mele, grattugiatele grossolanamente facendo cadere la polpa in una ciotola per poi bagnarla col succo del limone. Tritate il cerfoglio.

Scolate bene le mele e trasferitele nell’insalatiera. Condite ora con un filo d’olio, la senape, i gherigli di noce spezzettati, le scagliette di Parmigiano, spolverizzate col cerfoglio tritato e regolate di sale e pepe. Servite l’insalata con il pane integrale tagliato a bastoncini e leggermente tostato.

COMPOSIZIONE NUTRIZIONALE DELLA RICETTA (per 1 persona)

Proteine g 7

Grassi g 13

Carboidrati g 62

Fibra totale g 12

Sodio mg 118

Potassio mg 579

Ferro mg 4

Fosforo mg 180

Calcio mg 288

Vit. C mg 39

Vit. A retinolo eq μ 37

Energia kcal 393

Strudel di Mele

il dolce a base di mele, tipico dell’Arco alpino

Ingredienti (per 8 persone)

per la pasta dello strudel:

1 uovo

50 cl di olio evo

50 cl di latte tiepido

250 g di farina 00

1 pizzico di sale

per il ripieno:

6 mele renette

50 g di uvetta ammollata in acqua calda

1 cucchiaino di cannella macinata

1 scorza di limone grattugiata

25 g di pinoli o nocciole tritate

25 g di fichi secchi tagliati sottili

75 g di pane secco grattugiato

30 g di miele

25 cl di rum

100 g di burro

30 g di zucchero a velo

Preparazione

Per la pasta di strudel, sbattere bene un uovo con l’olio, il latte tiepido e un pizzico di sale. Aggiungere la farina e impastare con le mani finché la pasta risulta morbida ed elastica. Lasciarla riposare al caldo per 15 minuti.

Sbucciare e tagliare a fettine sottili le mele, aggiungere l’uvetta ammollata nel rum o in acqua tiepida, il miele, un pizzico di cannella, la scorza di limone grattugiata, i pinoli o le nocciole tritate, i fichi secchi tagliati sottili. Stendere la pasta con il matterello, tirandola sottile senza strapparla. Nel frattempo in una padella sciogliere una noce di burro e poi tostare il pangrattato: lasciarlo dorare qualche minuto, poi spegnere il fuoco e lasciare intiepidire.

Mettere a fondere il burro rimanente in un pentolino a fuoco dolce.  Riprendere il panetto di pasta e lavorare su un canovaccio leggermente infarinato per compiere con più facilità tutte le operazioni. Innanzitutto formare un rettangolo di pasta dalle dimensioni giuste. spennellarne la superficie, tranne i bordi, con poco burro fuso e cospargere con il pangrattato tostato. Porre sopra il composto con le mele, arrotolare lo strudel dalla parte più lunga, facendo attenzione a non rompere la pasta, sigillare bene anche i lati. Spennellare anche la superficie esterna con il burro fuso.

Porre infine lo strudel su una placca da forno e cuocere per un’ora a 180 °C.

A cottura ultimata, si può ricoprire lo strudel con una spolverata di zucchero a velo e servirlo tiepido a fette.

COMPOSIZIONE NUTRIZIONALE DELLA RICETTA (per 1 fetta di circa 150 grammi)

Proteine g 4.80

Grassi g 10.05

Carboidrati g 56.5

Fibra totale g 3.75

Sodio mg 159

Potassio mg 261

Ferro mg 0.90

Fosforo mg 64.6

Calcio mg 25.5

Vit. C mg 3.90

Colesterolo mg55.35

Energia kcal 321

Stampa

(Progetto fruit24)

Torna su