Parmigiano Reggiano. Incremento di produzione, No problem.

img_4882Alessandro Bezzi: “bisogna essere maggiormente aggressivi”. Il lungo ciclo di crisi che ha contraddistinto negli ultimi anni il Parmigiano Reggiano, e più ampiamente tutto il settore lattiero caseario, ha fortemente segnato gli allevatori del comprensorio di produzione del Re dei formaggi. Le soluzioni proposte dal nuovo presidente Alessandro Bezzi sono state presentate a Noceto ieri mattina.

di Lamberto Colla Noceto 27 settembre 2016 –

A portare i saluti dell’amministrazione di Noceto è intervenuta la Vice Sindaco Desolina Bizzi, accompagnata  dalla Consigliera Barbara Faroldi, portando i saluti del Sindaco Fabio Fecci al numeroso pubblico presente all’incontro con il Presidente consortile Alessandro Bezzi e alla vice Presidente Monica Venturini.

img_4877

Un incontro tematico che ormai è diventato una tradizione “per fare il punto della situazione e per offrire un contributo alla riflessione sulle strade da intraprendere per valorizzare il latte destinato alla produzione di Parmigiano Reggiano”. E’ quanto ha affermato Mauro Scaccaglia (Agriverde) introducendo i temi oggetto dell’incontro, sottolineando come il Presidente Bezzi si sia accollato una notevole responsabilità perché “chi l’ha preceduto, – prosegue Scaccaglia – per quanto abbia fatto un buon lavoro, ha lasciato ancora  molti problemi da portare a soluzione e, non dobbiamo dimenticare, gli allevatori  guadagnano dalla vendita del latte e non dalla commercializzazione, per cui, l’aumento della produzione sta destando non poche  preoccupazioni”.

Meno preoccupato è invece Alessandro Bezzi che, proprio sulla questione produttiva, dichiara che “ leimg_4876 150.000 forme in più devono essere una occasione di stimolo alla vendita”.

E in effetti, considerando il mercato globale, nuovi spazi di commercializzazione si possono e si devono trovare. Sulla base di questo presupposto, sin dal primo giorno dal suo insediamento, Bezzi ha avviato una serie di incontri a tre, Consorzio, commercianti e Grande distribuzione organizzata (GDO), offrendo un contributo di idee e di risorse da condividere in un progetto comune che garantisca una equa crescita e si ponga l’obiettivo di non trascinare il prezzo del formaggio sotto una determinata soglia di prezzo.

Incontri che ha reputato positivi tanto è vero che “dal 9 maggio a oggi, dichiara Bezzi, il Parmigiano Reggiano è cresciuto di 1,20€, il Nord America (USA e Canada) cresce e dalle 330.000 forme quest’anno si giungerà a oltre 400.000 forme, questo grazie ai nostri esportatori, perché il Consorzio non può certo fare queste operazioni direttamente”.

Nonostante la limitazione di un impegno diretto sull’export e più in generale sulla commercializzazione, la commissione MARCA (composta da 5 persone), istituita dalla presidenza sin dai maggio, ha il compito specifico di meglio finalizzare i progetti destinati alla commercializzazione sia sui mercati esteri sia sul mercato nazionale. “Con il progetto Marca – sottolinea il Presidente – abbiamo ritenuto che non si deve pensare solo a spendere sino all’ultimo centesimo, ma a spenderlo bene.”

Sulla questione dei Piani produttivi, altro tema che sta molto a cuore degli allevatori, il Presidente ha anticipato la sua proposta che prevede, all’interno di un programma quadriennale di lavoro, anche l’introduzione di un fattore di flessibilità “pur nel rispetto delle quote formaggio” e del loro valore.

Infine è stato toccato anche il tema della qualità del prodotto, un altro aspetto che dovrà essere posto al centro delle attenzioni del consorzio in particolare per quanto riguarda i porzionati e i grattugiati che troppo spesso, dal riscontro analitico, non si allineano ai requisiti del disciplinare.

img_4883Rispondendo alle sollecitazioni provocate da un presidente di caseificio, in merito alla necessità di sostenere le iniziative di commercializzazione dei caseifici, piuttosto che dei commercianti, la vice presidente Monica Venturini, interviene sottolineando come sia ancora lontana una efficace concentrazione dell’offerta.  In particolare la Venturini sottolinea che “piccolo è bello però, soprattutto questo è valido per la provincia di Parma, i 150 caseifici producono un milione di forme, quanto Reggio realizza con 96.“

Il nostro sistema, conclude la vice presidente, “è molto variegato e le dimensioni sono importanti per una commercializzazione perciò la concentrazione è una strada obbligata.” .

Un processo comunque che non può essere gestito dal Consorzio, come i dirigenti ricordano all’assemblea, ma che può solo promuovere affinché accada.

Molti gli interventi che si sono succeduti e ognuno ha portato, in modo più o meno animoso, un contributo di forte riflessione, manifestando apertamente come il substrato produttivo sia in fermento e in attesa di radicali trasformazioni da parte del Consorzio di tutela al fine di meglio adeguarsi alle esigenze mutate del comparto, a salvaguardia delle produzioni ma soprattutto delle imprese sempre più compresse tra livelli produttivi, multe, costi di produzione e necessità di investimenti.

img_4880

prre_desy-bezzi-scaccaglia-cop

(Nella foto a fianco: a sinistra la Vice Sindaco di Noceto Desy Bizzi e a destra il Presidente Alessandro Bezzi. Sullo sfondo Mauro Scaccaglia “Agriverde”)

Torna su