I sovversivi del gusto. Il bello italiano

13603662_10207947876388891_5075188222003079479_oDi L’Equlibrista – Tornano in scena i Sovversivi del Gusto, così si apre un sodalizio nato ormai undici anni fa dalla mente vulcanica e senza preconcetti di Adriano Liloni, titolare dell’Osteria Pegaso di Soprazzocco di Gavardo.

Questa comitiva di aziende fatta di produttori estremi, ligi al biologico ed alle regole ferree di madre natura, si sono tornati a riunire per due giorni, sabato 2 e domenica 3 Luglio, nella cornice dell’azienda agricola Fratelli Trevisani, vero e proprio balcone affacciato sul lago di Garda. Una quarantina le realtà produttive presenti in questa edizione del raduno, provenienti da varie province: in primo piano le cantine, circa una ventina, senza contare i microbirrifici, produttori di olio extravergine, maestri cioccolatieri, produttori di conserve, marmellate, aceto  balsamico, formaggi, apicoltori, fornai e norcini.

ippI prodotti in esposizione si potevano anche acquistare, così come è stato possibile assaggiare i piatti dell’Osteria Pegaso, del Ludo di Montichiari e dell’Osteria Antichi Sapori di Prevalle. Non sono mancati laboratori sul miele, sugli abbinamenti, sull’olio, oltre a momenti di intrattenimento musicale e teatrale. Il vulcanico Adriano Liloni è un cuoco tutt’altro che conformista, capobanda dei resistenti all’omologazione del gusto e che ha fissato il decimo raduno nazionale con gente che veniva da ogni angolo dell’Italia.

Si parla di produttori e artigiani provenienti da tutta Italia, che sognano e propongono un modo di concepire in maniera diversa il cibo e i prodotti della terra, sono partigiani del buongusto, rivoluzionari senza far politica. 

Il gruppo ha preso forma anni fa alla Trattoria Pegaso di Gavardo, durante una cena in cui si ragionava su come valorizzare i formaggi caprini della Valsabbia. Così è nata una rete di produttori e ristoratori, che nel 2006 Liloni, trattore – come ama definirsi – di indiscusso carisma, ha concretizzato nei Sovversivi del Gusto organizzando il primo raduno sull’Isola del Garda. Nati idealmente nel Bresciano, i Sovversivi sono oggi sparsi per tutta l’Italia, accomunati dalla convinzione che possano sopravvivere prodotti buoni, eccellenti, tradizionali e autentici anche all’interno del mercato globale. Le loro storie di resistenza gastronomica sono raccontate anche in due libri fotografici che il Liloni presentò su Rai 2 ospite di Dario Vergassola.

Dalle 14 di sabato alle 21 di domenica con la possibilità di fermarsi alla tenuta e dormire in tenda, questa era stata caldamente sostenuta da Liloni, tutto il pubblico avrà occasione di incontrare le storie vere del buon cibo del nostro Paese, ma soprattutto di degustare e, volendo, comprare olio extra vergine di oliva, formaggi di mucca e capra, vini, birre, prodotti da forno, mieli, aceti (di miele e balsamici), dolci, cioccolata, pasta, conserve, salumi e molte altre tipicità.

Circa una quarantina i produttori che portano sapori con un’anima e c’è chi arriverà, coadiuvato da un gru, con un forno a legna da sei quintali per mostrare la cottura del pane.

In calendario anche alcuni seminari, gratuiti ma su prenotazione per conoscere il Miele, l’olio extra vergine di oliva ed in contemporanea, anche un corso sugli abbinamenti dei formaggi. A chiudere alcuni spettacoli teatrali e abbinamenti improbabili fra cibo e vino.

Ci si augura che la goliardia e la follia non abbandoni mai questa gente che a prescindere dalla crisi, dalle circostanze, dalle vicissitudini personali, continuano ad andare contro corrente e a dimostrare con i fatti ed uno stile di vita sui generis che la passione e l’amore per le cose fatte bene porta sempre alla sovversione delle regole e della monotonia.

13603673_10207867560220757_4901781430900023669_o 13613215_10207867556140655_3266016402929451245_o 

 

Torna su