Prestiti alle imprese agroalimentari in leggero calo ad agosto

euro-in-carrello-spesa-1024x677_gdeIl credito bancario a disposizione  delle imprese agricole e dell’industria alimentare in leggera flessione dello 0,8% rispetto a luglio.Il calo è dello 0,6% su base annua, sintesi di una dinamica positiva dei prestiti all’industria alimentare (+1,5%), e di una contrazione dei finanziamenti all’agricoltura (-2,1%).

Il confronto con l’andamento dei finanziamenti al totale delle attività economiche tuttavia è favorevole per il settore agroalimentare.

Il mercato del credito continua a rivelarsi critico per il sistema produttivo nazionale, registrando nel mese di agosto un’ulteriore contrazione su base annua. Quest’ultimo dato conferma  una tendenza negativa che si protrae senza soluzione di continuità dal mese di maggio 2012.

In particolare, ad agosto lo stock dei prestiti bancari concessi al totale delle imprese italiane, secondo i dati diffusi dalla Banca d’Italia nel rapporto mensile Monete e banche, ammonta a 873.835 Milioni di Euro, in flessione del 2,3% rispetto allo stesso mese del 2015.

Le imprese agricole e dell’industria alimentare considerate nel complesso sono interessate anch’esse da una lieve riduzione degli impieghi bancari totali a loro destinati: per effetto anche di una contrazione congiunturale (-0,8% rispetto a luglio),  la variazione di agosto, su base annua, è del -0,6%. Il confronto tuttavia con l’andamento del finanziamenti al totale delle attività economiche è favorevole per il settore agroalimentare, che mostra ancora una buona tenuta in termini di prestiti totali ricevuti, nonostante il rallentamento degli ultimi mesi.

I dati di dettaglio confermano la forbice che si sta delineando a partire dai primi mesi del 2016, in termini di accesso al credito tra imprese dell’industria alimentare e aziende del settore primario (inteso come agricoltura, silvicoltura e pesca). I finanziamenti a queste ultime,  che durante il 2015 erano stati in crescita pressoché costante, dall’inizio del 2016 hanno cominciato a contrarsi: in particolare, le riduzioni dei prestiti all’agricoltura degli ultimi due mesi (entrambe del -2,1% su base annua) confermano la dinamica calante, con lo  stock che ad agosto scende a 43.350  Milioni di Euro.

Diversamente, l’andamento dei finanziamenti alle imprese dell’industria alimentare, delle bevande e del tabacco continua a essere positivo: ad agosto, gli stock di prestiti bancari al settore segnano un +1,5% su base annua, nonostante la contrazione congiunturale (-1,3% su luglio), e si assestano sui 32.153 Milioni di Euro.

Rispetto al 2015, i finanziamenti ricevuti dalle imprese del settore agricolo rappresentano stabilmente una quota del 5,0% dei prestiti bancari complessivi, mentre cresce il peso della componente delle imprese dell’industria alimentare in termini di finanziamenti ottenuti, pari al 3,7%. Nel loro complesso, le imprese del settore agroalimentare nel 2016 assorbono una quota di credito bancario leggermente superiore al 2015, passando dall’8,5% all’8,7% (in base agli ultimi dati aggiornati disponibili).

Con le riduzioni congiunturali dello stock dei prestiti di agosto, la variazione acquisita dei finanziamenti all’agroalimentare per l’intero 2016 scende leggermente sotto lo zero: la differenza con il dato medio del 2015 (dati Moneta e Banca, Banca d’Italia) è di soli 0,2 punti percentuali in meno. Anche in questo caso il dato di stabilità è sintesi di una variazione negativa per il settore agricolo (-1,6%) e di una positiva per l’industria alimentare (+1,8%).

Nello spaccato territoriale, il credito bancario al settore agricolo, risulta intercettato principalmente dalle imprese del Nord Est, con una quota del 35%, seguite immediatamente da quelle del Nord Ovest (28%). Il restante 37% si distribuisce tra le aziende del Centro e del Sud  (incluse le Isole). La distribuzione territoriale risulta poi analoga anche quando si analizza il credito destinato alle imprese dell’industria alimentare.

ismea-pestiti-imprese

(Fonte Ismea 14 ottobre 2016)

Torna su