APE, ma che bella pensata!

piaggio_ape_c-foto-m-huwylerChissà come l’avrebbe sottolineata il grande Totò. Ti mando in pensione prima, ti riduco l’importo e ti gravo di un mutuo ventennale. D’altronde se i mutui non li accendono i pensionati,unici possessori di entrate certe, chi li può stipulare? 

di Lamberto Colla Parma 23 ottobre 2016

Infine arriverà il 4 dicembre. Giornata della liberazione dal referendum.  Nella speranza che dopo la vittoria del SI o del NO si possa tornare a parlare di economia e soprattutto di lavoro con l’augurio che, con le teste sgombre da problemi elettorali, i benpensanti di Roma ritrovino un po’ di lucidità.

Credo, e non voglio essere sospettoso, che la lucidità intellettuale non sia stata da guida alla pensata dell’APE (Anticipo Pensionistico), semmai sia  stato il frutto di quella quota di cervello propensa al sadismo. 

Se all’inizio si poteva pensare che la notizia fosse una delle tante assurde seminate su Facebook, con l’andare del tempo invece, è diventata sempre più popolare per finire infine, nell’ultimo Consiglio dei Ministri (15/10/2016 n° 136), ad avere un capitolo tutto suo e una assegnazione di risorse per 7 miliardi (in tre anni), quindi una cosa seria!

“L’Anticipo pensionistico (APE) spetta ai lavoratori che – si legge nel comunicato stampa della presidenza del consiglio  abbiano almeno 63 anni e sono a 3 anni e 7 mesi dalla pensione di vecchiaia. Potranno accedere all’APE sociale i lavoratori che abbiano almeno 30 anni di contributi se disoccupati, invalidi o con di parenti 1° grado con disabilità grave oppure per chi avrà raggiunto i 36 anni di contributi facendo dei lavori cosiddetti “pesanti”. Queste categorie di lavoratori potranno andare in pensione fino a tre anni e sette mesi prima senza nessun onere fino a 1.500 euro lordi di pensione. Potranno accedere all’APE volontaria i lavoratori che avranno 20 anni di contributi versati, in questo caso la rata di restituzione del prestito andrà di media dal 4,6% al 4,7%. L’APE aziendale ha gli stessi meccanismi di funzionamento di quella volontaria, ma i costi dell’operazione del prestito saranno a carico dell’azienda. Tutti gli iscritti presso due o più forme di assicurazione obbligatoria avranno diritto al cumulo gratuito dei contributi ai fini della pensione anticipata e di vecchiaia.”

In breve sintesi l’APE sarebbe, secondo i nostri politici, una risposta adeguata allo sconsiderato aumento dell’età pensionabile messo in campo dai predecessori di Matteo Renzi (leggi Fornero/Monti). E allora, per non essere da meno in termini di fantasia e sadismo, anziché rimuovere l’ostacolo, il Governo ha pensato di dare il ben servito, a chi dopo una vita lavorativa e spesso molto pesante, premiandolo con un bel mutuo sul groppone. Neanche al miglior Fantozzi sarebbe accaduta una cosa simile.

Forse, avranno pensato, con un colpo solo risolviamo due problemi:

liberiamo anticipatamente dei posti di lavoro che potranno andare a disposizione di giovani (ovviamente ventenni con pluriennale esperienza nel settore, disponibilità a trasferte e madrelingua inglese, tedesco e cinese!);

sosteniamo il sistema bancario che non riesce più a fare accendere un mutuo nemmeno a pagarlo.

Intanto che ci si arrovella a trovare soluzioni improbabili ai problemi nazionali, l’economia sommersa è in costante crescita e ormai stimata prossima ai 200 miliardi, i licenziamenti per giusta causa sono aumentati del 31% e le assunzioni sono diminuite. E’ bastata la promessa di eliminare Equitalia, per far raffreddare i bollenti spiriti degli italioti ormai incapaci, non solo a reagire, ma a giudicare con equità e soggettività.

Per il futuro meglio attrezzarsi con un calessino, APE ovviamente.

(Foto:Piaggio Ape_C-foto-M.Huwyler)

Torna su