Vino. Export italiano in valore: avanti ma con cautela

Filari uva_gdeAppare ancora lontana la possibilità di riconquistare la leadership in quota di volume di vino esportato.

Roma – L’export in valore continua la sua “cavalcata” vincente, anche se il ritmo è un po’ rallentato. Nei primi sette mesi del 2016, attestandosi ad oltre 3 miliardi di euro, gli incassi segnano, infatti, un ulteriore +1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e, con un po’ di ottimismo, si può ben supporre che a fine anno potrebbero arrivare sulla soglia dei 5,5 miliardi di euro, mettendo così il sigillo all’ennesimo record.

Ma se dal lato “valore” si è fatta ormai l’abitudine ad avere delle progressioni, sul fronte volumi la situazione appare più incerta.  Gli 11,5 milioni di ettolitri esportati, infatti sono in linea con quelli dei primi sette mesi del 2015 e si può comunque considerare un buon segno nella misura in cui si assiste, quantomeno, ad una frenata della riduzione dei volumi che ha caratterizzato tutto il 2015. Appare, quindi, lontana la possibilità dell’Italia di riconquistare la leadership mondiale degli esportatori in volumi, nonostante la Spagna stia mostrando una battuta d’arresto rispetto allo scorso anno.

La nota positiva arriva dal fatto che la flessione dell’export italiano di vini comuni sfusi,  si sta arrestando. Mentre c’è una certa sofferenza dei vini in bottiglia soprattutto Igp.

vino-export-ott2016

(Fonte Ismea 21 ottobre 2016

Torna su