Il cibo in Emilia Romagna è irriguo

bonifica-erIn Emilia Romagna i 500mila ettari irrigati, per due terzi gestiti dai Consorzi di bonifica, producono ben l’80% della produzione agroalimentare del nostro territorio: è questo il dato assai rilevante uscito dalle stime diffuse all’incontro “Il cibo in Emilia Romagna è irriguo” organizzato da ANBI Emilia Romagna in collaborazione con il Canale Emiliano Romagnolo nell’ambito di H20 l’esposizione settoriale tenutasi in concomitanza della Fiera bolognese SAIE Building & Construction.

Davanti ad un pubblico numeroso, composto per lo più da giovani che con ogni probabilità saranno i professionisti del domani (Istituto Garibaldi Da Vinci di Cesena e del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Bologna), alcuni tra i maggiori esperti di utilizzo “intelligente” e di prospettiva della risorsa idrica si sono confrontati con le realtà accademiche, legislative e soprattutto socio-economiche della nostra regione concordando sul fatto – non certo sottovalutabile- che dell’acqua, anche alla luce delle più aggiornate statistiche ambientali riguardanti i cambiamenti climatici globali non certo positivi, va assolutamente fatto un utilizzo oculato.

Il risparmio idrico non è una variabile non considerabile, ma un elemento irrinunciabile e fondamentale sulla strada europea che va verso una economia di settore maggiormente efficiente, green, tracciabile , sostenibile e quindi competitiva tra quelle di eccellenza. Al meeting di ANBI Emilia Romagna hanno preso parte Paolo Mannini direttore generale del CER e dei laboratori di ricerca Acqua Campus e Stefano Anconelli ricercatore CER, il professore Davide Viaggi dell’Università di Bologna, Davide Vernocchi presidente della cooperativa Apo Conerpo (6.700 soci) , Giorgio Poggioli Responsabile dell’Ufficio Agricoltura Sostenibile della Regione Emilia Romagna. Al termine degli interventi il Presidente di Anbi ER e del Consorzio per il Canale Emiliano Romagnolo CER Massimiliano Pederzoli ha rimarcato quanto sia fondamentale oggi possedere uno sguardo di insieme volto all’utilizzo intelligente dell’acqua e quanto sia  -al contempo – rilevante continuare l’opera di ricerca scientifica che i laboratori CER e i singoli Consorzi stanno portando avanti.

“L’acqua  – ha ribadito Pederzoli – è una risorsa che l’agricoltura non consuma ma che utilizza per produrre cibo restituendone una larga parte di quella prelevata all’ambiente che ci circonda e di cui dobbiamo prenderci cura attraverso la nostra opera quotidiana. In questo contesto il dato regionale diffuso oggi da Anbi è quanto mai significativo”.

bonifica-scuola

(Fonte ANBI 25 ottobre 2016)

Torna su