Verso la catastrofe ambientale. #maiunagioia

mucca-urla-al-pascolo#maiunagioia – Siamo entrati nella nuova era geologica: l’antrapocene.  Secondo il Living Report 2016 del WWF, entro 4 anni il 67% delle specie scompariranno.

di Lamberto Colla Parma 30 ottobre 2016

Con l’assalto a Mosul, comincia a scemare l’interesse mediatico verso l’Isis, almeno fino al prossimo devastante attentato che si consumerà in una capitale occidentale. il terrorismo mediatico rimane circoscritto all’elegante scontro tra il Tycoon candidato alla Casa Bianca e la fedele consorte dell’ex presidente statunitense e, in terra nostrana, dallo scontro titanico tra i sostenitori del Si e del No piuttosto che dall’intrigo romano che vede il governo capitolino sempre più compromesso dalla congiura dei frigoriferi.

Ben poca roba anche perché ormai sono argomenti consumati e prossimi a una naturale conclusione, a esclusione della vicenda “Raggi” che invece continuerà a illuminare la vita politica nazionale grazie ai complottisti romani.

Occorreva  quindi una nuova argomentazione tragica per rimpolpare le cronache catastrofistiche, quelle che tengono alto il valore dell’hastag #maiunagioia.

Ecco che, con l’approssimarsi della nuova Conferenza mondiale sul Clima, il COP 22 che si terrà in Marocco tra il 7 e il 18 novembre, le problematiche ambientali vengono incontro alla esaurita fantasia della tensione che tanto fa audience.

E allora giù con i titoloni che segnano il count down del “Globo”.

La concentrazione di CO2 ,che ha superato la soglia limite di 400 ppm (parti per milione) segnando un nuovo e inquietante record proprio nell’anno in corso, piuttosto che l’estinzione del 67% delle specie animali e vegetali prevista entro il prossimi 4 anni.

E’ quello che ha rilevato il rapporto Living Planet 2016 del WWF nel quale l’organizzazione si spinge addirittura a identificare un nuovo periodo geologico: l’antrapocene. “Per la prima volta nella storia l’impatto, scrive il WWF, delle attività umane sui sistemi viventi del Pianeta è stato talmente forte da generare la ‘nascita’ di un nuovo periodo geologico nella storia della Terra, l’Antropocene”. “Il mondo selvaggio sta scomparendo a un ritmo senza precedenti”, ha dichiarato Marco Lambertini, Direttore Generale del WWF Internazionale –  Non stiamo parlando solo delle specie meravigliose che tutti amiamo: la biodiversità rappresenta la base stessa del buono  stato di salute delle foreste, dei fiumi e degli oceani. Senza le specie animali gli ecosistemi crolleranno e con loro i ‘servizi’ che la natura ci fornisce quotidianamente come la purificazione dell’aria, dell’acqua, il cibo e la difesa dai cambiamenti climatici.

Attendiamo quindi con ansia il 19 novembre per sapere cosa avranno deciso di fare i grandi inquinatori della terra (forse decideranno di aumentare i limiti di legge? – vedi Dieselgate Volkswagen), nel frattempo (8 novembre) avremo il nuovo capo della più grande potenza mondiale, mentre dovremo restare ancora col fiato in sospeso per 15 giorni prima di conoscere che fine farà la nostra Costituzione, o almeno i “soli” 47 articoli che verranno più o meno ritoccati o alienati.

Torna su