Alla scoperta di Pontremoli, aspettando il Christmas Food Wine festival di Noceto

20161208-img_4480Escursione a Pontremoli.  Vagabondando per la capitale della Lunigiana, in attesa della sua calata a Noceto per conquistare i cuori e il palato con i suoi Testaroli, una musica per “Soprano e “Sottano”. (galleria Immagini)

di Virgilio -Noceto, 12 Dicembre 2016

pontremoli-copIncuneata tra l’Emilia e la Liguria, Pontremoli rappresenta, da sempre, la “porta” di ingresso per accedere alla Toscana. Rinomato luogo di sosta sul percorso della Via Francigena è ricordata sin dal 990 dall’Arcivescovo di Canterbury Sigeric, di ritorno dal suo pellegrinaggio a Roma.

Estremo lembo a nord della Toscana, Pontremoli, si erge tra i due fiumi, il Magra e il Verde, espandendosi attorno al Castello di Piagnaro e allungandosi, durante lo sviluppo urbanistico, lungo il percorso dei due corsi d’acqua. E’ nel medioevo che Pontremoli crebbe notevolmente proprio in relazione alla via Francigena di cui rappresentava la XXXI tappa. 

Statue Stele - Museo delle Statue Stele di Pontremoli

Statue Stele – Museo delle Statue Stele di Pontremoli

Ormai appurato che Pontremoli sorga sull’antico insediamento di Apua, risalente a circa mille anni prima di Cristo, ed abitata dai Liguri Apuani i quali, una volta sconfitti dai Romani, vennero deportati nel Sannio mentre chi riuscì a sfuggire, riparato all’interno delle terre che lambiscono il Magra, hanno dato continuità all’insediamento apuano. Dell’antichità degli insediamenti esistono ampie documentazioni storiche e il “Museo delle Statue Stele”, ristrutturato nel 2015 all’interno del Castello di Piagnoro, è una tappa fondamentale da non perdere per nessuna ragione.

20161208-img_4981Per la sua straordinaria posizione strategica, Pontremoli è stata oggetto di molte dominazioni fra cui quella dei Malaspina (nel 1319) e quella degli Antelminelli (nel 1322). All’inizio del XIV secolo la rivalità tra le fazioni dei Guelfi e dei Ghibellini culminò con la costruzione del grande campanile per separare i campi dei contendenti.

Fu soggetta dominazione Francese, quindi spagnola, sino al 1647 quando venne conquistata dalla Repubblica di Genova passando, tre anni dopo, sotto il Granducato di Toscana.

20161208-img_5014Nel 1847 Pontremoli e il suo territorio venne annesso al ducato di Parma in attuazione del trattato di Firenze del 28 novembre 1844 dove rimase fino all’unità d’Italia.

Molte quindi i punti di contatto storici con la Valpadana e l’Emilia in particolare. Una vicinanza non solo geografica ma soprattutto storica legano il territorio parmense e la lunigiana tant’è che, sin dalla Costituente, a opera del senatore Giuseppe Micheli nel 1946, ciclicamente si torna a parlare di “Lunezia”, l’ipotetica regione comprendente le province della Spezia, Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia e il circondario di Pontremoli.

20161208-img_5010Un’affinità storico-culturale che verrà celebrata il prossimo fine settimana (17 e 18 dicembre) in quel di Noceto (PR) in occasione del Christmas Food Wine Festival e che porterà alla luce, a suggellare il sodalizio tra il Comune di Noceto e quello di Pontremoli, un nuovo prodotto da “passeggio”. Una variante del Testarolo (secco in questo caso) farcito di prosciutto nero di produzione nocetana e molto altro ancora.

img_4035Sottano” e “Soprano” suoneranno la musica del Testarolo tipico. Il Cristmas Food Wine Festival, giunto alla seconda edizione,  sarà perciò l’occasione per ammirare l’originale quanto affascinante produzione dei testaroli grazie allo show-cooking organizzato da Slow Food di Pontremoli, sotto la guida del fiduciario Marco Cavellini.

(A seguire la galleria immagini)

Christmas Food Wine Festival in Sintesi

Slow food, show cooking, trucks di street food, cantine vinicole di tutto il nord Italia, contraddistinte da produzioni di elevata qualità, che proporranno i calici in degustazione, per accompagnare ciò che i produttori agricoli e i ristoratori del territorio vorranno proporre.

Cotechino da passeggio accompagnato dallo zabaione, cappelletti,  miele, formaggi, salumi, spezie, ortaggi di stagione, birre artigianali , oltre al  testarolo da passeggio che sarà abbinato al pesto di basilico con il formaggio DISOLABRUNA dell’Azienda Profi di Ronchini Giuseppe   

2016foodwinebannerPartner della manifestazione GOLA GOLA FESTIVAL

Contribuiranno alla organizzazione la Proloco Noceto, Associazione Incontriamoci in Paese, Consulta dei Giovani di Noceto, che prepareranno i pacchi natalizi .

Programma della manifestazione, nel centro storico:

sabato 17/12 dalle ore 12,00 stand di street food con crepes, pesce fritto, arrosticini e prodotti sardi, torta fritta, salumi, trippa, cappelletti da passeggio, zucca fritta e vin brulè, lambrusco cantine Ceci , birra Dolomiti.

domenica 18/12 dalle ore 9 , oltre agli stand di street food del sabato, apertura degli stand di degustazione, produttori agricoli, trucks di street e slow food,  alle ore 11,00  il  primo show cooking e l’ intervento di Antonio di Vita. Previsto nel pomeriggio alle 15,00 il saluto dei rappresentanti delle amministrazioni comunali di Noceto e Pontremoli , alle 15,30 il secondo show cooking ed a seguire il via alle degustazioni.

img_4473 img_4474 img_4475 img_4476 img_4477 img_4478 img_4479 img_4480 img_4481 img_4482 img_4484 img_4485 img_4486 img_4487 img_4488 img_4489 img_4490 img_4491 img_4492 img_4493 img_4495 img_4976 img_4977 img_4978 img_4979 img_4980 img_4981 img_4982 img_4983 img_4984 img_4985 img_4986 img_4987 img_4988 img_4989 img_4990 img_4991 img_4992 img_4994 img_4995 img_4996 img_4999 img_5000 img_5001 img_5002 img_5003 img_5004 img_5005 img_5006 img_5007 img_5008 img_5009 img_5010 img_5013 img_5014 img_5015 img_5017 img_5018 img_5019 img_5020 img_5021 img_5023

Torna su