60 anni e li dimostra tutti.

Celebrazioni, a dir poco, sottotono  del sessantesimo della firma dei trattati di Roma del 25 marzo 1957. Nessun rilievo è stato dato  in europa e tantomeno nel resto del mondo di questo anniversario, segnato dalla sparata del presidente dell’Eurogruppo alla vigilia e dalla Brexit subito dopo. 

di Lamberto Colla Parma 02 aprile 2017

E’ giusto ricordare che se in Europa da settanta anni le nazioni vivono “in pace” lo si deve a quel manipolo di uomini visionari, statisti che ormai in giro per il mondo non si trovano più neanche con il lanternino, capaci di sognare e porre le basi per un’Europa forte, democratico e in grado di equilibrare i rapporti tra le due superpotenze militari e nucleari dell’epoca, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica.

Un traguardo importante che avrebbe dovuto riempire gli animi di gioia e i giornali di retorica. Invece quel 25 marzo 2017, in memoria del 25 marzo 1957, è trascorso quasi in sordina. Una ricorrenza trattata dalle testate giornalistiche come un evento di secondo ordine, apparso più come una rimpatriata  tra reduci piuttosto che una occasione politica per rilanciare gli antichi valori che furono sanciti da padri fondatori dell’Unione Europea.

Come si può festeggiare con il morto in casa?

Già perché se l’Unione Europea non è morta è però agonizzante sotto la pressione degli egoismi nazionali guidati da leader ben poco visionari e tantomeno lungimiranti il cui spessore culturale non può e non deve, per rispetto, nemmeno essere posto a confronto con coloro  che si riunirono a Roma nel 1957.

Emblematico il caso del Presidente dell’Eurogruppo (l’organo di coordinamento dei ministeri dell’economia dei Paesi Membri), Jeroen Dijsselbloem, che alla vigilia delle celebrazioni se ne è uscito con una affermazione sconcertante che probabilmente non penserebbe nemmeno il più ignorante tra gli ignoranti del continente e che invece è uscito dalla bocca di quell’Olandese dal nome impronunciabile e che, non si sa come, è stato posto al vertice dell’Eurogruppo.

Nell’intervista al quotidiano tedesco Faz, Dijsselbloem ha detto, senza troppi giri di parole, che nel periodo dell’eurocrisi i Paesi del Nord hanno dimostrato solidarietà verso quelli del Sud. E poi ha aggiunto: “Considero la solidarietà un elemento molto importante, ma chi la richiede ha anche obblighi. Non posso spendere tutti i soldi in alcol e donne e dopo chiedere aiuto“.

L’aiuto a disintossicarsi dovrebbe chiederlo lui che nonostante tutto non ha trovato tra i detrattori, guarda caso, proprio il ministro delle finanze tedesco, il falco Wolfgang Schaeuble. 

Di scuse ovviamente non se ne parla e di dimissioni men che meno.

E se questa è stata la vigilia, all’indomani delle celebrazioni, per la precisione il 29 marzo, la Gran Bretagna si è presentata con la formale richiesta di scissione dall’UE (Brexit). Un’altra gatta da pelare che potrebbe pesare sul groppone dei residuali cittadini europei.  60 miliardi di euro è infatti la cifra che verosimilmente l’ex “Stato Membro” dovrebbe pagare gli impegni di finanziamento già presi e le pensioni dei funzionari britannici che hanno lavorato alla Ue durante la permanenza di Londra nell’Unione.

Un negoziato che si preannuncia molto difficile e premonitore di un’altra crisi il cui conto ci verrà ben presto presentato.

—————-&—————

(per seguire gli argomenti “Editoriali” clicca qui)

  

Torna su