Caccia agli evasori e equità sociale o quasi

La manovra bis di 3,4 miliardi sarà una bella sorpresa. Se ne parla poco e quel che è certo darà una forte spinta al contrasto all’evasione.

di Lamberto Colla Parma 23 aprile 2017

Finalmente il governo ha trovato il coraggio per affrontare la lotta all’evasione. Dopo anni di tentennamenti e decine di servizi di “Striscia la Notizia” il Ministro Padoan ha deciso di prendere il toro per le corna e di affrontare il problema dei “portoghesi” con la risolutezza che merita. La straordinaria notizia era già ventilata a più riprese da circa un mese ma ora sembra proprio che, almeno dall’ultima bozza della manovra “bis”, sia stato introdotto il capitolo “misure urgenti per la lotta all’evasione tariffaria” con multe fino a 200 euro per chi è senza biglietto. “I gestori dei servizi di trasporto pubblico – è scritto nel testo – possono affidare la prevenzione, l’accertamento e la contestazione delle violazioni anche a soggetti non appartenenti agli organici del gestore, qualificabili come agenti accertatori”. 

Difficile stimare il consistente gettito fiscale di questa manovra che andrà a colpire tutti quegli anziani che hanno dimenticato l’abbonamento o proprio non avevano gli spiccioli per il biglietto e tantomeno la forza di tornare a casa a piedi. Costoro infatti saranno gli unici che, presi in flagranza di reato, consegneranno le proprie generalità agli accertatori. Non lo faranno certamente gli immigrati clandestini, le baby-gang che seminano il terrore nelle stazioni della metro e delle ferrovie. No, costoro resteranno impuniti e continueranno a viaggiare a spese della comunità.

Per il momento, a causa di mancanza delle adeguate coperture, non è stata introdotta la detrazione del 19% per gli abbonamenti, il che confermerebbe l’esiguità del gettito fiscale  previsto. 

Quindi, come al solito, una “non notizia” viene edulcorata e data in pasto ai giornali perché si propagandi l’operato del Governo. Così, tra una edizione straordinaria che aggiorna sulla improbabile guerra nucleare tra USA e Nord Corea e il ritrovamento di un giaciglio ancora caldo lasciato dal fantasma “Igor o Ezechiele” nelle paludi della bassa ferrarese, ecco che la non notizia acquisisce credibilità lasciando oltremodo intendere che il governo non aumenterà le tasse anzi introdurrà elementi di equità sociale.

  Non si pagherà, infatti, l’Imu, la Tasi e l’Ici sulle piattaforme petrolifere e del gas all’interno del cosiddetto «mare territoriale». Mentre viene confermata la garanzia dello Stato per 97 milioni per la realizzazione della Ryder Cup di golf nel 2022.

Per il rilancio dell’economia c’é tempo. Non importa se siamo il Paese con stime di sviluppo ben inferiori a tutti gli altri dell’UE. Cresciamo la metà della Germania, tre volte meno della Spagna e cinque volte in meno rispetto alla media mondiale. C’è tempo per affrontare il tema della povertà incalzante (12% delle famiglie in gravi difficoltà economica nel 2016) e della disoccupazione e/o sottoccupazione. C’è tempo per affrontare il tema dei sostegni alle imprese che, nel corso degli ultimi 7 anni, hanno dimezzato gli investimenti.

Per tutte queste cose di minore importanza c’é tempo. Più importante pensare alle primarie, poi alle elezioni e poi, se proprio necessario, un aumento dell’iva è così facile da fare e giustificare, potendo infine scaricare la responsabilità sull’Europa.

—————-&—————

(per seguire gli argomenti “Editoriali” clicca qui)

  

Torna su