Cereali e dintorni. Dall’USDA segnali positivi per l’export.

Lunedì 24 è stato il giorno della pubblicazione dei dati USDA dell’esportazioni settimanali dagli USA. La positività dei dati ha perciò favorito il segno positivo del  Chicago.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 26 aprile 2017 

DATI USDA 24 aprile 2017

SEMI maggio 961,2 (+10,2) luglio 971,6 (+11) novembre 967,4 (+8)

FARINA maggio 316,4 (+6,8) luglio 320,6 (+7)

CORN maggio 359,2 (+2,2) luglio 365,4 (+1,6)

GRANO maggio 402,4 (-2,4) luglio 419,2 (-1,6) settembre 434,2 (-1,2)

Così come, il segno più, era anche favorito dal forte deprezzamento del dollaro, o meglio dal forte apprezzamento dell’euro, causato dal risultato delle elezioni francesi, che smorza il timore di una deriva antieruropea della Francia.

Il MARTEDI 25/04 poi il mercato ha registrato  un andamento misto:

SEMI maggio 954,4 (-6,6) luglio 965 (-6,6) novembre 961 (-5,6)

FARINA maggio 313,5 (-2,9) luglio 317,7 (-2,9)

CORN maggio 365 (+5,6) luglio 371,6 (+6,2)

GRANO maggio 408,6 (+6,2) luglio 427 (+7,6) settembre 441 (+6,6)

Prosegue quindi una relativa staticità dei mercati. Come più volte ricordato, è difficile che certi valori possano arretrare ancora, mentre il maggiore fattore di influenza del prezzo rimane l’indice di cambio euro/dollaro.

Al momento rimane molto difficile interpretare le tendenze. E’ ipotizzabile un pronto per la farina di soya proteica a 342, partenza porto di Ravenna, e così forse sino a fine anno, mentre per il 2018 potrebbe virare sul 344, in linea di massima quindi mercato si dimostra ancora piuttosto piatto. I consumi continuano ad essere “tiepidi” per la zootecnia e l’industria mentre si stanno decisamente risvegliando per l’industria delle agroenergie (biodigestori)

Sui futuri ben poco da dire se non che i cereali sono ancora stimati in leggero rialzo, specie quelli esteri, ma adesso si dovranno rifare i conti con il nuovo cambio Euro Dollaro. Sul pronto continua il rincaro dei cruscami di grano e del seme di soya nazionale ogm free, anche se gli arrivi di maggio del prodotto dal sud e nord America porteranno, insieme al nuovo cambio, ad una netta frenata.

Indicatori internazionali 26 aprile 2017
l’Indice dei noli è sceso a 1154 punti, il petrolio è fermo a 50$/bar e l’indice di cambio segna 1,09051.

(resta sempre informato sull’argomento consultando la nostra sezione Agroalimentare)

 

logo andalini

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.

Torna su