Alitalia, tra referendum e premi… per le perdite

Taffazzi non lavora più all’Alitalia. Il 67% dei dipendenti della più grande compagnia aerea nazionale hanno respinto l’idea di ulteriori sacrifici. Hanno già dato

e la compagnia aerea ha continuato a perdere un milione al giorno.

di Lamberto Colla Parma 30 aprile 2017

All’indomani del referendum Alitalia gran parte degli esponenti governativi hanno espresso il loro rammarico per l’esito della consultazione che ha visto il 67% dei dipendenti Alitalia rifiutare la proposta d’accordo di salvataggio della compagna di bandiera.

Si vede che i vari “Taffazzi” erano già  stati epurati nei precedenti piani di ristrutturazione.

Già, perché occorre ricordare che il minimo comune denominatore delle diverse amministrazioni, pubbliche e private, che si sono succedute nel board Alitalia hanno sempre e solo operato sui tagli del personale e nient’altro.

Erano oltre 21.000 i dipendenti nel 2004 quando il governo dell’azienda era  ancora statale, poi passati a 18.500 nel 2008 e scesi a quasi 14.000  ne 2014 poco prima della trattativa che avrebbe portato all’ingresso di Etihad per poi scendere ancora a 10.134. Più che dimezzato il personale ora rientrato nella quota paragonabile a altri vettori (Ryanair 11.458 dipendenti, Easyjet 10.774 e Iberia 15.809).

Analogo andamento anche per il costo del personale che è andato a assottigliarsi sino una media di 60.515€ per dipendente.

Parametri che ora sono in perfetta linea con i principali concorrenti di Alitalia.Leggermente inferiore a Iberia (60.282), appena superiore a Easyjet (59.309) e Lufthansa (59.160), inferiore dell’8-9% a Vueling (65.071) e British Airways (65.566) e molto inferiore a quello di Air France-Klm (88.295).

Ciononostante le perdite Alitalia continuano a essere consistenti (si parla di 1 milione di euro al giorno) e ora sarebbe necessaria una nuova ricapitalizzazione di circa un miliardo di euro.

I grandi privilegi di cui un tempo godevano piloti e hostess sono stati quindi tutti azzerati mentre sono stati mantenuti per gli amministratori che, capaci o incapaci, hanno sempre goduto di interessanti buonuscite come ad esempio i 2,4 milioni riconosciuti all’amministratore delegato Silvano Cassano dimessosi nel 2015 dopo soli 9 mesi di mandato.

“Buonuscite fantasmagoriche, piani industriali mai realizzati, errori sui leasing, sui carburanti, aerei nuovi arrivati col contagocce, corsi di formazione ad Abu Dhabi per insegnare alle hostess italiane come si versa il vino”.  Questo il commento di Riccardo Canestrari, 54 anni, pilota civile dal ’92 e coordinatore nazionale piloti Anpac commentando la vittoria del ‘no’ al referendum su Alitalia.

E poi che dire della concorrenza interna che lo Stato ha posto in essere con l costruzione dell’Alta Velocità? Non era forse più strategico favorire il decongestionamento del traffico veicolare investendo sul trasporto ferroviario delle merci, implementando la rete ferroviaria con nuove e privilegiate tratte merci e incrementando i porti intermodali?

Niente di tutto ciò e le conseguenze le stiamo apprezzando sia in cielo che in terra. Attendiamo la grande abbuffata dei liquidatori e dei commissari. Loro si che avranno parcelle interessanti.

—————-&—————

(per seguire gli argomenti “Editoriali” clicca qui)

  

Torna su