OGM, nuovo record di superficie coltivata

Le colture Biotech / GM ad un nuovo picco di 185.1 milioni di ettari nel 2016. in appena 21 anni di commercializzazione è passato da 1,7 milioni di ettari nel 1996 a 185,1 milioni di ettari nel 2016 e solo nell’ultimo anno l’incremento è stato del 3% con un aumento di 5, 3 milioni di ettari.

Pechino (4 maggio 2017) – Oggi, il Servizio Internazionale per l’Acquisizione di Agri-biotech Applications (ISAAA) ha pubblicato il suo rapporto annuale mostra l’aumento di 110 volte nel tasso di adozione delle colture biotech a livello mondiale in soli 21 anni di commercializzazione – in crescita da 1,7 milioni di ettari nel 1996 a 185.1 milioni di ettari nel 2016. rapporto di ISAAA, “Stato globale del commercio di Biotech / GM colture: 2016,” continua a dimostrare i benefici di lunga data delle colture biotech per gli agricoltori in via di sviluppo e paesi industrializzati, così come vantaggi per i consumatori di varietà recentemente approvati e commercializzati.

“Le colture biotech sono diventati una risorsa agricola vitale per gli agricoltori di tutto il mondo a causa dei benefici immensi per migliorare la produttività e la redditività, così come gli sforzi di conservazione”, ha detto ISAAA Presidente del Consiglio, Paul S. Teng. “Con le approvazioni commerciali e piantagioni di nuove varietà di patate biotech e le mele, i consumatori potranno cominciare a godere di benefici diretti della biotecnologia con prodotti che non è probabile che rovinare o essere danneggiato, che a sua volta ha il potenziale di ridurre in modo sostanziale i rifiuti alimentari e di consumo i costi di alimentari “.

La, ISAAA riferisce che l’adozione di colture biotech ha ridotto le emissioni di CO2 pari a rimuovere circa 12 milioni di auto dalla strada ogni anno negli ultimi anni; conservato biodiversità salvando 19,4 milioni di ettari di terreno agricolo nel 2015; ed è diminuito l’impatto ambientale, con una riduzione del 19% in uso di erbicidi e insetticidi. 1 Inoltre, nei paesi in via di sviluppo, piantare colture biotech ha aiutato ad alleviare la fame, aumentando i redditi per 18 milioni di piccoli agricoltori e le loro famiglie, portando una maggiore stabilità finanziaria a oltre 65 milioni di persone.

“La biotecnologia è uno degli strumenti necessari per aiutare gli agricoltori a coltivare più cibo con meno terra”, ha spiegato il coordinatore ISAAA globale Randy Hautea. “Tuttavia, le promesse di colture biotech possono essere sbloccati solo se gli agricoltori sono in grado di acquistare e piantare queste colture, seguendo un approccio scientifico alle recensioni normative e approvazioni.”

Come più varietà di colture biotech sono approvati e commercializzati per l’utilizzo da parte degli agricoltori, ISAAA si aspetta di vedere i tassi di adozione continuano a salire e di beneficiare agricoltori nei paesi in via di sviluppo. Per esempio, tra le nazioni africane in cui i processi di regolamentazione hanno tradizionalmente creato barriere al tassi di adozione delle colture biotech, i progressi si stanno realizzando. Nel 2016, il Sudafrica e Sudan aumentato l’impianto di biotech mais, soia e cotone a 2,66 milioni di ettari da 2,29 milioni di ettari nel 2015. Altrove nel continente, una nuova ondata di accettazione sta emergendo come il Kenya, il Malawi, Nigeria, Etiopia, Ghana , Nigeria, Swaziland e Uganda fanno progressi nella revisione normativa e le approvazioni commerciali per una varietà di colture biotech.
“Anche con una lunga storia di barriere normative, gli agricoltori africani continuano ad adottare le colture biotecnologiche a causa del valore che si stanno rendendo conto della stabilità e la produttività delle varietà biotech“, ha detto Hautea. “Mentre sempre più paesi si muovono in avanti con recensioni normativi per le colture come banane, fagioli dall’occhio e il sorgo, crediamo piantagioni di colture biotech continuerà a crescere in Africa e altrove.”

Anche nel 2016, il Brasile ha aumentato zona biotech di mais, soia, cotone e da un notevole 11% – mantenendo la sua classifica come il secondo più grande produttore di colture biotech dopo gli Stati Uniti. In Brasile, la soia biotech rappresentano 32,7 milioni di ettari dei 91,4 milioni di ettari coltivati in tutto il mondo.

Per il 2016, ISAAA riferisce anche che ci sono stati miglioramenti nella commercializzazione e piantagioni di frutta e verdura con biotech benefici diretti per il consumatore. Tra queste, le approvazioni commerciali dei Innata ™ Russet Burbank Gen 2 patate che sono stati approvati dalla Food and Drug Administration per la vendita negli Stati Uniti e le Simplot Gen 1 patate marca bianco Russet ™ che sono stati approvati da Health Canada per la vendita di mercato fresco in Canada. Queste varietà di patata biotech hanno bassi livelli di asparagina, che riduce la creazione di acrilamide durante la cottura ad alta temperatura. Inoltre, i primi quantitativi commercialmente vendibili di mele Arctic® sono state raccolte nel 2016, conservato durante l’inverno e sono progettati per essere venduti nei negozi di alimentari degli Stati Uniti nel 2017.

Ulteriori punti salienti rapporto di ISAAA 2016 includono:
– zona globale rimbalzato nel 2016 con 185.1 milioni di ettari di colture biotech contro 179. 7 milioni di ettari 2015, quando l’area globale per tutte le colture è sceso, e 181,5 milioni di ettari nel 2014.
– Nel 2016, 26 paesi in totale, tra cui 19 in via di sviluppo e 7 paesi industriali, è cresciuto colture biotecnologiche. I paesi emergenti sono cresciute del 54% delle colture biotech, rispetto al 46% per i paesi industrializzati.
– Otto paesi dell’Asia e del Pacifico, tra cui Cina e India, è cresciuto a 18,6 milioni di ettari di colture biotech nel 2016.
– 10 paesi dell’America Latina, tra Paraguay e Uruguay, è cresciuto un combinato di 80 milioni di ettari di colture biotecnologiche nel 2016.
– Nel 2016, i paesi leader in crescita colture biotech hanno continuato ad essere rappresentato dagli Stati Uniti, Brasile, Argentina, Canada e India. Insieme, questi cinque paesi piantati 91% della superficie coltivata con piante geneticamente globale.
– Quattro paesi in Europa – Spagna, Portogallo, Repubblica Ceca e Slovacchia – è cresciuto più di 136.000 ettari di mais biotech nel 2016, con un incremento del 17% dal 2015, riflettendo necessità dell’UE per il mais resistente agli insetti.
Colture biotecnologiche con tratti sovrapposti hanno rappresentato il 41% della superficie mondiale, seconda solo alla tolleranza agli erbicidi al 47%.

Varietà di soia biotech hanno rappresentato il 50% della superficie coltivata con piante geneticamente globale. Sulla base di zona globale per singole colture, il 78% della soia, 64% cotone, 26% del mais e il 24% di colza coltivati in tutto il mondo erano varietà biotech.

I paesi con oltre il 90% adozione di soia biotech sono Stati Uniti, Brasile, Argentina, Canada, Sud Africa, e Uruguay; vicino o oltre il 90% l’adozione del mais biotech sono Stati Uniti d’America, Brasile, Argentina, Canada, Sud Africa, e Uruguay; oltre il 90% di cotone biotech sono Stati Uniti d’America, Argentina, India, Cina, Pakistan, Sud Africa, Messico, Australia, e Myanmar; e con il 90% o più di colza biotech sono Stati Uniti e Canada.

Torna su